X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

10/09/2016 11:00
Venezia 73 recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

Manhattan di Woody Allen in versione restaurata 4K viene presentato per la prima volta alla Mostra del Cinema Internazionale di Venezia 2016

Un classico senza tempo quello che Woody Allen ha realizzato nel 1979 sullo sfondo di uno dei quartieri di New York più famosi al mondo. Manhattan è una commedia esilarante interpretata, oltre che dallo stesso regista, da Diane Keaton, Meryl Streep e Mariel Hemingway.

La trama di Manhattan vede Isaac (Woody Allen) uno scrittore di programmi televisivi divorziato alle prese con una relazione complicata con la giovane Tracy (Mariel Hemingway) mentre cerca l’amore della coetanea Mary (Diane Keaton) che si scopre innamorata del migliore amico di lui.

Manhattan esprime una narrazione basata sulle complicazioni relazionali ponendo l’attenzione sull’immaturità degli adulti che viene principalmente focalizzata proprio nel rapporto tra Isaac e Tracy. L’instabilità affettiva rappresenta una premessa che viene abilmente sfruttata per realizzare una sceneggiatura brillante e sagace. Gli aspetti più importanti che coinvolgono i protagonisti spesso vengono alleggeriti con battute caustiche e sempre pertinenti esponendo un adeguato senso di ridicolaggine “mi piace anche il tuo modo di esprimerti è conciso e degenerato”

I personaggi del film sono nevrotici, alla costante ricerca di qualcosa che possa appagarli, quasi assorbiti dal loro stato ed in enfasi per questa perlustrazione costante, non solo emotiva, per la quale perdono spesso di vista i loro reali obiettivi. Cervellotici, irritabili ed irritanti ma anche goffi e fragili, personaggi che s’inseriscono alla perfezione in una narrazione estremamente acuta quale ci ha abituati Woody Allen con i suoi film di maggior spessore. Le relazioni umani e sentimentali sono il vero enigma che sta alla base di questa commedia, un insieme di nevrosi che secondo il personaggio sono create ad arte dalla gente di Manhattan per evitare di occuparsi dei problemi più importanti o universali. Una critica ma anche un’accettazione della ordinarietà, intesa come fuga dalle maggiori responsabilità e dal confronto con la maturità.

Woody Allen sceglie il bianco e nero perché come il suo personaggio esprime nel film, New York è una città che è sempre esistita e sempre esisterà in bianco e nero, una scelta per rendere probabilmente senza tempo questa storia, riuscendoci senza riserva alcuna. E come nelle migliori commedia c’è sempre una battuta chiosa che spazza via ogni ansia e agevola la prospettiva “bisogna avere un po’ di fiducia sai nella gente”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Funne - le ragazze che sognavano il mare: intervista alla regista del film Katia Bernardi

Funne - le ragazze che sognavano il mare è il film documentario di Katia Bernardi in questi giorni nelle sale. La storia segue dodici ottantenni che abitano in un paese di montagna delle Dolomiti e che non hanno mai visto il mare. Così in occasione del ventennale di un circolo di pensionati si decide di avviare una raccolta fondi per ...

 

Logan, immagini feroci nel nuovo trailer del film

Un nuovo trailer del film “Logan” è stato pubblicato: su YouTube la clip ha raggiunto 108.675 visualizzazioni in poche ore, su Facebook 248 mila. Nelle immagini vediamo la piccola Laura Kinney / X-23 (Dafne Keen) mentre sgranocchia delle patatine in un supermercato ed è fermata da un commesso: lei con una mossa da judo lo...

 

Recensione del film Qua la zampa!

Qua la zampa! (“A Dog's Purpose”) è il film di Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson e K.J. Apa. Nel 1962 Ethan Montgomery (Bryce Gheisar) e sua madre (Juliet Rylance) salvano un cucciolo di Golden Retriever ferito e abbandonato. Il cucciolo viene adottato, e il diversivo che porta nella casa è quello di ...

 

Carlo Verdone, il nuovo film sarà una tragicommedia sulla convivenza

Carlo Verdone ha annunciato con queste parole il suo prossimo progetto: “Il mio nuovo film sarà corale ed esplorerà le fragilità e le debolezze della convivenza ai nostri tempi”. La dichiarazione risale allo scorso giugno, ed è stata rilasciata dall’attore e regista romano in vista di “Alberto il ...

 

Recensione del film Arrival

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti). Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), f...

 

Raw, nuove immagini del film horror sul cannibalismo

Nuove immagini di “Raw” sono state diffuse, il film horror di Julia Ducournau. Nelle immagini la protagonista Justine (Garance Marillier) entra nella nuova scuola, poi lei viene immessa in un rito in cui deve mangiare carne. In altre scene assaggia con voracità della carne cruda presa dal frigorifero, infine è a letto con...

 

The Founder, 'non si diventa un milionario essendo un boy scout': intervista all'attore del film David de Vries

The Founder è il film di John Lee Hancock, con un cast composto da Michael Keaton, Nick Offerman, John Carroll Lynch, Laura Dern e David de Vries. La trama è quella di Ray Kroc, venditore dell’Illinois che incontra Mac e Dick McDonald. I due avevano avviato un’attività di vendita di hamburger nella California del S...

 

Film più visti della settimana in USA: 'Il diritto di contare' resta primo seguito da 'La La Land'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 gennaio 2017 vede al primo posto “Hidden Figures” (“Il diritto di contare”) della 20th Century Fox: la storia è quella della matematica afroamericana Katherine Johnson che con le colleghe coadiuva la NASA nella corsa allo spazio. L’incasso to...

 

Logan, con Hugh Jackman il terzo film spin-off su Wolverine

Lo spin-off. “Logan” è un film cinecomic diretto da James Mangold (“Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line”, “Quel treno per Yuma”) e interpretato principalmente da Hugh Jackman (“Prisoners”) e Patrick Stewart (presente in alcuni film di “Star Trek” e degli ...

 

Logan, nuove immagini del film cine comic

Il regista James Mangold ha pubblicato sul suo profilo Twitter tre nuove foto del film “Logan”. Si tratta del personaggio di Logan / Wolverine (Hugh Jackman), di Charles Xavier / Professor X (Patrick Stewart) e Laura Kinney / X-23 (la giovane Dafne Keen). Il film è ambientato nel futuro, quando uno stanco Wolverine e il Profess...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni