X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: The Bleeder, recensione della discesa e ascesa di un eroe finora sconosciuto

03/09/2016 08:30
Venezia 73 The Bleeder recensione della discesa ascesa di un eroe finora sconosciuto

Tra i titoli Fuori Concorso presentati durante il Festival di Venezia 2016 un posto d'onore è riservato a The Bleeder, film diretto da Philippe Falardeau, con Liev Schreiber e Naomi Watts.

The Bleeder nasce come co-produzione americano-canadese che vede alla regia Philippe Falardeau, potendo contare su una performance impeccabile, quale quella di Liev Schreiber, sostenuta da una spalla di tutto rispetto, quale il personaggio di Naomi Watts.

Sono gli anni Settanta e il pugile Chuck Wepner (Liev Schreiber) sogna di scalare la classifica dei pesi massimi mondiali. Essendo l’unico bianco tra i primi dieci, Chuck vede una possibile svolta per la sua carriera avvicinarsi quando gli viene proposto di scontrarsi sul ring con il campione vigente, l’imbattibile Muhammed Alì. Riuscendo storicamente a resistere 15 round senza cadere al tappeto, Chuck accoglie di buon grado la fama e la gloria conseguente lo scontro, ma l’elevato grado di insicurezza che si porta addosso lo spinge ad avvinghiarsi al trinomio alcol, donne, droga, rimanendone vittima. Distruggendo pezzo dopo pezzo la sua esistenza, buttandosi nelle braccia dei vizi più distruttivi, Chuck perderà non solo la famiglia, moglie e figlia, ma anche l’opportunità di prendere parte come attore al sequel del cult Rocky, film girato prendendo spunto proprio dalla sua vicenda personale di pugile. Ma come i pugili professionisti si rialzano sempre dopo aver imparato ad incassare efficacemente un colpo, così Chuck Wepner saprà risollevarsi dal baratro in cui era scivolato, riemergendo a nuova vita, non senza l’aiuto di una nuova compagna, Linda (Naomi Watts).

Philippe Falardeau decide di impostare un filo conduttore capace di tenere in mano le fila del discorso attraverso l’utilizzo di un efficace narratore interno impersonato dal protagonista stesso, il pugile realmente esistito Chuck Wepner. Prendendo a prestito la travagliata storia dell’ascesa, caduta e ripristino della vita di Chuck, The Bleeder narra in modo spigliato, ma non per questo meno intenso, i momenti salienti che hanno contribuito a definire l’esistenza di un eroe, in bilico precario tra fama, accerchiato da folle esaltanti le sue gesta sul ring, e baratro, in completa solitudine con il se stesso consumato dalla droga.

Lavorando con un cast verso il quale non si può che nutrire un profondo rispetto, Philippe Falardeau manipola efficacemente il talento esplosivo che dimostra avere l’attore Liev Schreiber e, ponendogli accanto una personalità attoriale del calibro di Naomi Watts, dà vita ad un’opera capace di narrare gli alti e bassi dell’uomo prima che del pugile. Disponendo di campi e contro-campi, ma imponendo alla macchina da presa di oscillare, quasi a voler materializzare quella tangibile insicurezza propria del protagonista, The Bleeder mette insieme i pezzi del puzzle che compongono l’esistenza di Chuck Wepner, incollando ogni tassello al suo posto, per un mosaico dove compare di tutto, ma ogni cosa è ben inserita, dalla rappresentazione degli incontri sul ring, alla focalizzazione sulle scelte di un uomo comune, ma chiamato ad essere testimone di eventi che rimarranno scritti nella storia.

E allora il Chuck Wepner di Liev Schreiber guarda dalla distanza, attraverso il vecchio schermo di un televisore, il trionfo agli Oscar del film con Sylvester Stallone. Il film si rifà alla sua vita, ma lui non ne fa parte. Allora giungerà il momento in cui deciderà di voler far parte della sua stessa vita, senza continuare a far sì che scelte sbagliate lo fuorviino dal vero Chuck Wepner, e così arriverà il giorno nella sua esistenza in cui deciderà di essere il vincitore e sarà quello il momento in cui diventerà lui il vero Rocky Balboa e allontanerà per sempre dalla sua persona il soprannome di sanguinolento (the bleeder) di Bayonne!

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Liev Schreiber, Naomi Watts



Articoli correlati

Demolition, il nuovo film con Jake Gyllenhaal e Naomi Watts di Jean-Marc Vallée

Demolition. E’ un film Usa di genere commedia/drammatico del 2015, diretto da Jean-Marc Vallée (Dallas Buyers Club, 2014) su sceneggiatura di Bryan Sipe. La pellicola è prodotta da Mudd Russell Smith insieme a Lianne Halfon e John Malkovich. Jason Reitman, Helen Estabrook e Nathan Ross saranno invece i produttori esecutivi. Demo...

 

Nicole Kidman e Naomi Watts, il retroscena del bacio durante la premiazione di Women in Film

Nicole Kidman e Naomi Watts bacio. E' Naomi Watts a consegnare il premio a Nicole Kidman nel contesto del Women in Film Crystal + Lucy Awards. A sorpresa, sul palco del Century Plaza Hotel di Los Angeles che ospitava la kermesse dedicata alle eccellenze femminili, Nicole Kidman è stata l'artefice di un divertente fuori programma, grazie a un...

 

Nicole Kidman bacia Naomi Watts al Crystal + Lucy Awards, l'appello dell'attrice Premio Oscar

Nicole Kidman bacia Naomi Watts. Premiata al Women in Film Crystal + Lucy Awards, Nicole Kidman ha baciato sulle labbra la collega e amica Naomi Watts sul palco del Century Plaza Hotel di Los Angeles che ospitava la kermesse. Entrambe le attrici indossavano divertenti cuffie da doccia. Retroscena. Nicole Kidman ha raccontato il retroscena del gest...

 

While We're Young, generazioni a confronto nel nuovo film commedia con Ben Stiller e Naomi Watts

While We're Young film commedia. "While We're Young" è un film commedia Usa del 2014, diretto da Noah Baumbach su sceneggiatura dello stesso regista, qui nelle vesti anche di produttore insieme ad Eli Bush, Scott Rudin e Lila Yacoub. La pellicola si avvale della fotografia di Sam Levy, delle musiche di James Murphy e del montaggio di Jennife...

 

The Sea of Trees anteprima film, la rinascita artistica di Matthew McConaughey prosegue con Gus Van Sant

The Sea of Trees anteprima film. Un tema scottante come la morte e/o il suicidio non è certo facile da affrontare sul grande schermo, ma se c’è un regista che in passato ha dato prova di saperlo fare più che bene, quello è Gus Van Sant, che all’argomento addirittura ha dedicato una trilogia (”Gerry&rdqu...

 

Look Lady Diana: icona di stile tra passato e futuro

Icona di stile. Sognate uno stile da Principessa? Ecco lei, la più amata, un’icona di eleganza e bon ton: Lady Diana. A pochi giorni dalla data di anniversario della sua tragica morte, che è ricorsa il 31 agosto, noi vogliamo ricordarla come un modello di umanità e sensibilità, oltre che di stile. Certo, all’...

 

Venezia 71, Birdman come Batman con Micheal Keaton in apertura: la caduta dei supereroi

Mostra del cinema di Venezia 2014 - Conto alla rovescia per la settantunesima edizione del Mostra del Cinema di Venezia. Diretta da Alberto Barbera, si terrà dal 27 agosto al 6 settembre. Il film in concorso Birdman (o Le imprevedibili virtù dell'ignoranza) inaugurerà la kermesse. Birdman trama – Michael Keaton interpret...

 

Diana: un manifesto manda su tutte le furie l’Inghilterra, giovedì il film al cinema

"Diana La storia segreta di Lady D" sarà nelle sale da giovedì, distribuito dalla Bim in 350 copie. Il film è stato diretto del regista tedesco Oliver Hirschbiegel e vede nelle vesti della bella principessa Naomi Watts. Il biopic è incentrato sugli ultimi due anni di vita della principessa triste. Ed in effetti la scel...

 

Naomi Watts: Birdman pellicola in lavorazione è Lady D. in Diana

Naomi Watts, la bellissima attrice un'attrice britannica naturalizzata australiana, interpreterà la principessa Diana Spencer nel film "Diana" diretto del regista tedesco Oliver Hirschbiegel, biopic sugli ultimi due anni di vita della principessa triste. Ed in effetti la scelta della bionda attrice non poteva essere più azzeccata: ...

 

Recensione film Comic Movie, una folle commedia che trascende la realtà

Comic Movie o nel titolo originale di Movie 43 è una commedia leggera basata su una serie di scene contraddistinte dalla follia irriverente o da difetti paradossali dei personaggi o innovativi sistemi educativi in perfetto stile trash. Alcuni ragazzi intenti a fare uno scherzo al proprio amico nerd gli chiedono di trovare in rete un video v...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni