X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2016, 'Break Up - L'uomo dei cinque palloni': la sfida insostenibile dell'incomprensione

04/09/2016 16:45
Festival di Venezia 2016 'Break Up - L'uomo dei cinque palloni' la sfida insostenibile dell'incompre

Il film "Break up. L'uomo dei cinque palloni" è stato proiettato alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito di Venezia Classici.

Abbiamo guardato il film "Break up. L’uomo dei cinque palloni", diretto da Marco Ferreri nel 1965 e proiettato alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito di Venezia Classici. 

La trama è focalizzata sul personaggio di Mario, interpretato da un indimenticabile Marcello Mastroianni. Proprietario di una fabbrica di caramelle, il protagonista principale conduce una vita piatta e ripetitiva, in attesa di sposare la sua fidanzata Giovanna quando un episodio occasionale finisce per sconvolgere la sua quotidianità. Dopo aver raccolto da terra un palloncino che la sua fabbrica utilizzava come gadget pubblicitario, decide di stabilire dettagliatamente fino a che punto questo potesse essere gonfiato, rincorrendo la soluzione anche attraverso i pareri di diversi esperti. 

Il sorgere del dilemma causa una notevole accelerazione della narrazione, che racconta allo spettatore le semplici quanto fatali modalità con cui un dilemma apparentemente privo di importanza possa trasformarsi in vera e propria ossessione.

"Ho deciso di girare per intero a Milano perché ho pensato e sceneggiato il film, insieme a Rafael Azcona, come un avvenimento possibile in una grande città moderna, in cui gli uomini vivono condizionati dal sistema, mettendo in moto un enorme ingranaggio" - dichiarò Marco Ferreri a l'Unità nel gennaio 1964 - "E questi individui entrano perciò in piena tragedia quando non riescono a scoprire la ragione del difettoso funzionamento d’una rotellina che si muove nel complesso dell’ingranaggio.”

Il film è connotato da una crescente intensità emotiva e uno stile di commedia che lascia spazio a una profonda drammaticità rivolta verso la società capitalistica. La straordinaria espressività di Marcello Mastroianni esalta il dilemma interiore del personaggio, inevitabilmente smarrito nell'affrontare la sfida insostenibile dell'incomprensione.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Personaggi correlati
Marcello Mastroianni



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Libro Ieri, oggi, domani. La mia vita: l'autobiografia di Sofia Loren in libreria

Ieri, oggi, domani. La mia vita di Sophia Loren. Sophia Loren si racconta per la prima volta in un libro: Ieri, oggi, domani. La mia vita, autobiografia edita da Rizzoli appena uscita in libreria. Sophia Loren il sodalizio artistico con Vittorio De Sica e Marcello Mastroianni. Intervistata da Fabio Fazio a Che Tempo che fa, Sophia Loren ricorda la...

 

Marcello Mastroianni: risale al 1700 il casale dell'attore di 2000 mq che è in vendita a Lucca

Marcello Mastroianni, suo il casale risalente al 1700 e messo in vendita con un annuncio su immobiliare.it. In tutto 2000 mq, la villa è immersa nelle colline toscane e il suo prezzo è di 1 milione e 200 mila euro. Casale di Marcello Mastroianni. Immersa nelle colline toscane la villa si sviluppa su una superficie di 860 mq, ma ci so...

 

Festival di Cannes, l'intramontabile Marcello Mastroianni nella locandina, edizione 67 all'orizzonte

Il Festival del cinema di Cannes ha scelto l'immagine di copertina, la sua cover per presentarsi in forma smagliante alla 67esima edizione che si avvicina sempre più. Lo ha fatto usando l'immagine di Marcello Mastroianni, celebre attore reso immortale dai film di Federico Fellini. Paul Newman. La 67esima edizione del Festival del cinema di ...

 

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, This Must Be The Place di Paolo Sorrentino

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, tra pelle sintetica e ricerche naziste. Il Festival che volge al termine, basito dalla situazione innescata da Lars Von Trier per le sue affermazioni anti-semite, propone gli ultimi film in gara. La Piel Que Habito  dello spagnolo Pedro Almodóvar racconta di un chirurgo pla...

 

Federico Fellini: Otto e mezzo, il film classico con Claudia Cardinale e Marcello Mastroianni

Guido Contini si trova in un ingorgo: all'improvviso tenta di uscire dall'auto ma il finestrino è sigillato. Lo ritroviamo in cielo, con una fune che gli strattona la caviglia. Precipita sulla spiaggia. Durante un incontro con un critico d'arte, alle terme di Chiancano, Guido ha la visone di Claudia: una ragazza dal viso candido e disciplin...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni