X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: incontro con Wim Wenders e Sophie Semin

02/09/2016 15:45
Venezia 73 incontro con Wim Wenders Sophie Semin

Al Festival del cinema di Venezia abbiamo partecipato alla conferenza di "The Beautiful Days of Aranjuez" di Wim Wenders

Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa con il regista Wim Wenders, l'attrice Sophie Semin per la presentazione al Festival del Cinema di Venezia del film "The Beautiful Days of Aranjuez". Il film racconta due due personaggi, un uomo e una donna nati dall'immaginazione di uno scrittore, che dialogano del loro passato, conoscendosi lentamente.

D. Come mai avete scelto il rapporto uomo-donna da raccontare?
R. La storia dell'uomo e della donna nasce proprio dalla differenza tra uomo e donna, con una mela in mezzo. Ecco perché abbiamo inserito una mela nel film. Si tratta della differenza che hanno segnato conflitti nella storia dell'umanità.

La scelta del 3D è dovuta a motivazioni estetiche, dato che il luogo simbolico del film doveva echeggiare quello spirituale dei due personaggi. "È stato scelto perché il luogo è come se fosse il paradiso, situato su l'Ile de France, con un giardino realizzato da Sarah Bernard e creato proprio all'inizio del '900. Volevo uccellini che cinguettassero, una luce del sole perfetta, e il 3D era il modo perfetto per rendere la pace che doveva trasparire. Non avrei potuto farvi partecipare se non in altra maniera".

Il protagonista maschile, Jens Harzer afferma di avere visto la pièce in un teatro di Vienna: "quando Wenders mi chiese se volevo interpretare un personaggio di uno scrittore taciturno, ho subito accettato".

D. Sophie, il significato del film è anche collegato con una scoperta reciproca. Cosa ne pensa?
R. Sophie Semin. Wim Wenders mi ha scelto. La comunicazione inizia perché si tratta di un dialogo, l'uomo è curioso, vuol sapere come siano stati i suoi rapporti passati, ma lei tace. Lei vuol parlare di più del suo paese interno. È bello però il fatto che lui chieda sempre, in una sorta di progressione. Questo è lo spazio di un cinema inteso come paese della pace, del linguaggio , della possibilità che grazie alle parole si scambino idee. È anche il paese del sogno, è l'amore della vita, del mondo. Non possiamo parlare di sesso, è una cosa interna,molto profonda. Non sono nostalgici ma forse melanconici, e questa melanconia diventa poi gioia.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Wim Wenders



Articoli correlati

Wim Wenders, 'il tema principale è la guarigione' dice del film a Berlino con James Franco

Wim Wenders ha ottenuto un’ottima accoglienza al Festival di Berlino dove ha presentato il film "Every Thing Will Be Fine", interpretato da James Franco. Wim Wenders. Il regista Wim Wenders ha girato il suo ultimo film muti in 3D, perché aveva l’obiettivo di esplorare visivamente le profondità dei suoi personaggi, tra cui...

 

London Latin American Film Festival 2014, dal 14 al 23 novembre il meglio del cinema sudamericano a Londra

London Latin American Film Festival 2014. Ci siamo quasi: Tra poco il grigio autunno londinese per 10 giorni a novembre lascerà il posto alle calde tonalità tipiche del mondo latino americano. Almeno sul grande schermo: sì, perché la capitale del Regno Unito si prepara ad ospitare il London Latin American Film Festival, ...

 

Il sale della terra recensione film, Wim Wenders co-dirige un documentario sul fotografo Sebastião Salgado

Il sale della terra (The Salt of the Earth) è un documentario co-diretto da Wim Wenders e da Juliano Ribeiro Salgado sulla vita e le opere del padre di quest’ultimo: Sebastião Salgado. Esce giovedì 23 ottobre nelle sale cinematografiche di tutta Italia. Il film è distribuito da Officine UBU. Il sale della ter...

 

Wim Wenders dirige Every Thing Will Be Fine con Sarah Polley

Dopo il documentario Pina (2011), in omaggio alla coreografa tedesca Pina Bausch, Wim Wenders torna con un nuovo progetto cinematografico: Every Thing Will Be Fine (2014) con Sarah Polley protagonista. Every Thing Will Be Fine racconta la vicenda di Thomas che, dopo un litigio domestico, guida senza meta nella periferia della cittadina: accid...

 

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Abbiamo intervistato Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra g...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni