X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: L'argent, recensione dell'ultimo esempio di minimalismo di Bresson

03/09/2016 09:30
Venezia 73 L'argent recensione dell'ultimo esempio di minimalismo di Bresson

Non solo intense opere del presente, il Festival di Venezia 2016 offre anche diversi lungometraggi dai grandi autori del passato: e allora ecco, per la sezione Venezia Classici, la versione restaurata dell'ultimo film girato dal regista francese Robert Bresson, L'argent (1983).

L’argent è un film d’oltralpe che, proveniente dalla Francia, madrepatria dei padri fondatori del cinema, mostra l’operato di uno tra i più popolari registi francesi della seconda metà del Novecento, quale Robert Bresson, focalizzando l’attenzione sull’ultima storia adattata per grande schermo dall’autore.

Tutto ha inizio dalla decisione di alcuni ragazzi di “piazzare” cedole false, comperando in un negozio qualunque una cornice e pagando con il denaro creato appositamente. Partendo da quella semplice azione hanno inizio drammatiche conseguenze, di portata via via crescente, che interessano un terzo attante dell’azione, un operaio che viene accusato di essere l’artefice delle false cedole. Da quel momento in poi quell’operaio, un giovane uomo qualunque, non riuscirà più a riprendere le redini della sua esistenza in mano, divenendo un prodotto misto tra gli effetti delle azioni altrui e le conseguenze delle sue personali scelte.

L’argent, pellicola datata 1983, rappresenta l’ultimo lavoro di Robert Bresson che, presentato al Festival di Cannes, vinse il Grand Prix du Cinéma de Création. Tratto da La cedola falsa di Tolstoj, esattamente come aveva precedentemente fatto con il suo famoso Un condannato a morte è fuggito, a sua volta tratto da un racconto autobiografico di André Devigny pubblicato su le Figaro Littéraire del 20 dicembre 1954, il regista opera una trasposizione per grande schermo accentuando uno dei suoi tratti distintivi, ossia l’attenzione maniacale per i dettagli.

Con spennellate di colore, evidenti soprattutto nelle tinteggiature delle pareti, non a caso Robert Bresson ha iniziato la sua carriera professionale in qualità di pittore, attribuisce un carattere unitario ad uno sfondo che intrappola i personaggi: e allora, quando posiziona la macchina da presa ad una certa angolazione, immortala una parte di spazio presa in esame, per poi far entrare soggetti che vengono inglobati in quell’inquadratura fissa, lasciando intendere come gli stessi entrino così in una vera e propria prigione, dalla quale solo lo stacco successivo di montaggio potrà liberarli.

Noto per la maniacale cura dei più piccoli particolari, sempre protagonisti nella maggior parte delle inquadrature che definiscono ogni singola scena, Robert Bresson espone in modo plastico quanto è chiamato a documentare: e allora, quando la macchina da presa rimane fissa, ponendo l’attenzione sul bicchiere vuoto, oppure sulla borsa che viene chiusa, non decidendo mai di optare per un movimento di macchina teso ad avvicinarsi all’oggetto, l’autore esprime la sua volontà di accentuare il distacco dall’immagine, per dare l’illusione che tutto ciò esposto sia rappresentazione meccanica dell’esistenza. Anche i più minimi dettagli sono essenziali per definire la realtà dei fatti perché, come ricorda uno dei personaggi in L’argent, “niente è peggio della finzione”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin