X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione American Anarchist: il disagio dello scheletro nell'armadio

02/09/2016 12:00
Venezia 73 recensione American Anarchist il disagio dello scheletro nell'armadio

Mostra del cinema di Venezia 2016, fuori concorso viene presentato Il documentario scritto e diretto da Charlie Siskel sul controverso libro The anarchist cookbook

The Anarchist Cookbook è il controverso libro scritto da William Powel quando aveva diciannove anni. Un testo che ha venduto oltre due milioni di copie e che ancora oggi continua ad essere richiesto ma che ha lo spiacevole primato di essere ritrovato nelle auto, negli appartamenti e negli zaini di alcuni attentatori isolati e disturbati che lo hanno utilizzato per fabbricare rudimentali armi alimentando così il tragico fenomeno delle stragi negli istituti scolastici.

Un ricettario, come denominato dallo stesso autore, contenente le spiegazioni per realizzare esplosivi ed armi. Seguendo le istruzioni del testo, così come si evince da alcuni filmati che circolano in rete, si possono produrre oggetti estremamente pericolosi nella cucina della propria casa. Questo è stato ciò che maggiormente ha disturbato l'autore il quale non si era reso conto della potenzialità negativa che il suo scritto ha portato nella società civile.

Charlie Siskel ha realizzato un documentario inappuntabile, permettendo all'autore intervistato di risponderà al motivo per il quale ha scritto The Anarchist CookBook. Spiega Powel che è stato fortemente condizionato dalla situazione politica e culturale di fine anni sessanta quando la lotta per i diritti civili aveva assunto toni drammatici ed il governo americano rimaneva fermo nel perseguire obiettivi guerrafondai verso l'estero. Le proteste di piazza venivano costantemente sedata anche con l'uso di violenza da parte delle forze dell'ordine. In questo clima di rabbia crescente, Powel cominciò a consultare testi contenenti informazioni relative ad armi ed esplosivi ed a raccoglierle in una sorta di manuale. Tutto questo perché sentiva di dover fare qualcosa per rovesciare l'ordine costituito e permettere al popolo di riprendere il controllo di un potere che secondo l'autore stava opprimendo parte della popolazione. Egli non avrebbe voluto l'effetto ottenuto ma solo far condividere informazioni di cui il Governo disponeva e permettere, all'occorrenza, al popolo di difendersi.

American Anarchist fa emergere con estrema chiarezza il disagio di Powel verso questo testo che gli ha procurato anche notevoli problemi nella ricerca di un lavoro. Sebbene avesse tentato di chiedere all'editore l'interruzione della pubblicazione, egli non aveva potere in quanto aveva ormai ceduto tutti i diritti. Il disagio di sentirsi responsabile per il contenuto di ciò che ha scritto lo ha portato lontano dalla sua casa. Durante la sua vita matura si è più volte dissociato dal contenuto scritto da un giovane arrabbiato che ha sfogato la sua ira contro il Governo americano e che aveva sottovalutato le conseguenze del proprio operato.

Powel afferma di sentirsi come ogni uomo che ha uno scheletro nell'armadio e per questo prova disagio. Il problema è che il suo scheletro nell'armadio, come da egli espresso è stato stampato e pubblicato e può essere letto da chiunque.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni