X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: El Ciudadano Ilustre, originale burla, che passa per comicità e sfocia in dramma, della società

05/09/2016 16:33
Venezia 73 El Ciudadano Ilustre originale burla che passa per comicità sfocia in dramma della

Mariano Cohn e Gaston Duprat firmano la regia di un lungometraggio che ironizza in modo brillante ed accattivante sul significato e sul compito dell'artista, tendendo verso una comicità amara che candida il film a possibile vincitore del Leone d'Oro della presente edizione del Festival di Venezia 2016.

Oscar Martinez è il protagonista della co-produzione argentino-spagnola intitolata El Ciudadano Ilustre (The Distinguished Citizen/Il cittadino onorario), il film diretto a quattro mani da Mariano Cohn e Gaston Duprat in concorso alla 73° edizione del Festival di Venezia.

Daniel Mantovani (Oscar Martinez), Premio Nobel per la letteratura, è uno scrittore di fama internazionale che deve rispondere a diversi impegni burocratici e di facciata. Tra tutti gli inviti prestigiosi che riceve decide, dopo un momento di esitazione, di recarsi al suo paesino natale, Salas, in quanto il sindaco vuole celebrarlo come cittadino onorario. Ritrovando vecchi amici, che aveva lasciato alle sue spalle non essendo più voluto ritornare in quel paese per cui ha sempre provato un profondo disprezzo, e scoprendone di nuovi, tra scontri e polemiche Daniel avrà modo di aprirsi al mondo, non senza criticarlo aspramente, ridicolizzandolo in modo comicamente efficiente, per un’esperienza che inciderà sulla sua carriera di scrittore.

Mariano Cohn e Gaston Duprat danno inizio alle danze de El Ciudadano Ilustre: un monologo d’impatto cattura l’attenzione dello spettatore, catapultandolo nella dimensione unica ed originale imposta dal film, un mondo ironicamente surreale che gira intorno al significato da attribuire alla figura dell’artista, del creativo. Oscar Martinez dà corpo ad un personaggio personificazione di un’invettiva intelligente e disarmante che mette in scena una geniale e gigantesca “burla” ai danni di se stesso e della sua “illustre” professione, facendo dell’ironia la sua arma privilegiata, sfociando spesso e volentieri in una viva e funzionale comicità che attrae senza mai divenire ripetitiva e stancante.

La cerimonia inizialmente presentata, quella che ha come oggetto la consegna dell’ambito Premio Nobel, viene posta implicitamente a confronto con la cerimonia seguente, quella di attribuzione del titolo di cittadino onorario, mettendo in ridicolo la prima in favore della seconda, decretando come un piccolo evento cittadino mal organizzato possa avere un valore ed una dignità ben maggiore rispetto ad un evento di importanza riconosciuta a livello internazionale. Curando non solo confronti di questo tipo, ma anche dettagli visibilmente comici, rimanendo sempre distaccati rispetto ad essi, preferendo totali a spezzettanti primi piani e campi controcampi, i registi espongono chiaramente come l’ironia a sfondo aspramente critico sia strumento nelle loro mani per virare prepotentemente verso scene chiave in cui è insita una drammaticità nostalgica che guarda all’impossibilità di decifrare la realtà così come appare per via delle molteplici interpretazioni attribuibili.

E allora, quando si riflette sulla semplicità, Daniel Mantovani, il protagonista che funge da guida in questo viaggio verso la riscoperta del significato delle cose, afferma che “la semplicità può essere sovversiva”, citando Franz Kafka, facendo notare la diversa accezione che si può attribuire ad una parola che sembra racchiude un unico significato, ma in realtà apre ad una serie di sensi che tendono verso il conflitto. E anche quando si riflette sul concetto di verità, Daniel fa presto presente che “la verità non esiste, esistono solo interpretazioni” molteplici di essa, stabilendo come ci sia sempre la possibilità di interpretare un concetto mettendosi dalla parte opposta rispetto al punto preferenziale da cui lo si leggerebbe.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 

Un tirchio quasi perfetto, il film commedia sull'avarizia di Fred Cavayé

Un tirchio quasi perfetto è il film nelle sale diretto da Fred Cavayé, con Dany Boon, Laurence Arné e Noémie Schmidt. La storia è quella di François Gautier, che fa dell’avidità un’esigenza. Non spende mai più del necessario, ma quando incontra una donna la situazione muta. Inoltr...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni