X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

10/09/2016 11:00
Venezia 73 recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

Manhattan di Woody Allen in versione restaurata 4K viene presentato per la prima volta alla Mostra del Cinema Internazionale di Venezia 2016

Un classico senza tempo quello che Woody Allen ha realizzato nel 1979 sullo sfondo di uno dei quartieri di New York più famosi al mondo. Manhattan è una commedia esilarante interpretata, oltre che dallo stesso regista, da Diane Keaton, Meryl Streep e Mariel Hemingway.

La trama di Manhattan vede Isaac (Woody Allen) uno scrittore di programmi televisivi divorziato alle prese con una relazione complicata con la giovane Tracy (Mariel Hemingway) mentre cerca l’amore della coetanea Mary (Diane Keaton) che si scopre innamorata del migliore amico di lui.

Manhattan esprime una narrazione basata sulle complicazioni relazionali ponendo l’attenzione sull’immaturità degli adulti che viene principalmente focalizzata proprio nel rapporto tra Isaac e Tracy. L’instabilità affettiva rappresenta una premessa che viene abilmente sfruttata per realizzare una sceneggiatura brillante e sagace. Gli aspetti più importanti che coinvolgono i protagonisti spesso vengono alleggeriti con battute caustiche e sempre pertinenti esponendo un adeguato senso di ridicolaggine “mi piace anche il tuo modo di esprimerti è conciso e degenerato”

I personaggi del film sono nevrotici, alla costante ricerca di qualcosa che possa appagarli, quasi assorbiti dal loro stato ed in enfasi per questa perlustrazione costante, non solo emotiva, per la quale perdono spesso di vista i loro reali obiettivi. Cervellotici, irritabili ed irritanti ma anche goffi e fragili, personaggi che s’inseriscono alla perfezione in una narrazione estremamente acuta quale ci ha abituati Woody Allen con i suoi film di maggior spessore. Le relazioni umani e sentimentali sono il vero enigma che sta alla base di questa commedia, un insieme di nevrosi che secondo il personaggio sono create ad arte dalla gente di Manhattan per evitare di occuparsi dei problemi più importanti o universali. Una critica ma anche un’accettazione della ordinarietà, intesa come fuga dalle maggiori responsabilità e dal confronto con la maturità.

Woody Allen sceglie il bianco e nero perché come il suo personaggio esprime nel film, New York è una città che è sempre esistita e sempre esisterà in bianco e nero, una scelta per rendere probabilmente senza tempo questa storia, riuscendoci senza riserva alcuna. E come nelle migliori commedia c’è sempre una battuta chiosa che spazza via ogni ansia e agevola la prospettiva “bisogna avere un po’ di fiducia sai nella gente”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni