X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

10/09/2016 11:00
Venezia 73 recensione Manhattan presentato alla Mostra in versione restaurata

Manhattan di Woody Allen in versione restaurata 4K viene presentato per la prima volta alla Mostra del Cinema Internazionale di Venezia 2016

Un classico senza tempo quello che Woody Allen ha realizzato nel 1979 sullo sfondo di uno dei quartieri di New York più famosi al mondo. Manhattan è una commedia esilarante interpretata, oltre che dallo stesso regista, da Diane Keaton, Meryl Streep e Mariel Hemingway.

La trama di Manhattan vede Isaac (Woody Allen) uno scrittore di programmi televisivi divorziato alle prese con una relazione complicata con la giovane Tracy (Mariel Hemingway) mentre cerca l’amore della coetanea Mary (Diane Keaton) che si scopre innamorata del migliore amico di lui.

Manhattan esprime una narrazione basata sulle complicazioni relazionali ponendo l’attenzione sull’immaturità degli adulti che viene principalmente focalizzata proprio nel rapporto tra Isaac e Tracy. L’instabilità affettiva rappresenta una premessa che viene abilmente sfruttata per realizzare una sceneggiatura brillante e sagace. Gli aspetti più importanti che coinvolgono i protagonisti spesso vengono alleggeriti con battute caustiche e sempre pertinenti esponendo un adeguato senso di ridicolaggine “mi piace anche il tuo modo di esprimerti è conciso e degenerato”

I personaggi del film sono nevrotici, alla costante ricerca di qualcosa che possa appagarli, quasi assorbiti dal loro stato ed in enfasi per questa perlustrazione costante, non solo emotiva, per la quale perdono spesso di vista i loro reali obiettivi. Cervellotici, irritabili ed irritanti ma anche goffi e fragili, personaggi che s’inseriscono alla perfezione in una narrazione estremamente acuta quale ci ha abituati Woody Allen con i suoi film di maggior spessore. Le relazioni umani e sentimentali sono il vero enigma che sta alla base di questa commedia, un insieme di nevrosi che secondo il personaggio sono create ad arte dalla gente di Manhattan per evitare di occuparsi dei problemi più importanti o universali. Una critica ma anche un’accettazione della ordinarietà, intesa come fuga dalle maggiori responsabilità e dal confronto con la maturità.

Woody Allen sceglie il bianco e nero perché come il suo personaggio esprime nel film, New York è una città che è sempre esistita e sempre esisterà in bianco e nero, una scelta per rendere probabilmente senza tempo questa storia, riuscendoci senza riserva alcuna. E come nelle migliori commedia c’è sempre una battuta chiosa che spazza via ogni ansia e agevola la prospettiva “bisogna avere un po’ di fiducia sai nella gente”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Landline, i veri tradimenti in famiglia

Landline è il film di Gillian Robespierre con John Turturro uscito nelle sale statunitensi nei giorni scorsi. Un uomo può tradire la moglie, ed essere pedinato dalle figlie? È questo l’assunto del film, che vede nel cast Jenny Slate, Edie Falco, Abby Quinn. Fin dall’inizio si comprende che il film vira verso la co...

 

Full Metal Jacket, l'attore Matthew Modine incontrerà il pubblico

Il film di Stanley Kubrick “Full Metal Jacket” aprirà quest'anno il Festival HollyShorts che si tiene a Los Angeles. L’evento inizierà il 10 agosto e per l’occasione del trentesimo anniversario del film di Stanley Kubrick sarà presente l’attore Matthew Modine, che parteciperà ad un speciale...

 

Michelle Rodriguez, è una vedova rapinatrice nel nuovo film 'Widows'

Michelle Rodriguez sarà una vedova esperta in rapine nel nuovo film “Widows”, tratta dall’omonima serie andata in onda nel 1983 e 1985. L’attrice è apparsa da poco in “Fast & Furious 8” e nei quattro film precedenti, nel ruolo di Letty Ortiz, moglie fedele di Dominic Toretto. Ha lavorato in &ld...

 

Film più visti della settimana, 'Dunkirk' svetta al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 luglio 2017 vede svettare al primo posto la novità “Dunkirk” (50.500.000 dollari, leggi l’intervista): la storia è quella dell’operazione Dynamo, con cui nel 1940 si effettuò l’evacuazione delle truppe inglesi e franco-belghe da...

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni