X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Stranger Things, la forza dell'ambientazione nella serie tv amata dalla critica

14/09/2016 09:00
Stranger Things la forza dell'ambientazione nella serie tv amata dalla critica

Dal solido cast all'evocativa colonna sonora, sono tanti i punti di forza dell'ultimo successo targato Netflix. Ma l'ambientazione anni Ottanta, le innumerevoli citazioni pop e il fattore nostalgia sono innegabilmente tra gli ingredienti più importanti della ricetta che ha conquistato il pubblico

Stranger Things” si è abbattuto sul pubblico come la più perfetta delle tempeste. Dopo una promozione relativamente sottotono (non si trattava, d’altronde, di un prodotto già di culto come “House of Cards” oppure “Orange Is The New Black”), la serie tv è arrivata a metà luglio sulla nota piattaforma di streaming, e nel giro di qualche giorno internet l’aveva già dichiarata la serie dell’estate. A due mesi di distanza dal debutto, sono molti i critici pronti a includerla nelle loro classifiche di fine anno. 

Ma non sono state solo le recensioni a rendere “Stranger Things” così popolare. I suoi fan hanno alimentato l’hype semplicemente dicendo ai propri amici di guardare questo piccolo, strano, coinvolgente dramma che mescola horror soprannaturale, complotti, e amicizia. Il passaparola, nella sua antiquata semplicità, si sposa perfettamente con lo spirito nostalgico che tanto contribuisce al fascino di questa serie tv.

Stranger Things” infatti si svolge nel 1983, e sfrutta al meglio la sua ambientazione per rendere continuamente omaggio alle sue ispirazioni. Il cinema spielberghiano, i racconti di Stephen King, l’horror, il thriller, la fantascienza, i fumetti: questa serie tv è un meta-creatura pop che prende per mano lo spettatore e lo invita a perdersi nella nostalgia per i mitici anni Ottanta.

Il primo riferimento che salta all’occhio è quello a Steven Spielberg, e in particolare ad “E.T. L'extraterrestre”. Il trio di amici composto da Mike (Finn Wolfhard), Lucas (Caleb McLoughlin) e Dustin (Gaten Matarazzo) si muovono sempre in bicicletta, proprio come Elliot e la sua “banda”, mentre la misteriosa Eleven (Millie Bobby Brown) può considerarsi a tutti gli effetti un’extraterrestre rispetto agli altri bambini protagonisti. Ma è impossibile non pensare subito anche ad altre pellicole cult del cinema per ragazzi di quegli anni, come “I Goonies” e “Stand by me”, mentre i momenti horror portano alla mente “Poltergeist”, gli horror di John Carpenter, e più di un episodio di “X-Files” e “Twin Peaks” (show andati in onda negli anni ‘90, ma che hanno sicuramente fatto parte dell’infanzia dei creatori della serie, i fratelli Duffer, visto che sono nati nel 1984).

Molti dei diretti ispiratori di “Stranger Things”, come Stephen King e Guillermo del Toro, hanno dichiarato pubblicamente su Twitter il loro amore per la serie tv, contribuendo ad alimentarne la popolarità. “Stranger Things è puro divertimento. 10+. Non perdetevelo!”, ha scritto il Re dell’Horror lo scorso 18 luglio; “Stranger Things è parecchie cose: King, Spielberg, anni ‘80, me, ma più di ogni altra cosa, è bello!”, gli ha fatto eco il regista di “Pacific Rim” e “Il labirinto del fauno”.

Sull’onda del plauso unanime della critica e del pubblico, Netflix non ha perso tempo a rinnovare “Stranger Things”; la seconda stagione avrà nove episodi in cui, a quanto pare, compariranno tutti i protagonisti principali, ma dovremo aspettare parecchi mesi per saperne qualcosa di più.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Winona Ryder



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Winona Ryder e Michael Keaton: il ritorno sul set di Beetlejuice 2 per la regia di Tim Burton

Beetlejuice 2, sequel confermato. L'aveva già annunciato già Tim Burton lo scorso dicembre, durante il tour promozionale di Big Eyes: il sequel di Beetlejuice è in fase di realizzazione. Lo script è affidato a Seth Grahame - Smith (Darks Shadows, 2012) e David Katzenberg, che risultano anche tra i produttori del film ins...

 

Oggi nei cinema Usa: The Iceman, recensione del film con Michael Shannon e Winona Ryder

The Iceman è il film controverso che esce oggi nei cinema statunitensi: diretto da Ariel Vromel ripercorre la vicenda del killer Richard Kuklinski che uccise circa 100 persone, escludendo i casi non accertati. La storia analizza la sua vita familiare serena, con la moglie interpretata da Winona Ryder apparentemente all’oscuro dell&rsq...

 

Recensione film Il dilemma: l’inquieto film di Ron Howard

La critica americana non ha saputo ben definire questa commedia di Ron Howard, che dopo il successo de Il codice Da Vinci (2006) tratto dal best seller di Dan Brown pareva votato al thriller. Invece Howard spiazza con una comeddia (la precedente era EdTV, 1999) che vorrebbe proseguire come un film di Billy Wilder ma che poi si tramuta in una ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni