X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

10/09/2016 11:00
Venezia 73 recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

Manhattan di Woody Allen in versione restaurata 4K viene presentato per la prima volta alla Mostra del Cinema Internazionale di Venezia 2016

Un classico senza tempo quello che Woody Allen ha realizzato nel 1979 sullo sfondo di uno dei quartieri di New York più famosi al mondo. Manhattan è una commedia esilarante interpretata, oltre che dallo stesso regista, da Diane Keaton, Meryl Streep e Mariel Hemingway.

La trama di Manhattan vede Isaac (Woody Allen) uno scrittore di programmi televisivi divorziato alle prese con una relazione complicata con la giovane Tracy (Mariel Hemingway) mentre cerca l’amore della coetanea Mary (Diane Keaton) che si scopre innamorata del migliore amico di lui.

Manhattan esprime una narrazione basata sulle complicazioni relazionali ponendo l’attenzione sull’immaturità degli adulti che viene principalmente focalizzata proprio nel rapporto tra Isaac e Tracy. L’instabilità affettiva rappresenta una premessa che viene abilmente sfruttata per realizzare una sceneggiatura brillante e sagace. Gli aspetti più importanti che coinvolgono i protagonisti spesso vengono alleggeriti con battute caustiche e sempre pertinenti esponendo un adeguato senso di ridicolaggine “mi piace anche il tuo modo di esprimerti è conciso e degenerato”

I personaggi del film sono nevrotici, alla costante ricerca di qualcosa che possa appagarli, quasi assorbiti dal loro stato ed in enfasi per questa perlustrazione costante, non solo emotiva, per la quale perdono spesso di vista i loro reali obiettivi. Cervellotici, irritabili ed irritanti ma anche goffi e fragili, personaggi che s’inseriscono alla perfezione in una narrazione estremamente acuta quale ci ha abituati Woody Allen con i suoi film di maggior spessore. Le relazioni umani e sentimentali sono il vero enigma che sta alla base di questa commedia, un insieme di nevrosi che secondo il personaggio sono create ad arte dalla gente di Manhattan per evitare di occuparsi dei problemi più importanti o universali. Una critica ma anche un’accettazione della ordinarietà, intesa come fuga dalle maggiori responsabilità e dal confronto con la maturità.

Woody Allen sceglie il bianco e nero perché come il suo personaggio esprime nel film, New York è una città che è sempre esistita e sempre esisterà in bianco e nero, una scelta per rendere probabilmente senza tempo questa storia, riuscendoci senza riserva alcuna. E come nelle migliori commedia c’è sempre una battuta chiosa che spazza via ogni ansia e agevola la prospettiva “bisogna avere un po’ di fiducia sai nella gente”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 
Da non perdere
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1 http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23153235&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1
Ultime news
Recensioni