X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

I magnifici 7, 'nel film tutti i personaggi sono connessi': intervista all'attrice Carrie Lazar

20/09/2016 11:40
I magnifici 7 'nel film tuttipersonaggi sono connessi' intervista all'attrice Carrie Lazar

Mauxa ha intervistato Carrie Lazar, attrice del film "I magnifici 7" ("The magnificent seven").

I magnifici 7 è il film di Antoine Fuqua distribuito da Sony Pictures. Nel cast ci sono Denzel Washington, Josh Farraday, Ethan Hawke, Vincent D’Onofrio, Byung-Hun Lee, Manuel Garcia-Rulfo, Martin Sensmeier e Carrie Lazar.

La storia - ispirata al film “I 7 samurai” di Akira Kurosawa - è ambientata nella città di Rose Creek, sotto il controllo nefasto dell'industriale Bartholomew Bogue (Peter Sarsgaard). I cittadini disperati assoldano sette fuorilegge, tra cacciatori di taglie, giocatori d'azzardo e mercenari per difenderli. La resa dei conti vede i sette lottare per un motivo che va oltre il denaro.

Mauxa ha intervistato l’attrice Carrie Lazar.

Carrie, nel film "I magnifici sette" interpreti Leni Frankel. Ci puoi raccontare il tuo personaggio?

Carrie Lazar. Il mio personaggio, Leni Franke è una donna forte di frontiera che, come molte donne del 1800 ha il coraggio di marciare attraverso gli Stati Uniti verso il west. È audace e ambiziosa. Ma quando Leni perde improvvisamente il sostegno del marito, lei entra in un momento di preoccupazione. Leni è in grado di recuperare le forze guardando la sua amica Emma (il personaggio di Haley Bennett), andando contro tutte le probabilità di salvare la città che hanno combattuto così duramente per costruire. Il coraggio di Emma e la gentilezza dei ‘Magnificent Seven' spinge Leni ad agire, per contribuire a rafforzare la sua comunità e gli abitanti della città.

D. Come si sono svolte le riprese?

C. L. Antoine Fuqua è un regista capace di motivare gli attori, compassionevole. penso sia il sogno di ogni interprete lavorare con lui. Ho saputo del ruolo due giorni prima di dover essere sul set, senza mai incontrare gli altri attori. Ma Antoine capisce l'importanza della connettività dei personaggi per creare grandi film. La prima scena che abbiamo girato tutti insieme è stata un incontro nella chiesa. Antoine ha fornito a noi lo spazio e il tempo di provare, capire quali fossero le nostre relazioni gli uni con gli altri. Sapeva che stava allestendo le relazioni del personaggio per il resto del film.

D. Spesso nei film accade che si reciti senza interagire con gli altri interpreti. Invece qui per tutte le riprese c’è stata molta sintonia?

C. L. Sì. Mi sento molto fortunato ad aver recitato con gli attori come Denzel Washington, il cui lavoro ho guardato e ammirato per anni. Haley Bennett ha un cuore enorme, è un'attrice di talento. Mi ricordo che girando una scena prima della battaglia finale, Haley stava guardando ogni ripresa sul monitor. Si avvicinò a me dopo un paio di riprese, mi ha dato un dettaglio incredibile che mi ha aiutano meglio a comprendere il campo di applicazione della scena. Era esattamente quello di cui avevano bisogno. Ho anche amato molto la condivisione di momenti, guardando “Blade Runner” insieme nella sua roulotte. Chris Pratt è un altra persona molto gentile e divertente; ci ha fatto ridere tutti sul set. Ethan e Vincent sono così generosi nelle loro performance, pienamente presenti con me in ogni scena. Vincent e io avevamo una scena nel salone, prima stavamo andando a camminare, mi prese e cominciò a ballare intorno al set, in stile country. Tutti i loro complimenti mi hanno incoraggiato per tutto il film. Potrei andare avanti raccontando quanto mi sono divertita a lavorare con i Sette, Manuel, Byung-Hun, Martin... quanto tempo ho?

D. Hai lavorato anche nella commedia di successo “Bad Moms", e nel thriller finanziario “The Big Short”. Quale genere preferisci?

C. L. Io preferisco qualsiasi parte in cui possa essere creativa. Sia impegnativa o divertente, cerco di fare ogni ruolo unico. “Bad Moms" e “The Big Short” avevano registi molto simpatici, i miei personaggi erano fatti per far ridere la gente. Personalmente, mi piace il tipo di risata che toglie il respiro. In “Bad Moms” il mio personaggio dice una frase che dovrebbe mettere a tacere goffamente le persone nella stanza. Durante le riprese, il regista ha dovuto continuare a chiedere alle persone di smettere di ridere, dopo la mia frase. Era un vero complimento! Al contrario, in “The Big Short” il regista (Adam McKay) ha mantenuto delle screpolature del mio personaggio. Era così spiritoso. Mi sono piaciuti entrambi, in modi diversi.

D. Una domanda sulla tua vita privata. Come è il tuo giorno (hobby, cibo e sport)?

C. L. Ho molto sostegno nella mia vita, da mio marito Cameron Duncan (che è direttore della fotografia), dai miei amici e familiari. Ho molteplici interessi: onestamente, se si parla di qualcosa che non ho provato, probabilmente è sulla mia lista o deve essere aggiunta. Io e mio marito eravamo a Porto, in Portogallo dove abbiamo visto persone saltare dal ponte ferroviario nel canale. Mi rivolsi a Cameron e dissi: "Oh mio Dio, sembra così divertente? Saltiamo!”. La sua risposta: "Se sembra divertente, che vuoi fare, eh?”. Questa sono fondamentalmente io. Corro anche in triathlon, suono il banjo. Un altro valore importante per me è fare volontariato: sono in una non-profit chiamata LA Family Housing, organizzazione che aiuta le persone e le famiglie senza dimora. Mia sorella lavora per LAFH e mi ha davvero istruito circa il problema dei senza fissa dimora, che vediamo ogni giorno in tutta la città di Los Angeles.

Qual è il suo prossimo progetto?

Ho un paio di progetti in forno. Sto girando una webseries che ho scritto con gli amici; unisce “Absolutely Fabulous” a “Two Broke Girls”. Si tratta di uno script divertente con persone fantastiche.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
I magnifici 7

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Uncertain, il lago delle 94 vite

Uncertain è il film di Ewan McNicol e Anna Sandilands che è uscito a marzo 2017 negli Stati Uniti. Dopo aver ottenuto il premio al Tribeca Film Festival del 2015, è stato presentato al Museo MoMa di New York ed è stato acclamato dalla critica. Uncertain è un paese di 94 abitanti al Harrison County nel Texas, al c...

 

Jonathan Demme, scrisse anche un libro il regista scomparso

Jonathan Demme, il regista scomparso oggi a New York aveva raccontato il suo rapporto con lo sceneggiatore di "Philadelphia" in un libro ripubblicato di recente. Si tratta di "Blue Days, Black Nights: A Memoir of Desire". Negli anni immediatamente dopo la sua candidatura agli Academy Award per "Philadelphia", lo sceneggiatore Ron Nyswaner affronta...

 

La Moglie di Frankenstein, forse il remake Universal ha il suo regista

Stando a “Deadline” Bill Condon, regista dell’adattamento live-action de “La Bella e la Bestia” che ha fatto incassare alla Disney più di un miliardo di dollari in tutto il mondo, è stato contattato per sviluppare il remake de “La Sposa di Frankenstein”, pietra miliare del cinema horror che &l...

 

Marilyn Monroe, la casa di West Los Angeles in vendita per 6,9 milioni di dollari

La casa di Marilyn Monroe di Brentwood è tornata in vendita, per la cifra di 6,9 milioni di dollari. L’attrice la acquistò per una somma di 90.000 dollari all'inizio del 1962, in una zona appartata di West Los Angeles. L’abitazione è grande 243 metri quadrati, con una residenza principale e una dependance per gli ...

 

Recensione del film L'amore criminale

L’amore criminale (“Unforgettable”) è il film di Denise Di Novi con Rosario Dawson, Katherine Heigl e Geoff Stults. Nella scena in cui Tessa Connover (Katherine Heigl) cerca di far restare la figlia Lily su un pericolo cavallo, e la nuova compagna del marito Julia Banks (Rosario Dawson) la dissuade si mostra già la ...

 

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 

Recensione del film La tenerezza

La tenerezza è il film di Gianni Amelio nelle sale. Nel cast ci sono Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi (leggi l'articolo sull'incontro con il cast) Il film esplora come l’incosciente che è fuori di noi possa segnarci. Così il protagonista Lorenzo (un compatto Renato...

 

L'inganno, immagini dell'infrazione dei tabù nel video del film con Nicole Kidman

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “L’inganno”, diretto da Sofia Coppola. Nel trailer si mostra Martha Farnsworth (Nicole Kidman) che gestisce un collegio: arriva John McBurney (Colin Farrell) un soldato trovato nei paraggi, e le giovani cominciano a provare attrazione per lui. Da Edwina Dabney (Kirsten Dunst) a ...

 

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni