X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Voyage of Time: Life's Journey, recensione della nascita e mutazione dell'energia dell'universo

16/09/2016 18:30
Voyage of Time Life's Journey recensione della nascita mutazione dell'energia dell'universo

Terrence Malick dirige un viaggio nell'immensità dell'energia che attraversa il cosmo, un documentario atipico che gode della voce narrante di Cate Blanchett per prendere vita, animarsi e mostrarsi al mondo, presentato in concorso al Festival di Venezia 2016.

Terrence Malick si riaffaccia al grande schermo con Voyage of Time: Life’s Journey, una produzione americano-tedesca che assume la forma di un documentario sulla creazione, ma con una forma ibrida, tendente al lungometraggio di finzione, non senza il filo conduttore della narratrice Cate Blanchett, nella versione proposta in concorso al Festival di Venezia 2016.

In Voyage of Time: Life’s Journey viene posta davanti agli occhi dello spettatore un’esperienza che travolge la mente razionale proponendo una descrizione dell’universo che sfocia dallo scientifico al quasi magico, risultando ipnotica ed ammaliatrice. Il film diretto da Terrence Malick rappresenta un vero e proprio viaggio esplorativo che abbraccia passato e presente, per poi sfociare in una riflessione sul futuro, più precisamente su quell’ipotetico luogo destinato ad accogliere l’umanità, in un tempo imprecisato.

Sempre presente nel corso di Voyage of Time: Life’s Journey è l’energia della natura, quell’intima forza che tutto genera e tutto trasforma, in una mutazione continua di cui l’uomo non è che il testimone prediletto. Usufruendo di effetti speciali innovativi e conducendo la propria macchina da presa in giro per il mondo ed oltre i confini dello stesso, per abbracciare una visione del cosmo entro cui la Terra è solo un piccolo tassello funzionante, il lungometraggio si prefigge come scopo quello di porre davanti agli occhi dello spettatore ciò che si dimostra durevole, ciò che riesce a vincere la resistenza imposta dal trascorrere del tempo.

Riflettendo quindi sul significato ultimo dell’esistenza, che rappresenta una delle domande che attanaglia l’essere umano fin dagli albori della sua nascita sulla Terra, Voyage of Time: Life’s Journey impone la cronologia scientifica dell’universo, dalla nascita delle stelle alla comparsa dell’essere umano su suolo terrestre e alle conseguenze che questa comparsa ha determinato. Il film assume il tono di documentario nel momento in cui vengono mostrati fenomeni naturali, sia celesti che terrestri, dalle proporzioni microscopiche e macroscopiche, tenendo in considerazione opinioni e consulenze di esperti scientifici: e allora le prime cellule mostrano la nascita, rivelano il momento in cui tutto si crea e si trasforma; poi fanno la loro comparsa pesci, e poi dinosauri, fino all’imposizione della specie umana e del suo modo di rapportarsi con il resto del creato.

Voyage of Time: Life’s Journey, dunque, vuole essere essa stessa testimone dell'esperienza immersiva che offre agli spettatori. Il cinema, quindi, si fa mezzo, strumento, per unire in un unico prodotto audiovisivo conoscenze scientifiche e misteri che non trovano una spiegazione, il cui collage prediletto è la passione per l’arte, che produce un'esperienza sensoriale, quasi interattiva, fuori dal comune.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Terrence Malick



Articoli correlati

Recensione film To The Wonder, la rivoluzionaria stanchezza di Terrence Malick

Terrence Malick in To The Wonder racconta di uomo e una donna che hanno una relazione, ma i loro caratteri sono troppo diversi e si lasciano. Questa è in sintesi la trama del film presentato alla Mostra de Cinema di Venezia, semplice come nei drammi borghesi dell’800 e altrettanto destabilizzante. Nell’epoca dei film in 3D ...

 

Mostra del Cinema di Venezia, oggi 2 settembre in concorso i dissidi di To The Wonder

La Mostra Internazionale del Cinema di Venezia oggi vede in concorso To The Wonder di Terrence Malick (Usa) con Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams e Javier Bardem: Marina e Neil dopo essere stati a Mont Saint-Michel tornano in Oklahoma, presto sorgono dei problemi. Marina infatti conosce un prete incerto sulla vocazione, Neil ritrova l&rsq...

 

Il Festival di Venezia 2012 propone un programma traboccante da Selena Gomez a Marco Bellocchio

È un programma traboccante quello della 69a Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, presentato stamattina all’hotel Excelsior di Roma dal direttore Alberto Barbera e dal presidente della Biennale Paolo Baratta. Gli Stati Uniti sono presenti solo con tre film ma di grande appeal: il progetto segreto di Terrence M...

 

E' nata una stella - Rooney Mara

Sempre più spesso il nome di Rooney Mara compare nei cast di film importanti, come in Millennium - Uomini che odiano le donne diretto da David Fincher, in uscita il 3 febbraio nelle sale italiane. Ma chi è e cosa ha fatto finora? Attrice ventisettenne statunitense, ha debuttato come attrice nel 2005 con un piccolo ruolo nel film horr...

 

Alone di mistero sui progetti di Terrence Malick

Ci aveva abituati ad una lentezza alla Kubrick nella lavorazione dei suoi film, con cinque soli titoli in trentotto anni. Incuriosisce quindi il fatto che il riservato e pignolo regista statunitense Terrence Malick stia contemporaneamente lavorando su quattro fronti, ovviamente tutti avvolti da un fitto alone di mistero, come suo solito. Il primo ...

 

Oscar 2012 - Tutte le nomination in attesa del 26 febbraio

Sono state annunciate ieri 24 gennaio a Los Angeles, nel corso di una breve cerimonia televisiva condotta dall'attrice Jennifer Lawrece e dal presidente dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences Tom Sherak, tutte le candidature ufficiali agli Oscar 2012 che si terranno domenica 26 febbraio e saranno presentati per la nona volta dall'attore c...

 

Recensione film The Tree of Life: una trama alla ricerca del fulcro dell’esistenza

Recensione The Tree of Life: dov’è il fulcro dell’esistenza. Il film di Terrence Malick conserva un copione talmente esile che se un regista esordiente lo sottoponesse ad un produttore, sarebbe confiscato in un cassetto e chiuso a chiave. Solo Malick poteva dirigere una storia di una famiglia texana degli anni Cinquanta, con la ...

 

Festival di Cannes 2011: diario del quinto giorno, tra alberi e bordelli

Festival di Cannes 2011: diario del quinto giorno, tra alberi e bordelli. Nella seconda settimana del festival, Terrence Malick – assente alla conferenza stampa - propone The tree of life-L’albero della vita. Nel Texas degli anni '50, Jack è cresciuto tra un padre autoritario e una madre amorevole e generosa. La nascita dei...

 

Terrence Malick e il nuovo film con Ben Affleck e Rachel Weisz

Terrence Malick, il regista più cerebrale di Hollywood torna al cinema con un film che vede come protagonisti Ben Affleck e Rachel Weisz. Il film è in post-produzione, e racconta una storia d'amore commovente e vigorosa, come nello stile del regista de La sottile linea rossa (1998). In sintonia con la riservatezza di Malick, nulla si...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni