X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: L'argent, recensione dell'ultimo esempio di minimalismo di Bresson

03/09/2016 09:30
Venezia 73 L'argent recensione dell'ultimo esempio di minimalismo di Bresson

Non solo intense opere del presente, il Festival di Venezia 2016 offre anche diversi lungometraggi dai grandi autori del passato: e allora ecco, per la sezione Venezia Classici, la versione restaurata dell'ultimo film girato dal regista francese Robert Bresson, L'argent (1983).

L’argent è un film d’oltralpe che, proveniente dalla Francia, madrepatria dei padri fondatori del cinema, mostra l’operato di uno tra i più popolari registi francesi della seconda metà del Novecento, quale Robert Bresson, focalizzando l’attenzione sull’ultima storia adattata per grande schermo dall’autore.

Tutto ha inizio dalla decisione di alcuni ragazzi di “piazzare” cedole false, comperando in un negozio qualunque una cornice e pagando con il denaro creato appositamente. Partendo da quella semplice azione hanno inizio drammatiche conseguenze, di portata via via crescente, che interessano un terzo attante dell’azione, un operaio che viene accusato di essere l’artefice delle false cedole. Da quel momento in poi quell’operaio, un giovane uomo qualunque, non riuscirà più a riprendere le redini della sua esistenza in mano, divenendo un prodotto misto tra gli effetti delle azioni altrui e le conseguenze delle sue personali scelte.

L’argent, pellicola datata 1983, rappresenta l’ultimo lavoro di Robert Bresson che, presentato al Festival di Cannes, vinse il Grand Prix du Cinéma de Création. Tratto da La cedola falsa di Tolstoj, esattamente come aveva precedentemente fatto con il suo famoso Un condannato a morte è fuggito, a sua volta tratto da un racconto autobiografico di André Devigny pubblicato su le Figaro Littéraire del 20 dicembre 1954, il regista opera una trasposizione per grande schermo accentuando uno dei suoi tratti distintivi, ossia l’attenzione maniacale per i dettagli.

Con spennellate di colore, evidenti soprattutto nelle tinteggiature delle pareti, non a caso Robert Bresson ha iniziato la sua carriera professionale in qualità di pittore, attribuisce un carattere unitario ad uno sfondo che intrappola i personaggi: e allora, quando posiziona la macchina da presa ad una certa angolazione, immortala una parte di spazio presa in esame, per poi far entrare soggetti che vengono inglobati in quell’inquadratura fissa, lasciando intendere come gli stessi entrino così in una vera e propria prigione, dalla quale solo lo stacco successivo di montaggio potrà liberarli.

Noto per la maniacale cura dei più piccoli particolari, sempre protagonisti nella maggior parte delle inquadrature che definiscono ogni singola scena, Robert Bresson espone in modo plastico quanto è chiamato a documentare: e allora, quando la macchina da presa rimane fissa, ponendo l’attenzione sul bicchiere vuoto, oppure sulla borsa che viene chiusa, non decidendo mai di optare per un movimento di macchina teso ad avvicinarsi all’oggetto, l’autore esprime la sua volontà di accentuare il distacco dall’immagine, per dare l’illusione che tutto ciò esposto sia rappresentazione meccanica dell’esistenza. Anche i più minimi dettagli sono essenziali per definire la realtà dei fatti perché, come ricorda uno dei personaggi in L’argent, “niente è peggio della finzione”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Johnny Depp al Festival di Glastonbury critica Donald Trump

L’attore Johnny Depp durante il Festival di Glastonbury in Inghilterra ha effettuato dei commenti riguardo il Presidente Donald Trump. Dopo la proiezione del film del 2004 “The Libertine” l’attore si è rivolto al pubblico dicendo: “Penso che abbia bisogno... di aiuto. Quando è stata l'ultima volta che un...

 

Festival Internazionale del Cinema di Valencia, varietà e creatività: intervista al direttore

Il Festival Internazionale del Cinema di Valencia - Cinema Jove è giunto alla 32esima edizione. Inizia oggi nella città della Comunità Valenciana per proseguire fino al 1 luglio. Nato per dare voce ai giovani registi internazionali, è diventato un punto di riferimento per le varie forme di espressione che riesce a conci...

 

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni