X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: recensione di Arrival, il sci-fi dove è tutto scritto... nel tempo

02/09/2016 09:30
Venezia 73 recensione di Arrival il sci-fi dove tutto scritto... tempo

Per la seconda giornata di proiezione la Mostra del Cinema di Venezia 2016 ha offerto, tra i film in concorso, Arrival di Denis Villeneuve, che vede come coppia protagonista Amy Adams e Jeremy Renner.

“La memoria è una cosa strana”, così si apre il film Arrival, la nuova produzione che vede alla regia Denis Villeneuve e che si avvale delle interpretazioni di Amy Adams e Jeremy Renner per dar corpo ad uno sci-fi che sin dalle primissime inquadrature colpisce ed attrae senza perdere mai quel grado di magnetismo accumulato.

Louise, un’abilissima Amy Adams, è una madre che mostra in pochi secondi il suo rapporto con l’adorata figlia Hannah, culminante in tragedia. Ma quello che sembra essere l’inizio del film in realtà è sostituito dal vero incipit, testimoniante l’arrivo sulla Terra di una serie di oggetti non identificati. Dopo essere stata assunta dal governo americano per poter tentare di dialogare con la specie aliena che si annida all’interno di quelle che appaiono come navicelle, essendo un’esperta linguista, Louise entra in contatto dapprima con quello che diventerà il suo compagno di lavoro, il fisico Ian (Jeremy Renner), poi con i soggetti alieni. Dopo diversi tentativi di comunicazione, Louise prenderà lentamente coscienza della vera motivazione che ha spinto la specie aliena ad approdare nel mondo da noi conosciuto e dovrà accettare il dono che le ha riservato, permettendole di giungere ad una conoscenza superiore di se stessa e delle relazioni intessute con le altre pedine dell’universo.

Con Arrival Denis Villeneuve sconvolge la concezione e condizione temporale a cui è soggetto l’essere umano, ridefinendone contorni e direzioni. L’esistenza di ogni essere vivente è caratterizzata da un percorso che vede agli antipodi inizio e fine, il secondo diretta conseguenza del primo. Arrival mina la fiducia riposta nel concetto di tempo, inteso in modo tradizionale, per accentuarne il percorso ciclico. E allora la navicella sulla quale viaggia la specie aliena presenta un’emblematica forma che richiama l’ellisse, luogo geometrico dei punti che si rincorrono l’un l’altro senza poterne determinare inizio e fine, per poi introdurre la circonferenza come strumento base su cui poggia il linguaggio alieno, ossia la figura piana per eccellenza che, con i suoi punti equidistanti dal centro, esprime perfettamente il concetto di ciclicità attribuibile al tempo.

Disponendo di una colonna sonora capace di definire il mood e di colorare di un pathos tangibile l’intero lungometraggio, in cui a livello fotografico prevalgono tonalità di colore tetre ed opache, Denis Villeneuve propone uno sci-fi che coinvolge quasi come se fosse dotato di una forza di attrazione gravitazionale centripeta. Lavorando su doppio binario, da una parte prendendo in considerazione il linguaggio comunicante, dall’altra proponendo un’originale interpretazione del tempo, il film si mostra nella sua compattezza, non perdendo mai di vista lo script, che appare completo nel prestare attenzione a tutti i dettagli utili a creare il mondo semi-apocalittico nel quale si immerge la storia, mondo perfettamente centrante su se stesso.

La risultante derivante dalle considerazioni che si possono evincere mettendo in relazione passato, presente e futuro conduce ad uno ed un solo punto di arrivo, coincidente con la piena accettazione del destino che la vita, ed il percorso che la definisce, ha in serbo per ogni essere umano: la ciclicità con cui accadono gli eventi non permette di determinare cause ed effetti, essendo ogni evento la causa e allo stesso tempo l’effetto dell’evento antecedente e conseguente, tutto ciò che deve accadere è scritto e quindi all’essere umano non rimane che la pura e semplice accettazione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Amy Adams, Jeremy Renner



Articoli correlati

Venezia 73: incontro con Tom Ford, Jake Gyllenhaal e Amy Adams per il film 'Nocturnal Animals'

Abbiamo partecipato alla conferenza con il regista Tom Ford, al Festival di Venezia per la presentazione del nuovo film "Nocturnal AnimalS". Con lui hanno preso parte all'incontro Aaron Taylor-Johnson, Jake Gyllenhaal e Amy Adams. Il film - tratto dal romanzo "Tony and Susan" di Austin Wright - racconta di una giovane gallerista d'arte disillusa ch...

 

Festival di Venezia 2016, secondo giorno: dal fantascientifico 'Arrival' al red carpet con Michael Fassbender e Alicia Vikander

Mauxa è presente alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, in programma al Lido di Venezia dal 31 agosto al 10 settembre 2016. Il secondo giorno della kermesse si lega all'originale atmosfera fantascientifica di "Arrival", film in concorso diretto da Denis Villeneuve e basato sul racconto di "Story of Your Life" dello scrittore...

 

Venezia 73. Intervista esclusiva a Amy Adams, 'i film di fantascienza come Arrival aprono molte prospettive'

Abbiamo intervistato in esclusiva Amy Adams e Jeremy Renner, che al Festival di Venezia presentano "Arrival", il film di Denis Villeneuve in Concorso. La pellicola racconta di misteriose astronavi che atterrano in vari punti del pianeta, cosicché la squadra speciale, diretta dalla linguista Louise Banks si riunisce per studiare la situazion...

 

Arrival, il primo trailer del film sci-fi in concorso al Festival di Venezia con Amy Adams

La Paramount Pictures ha diffuso il primo trailer del film "Arrival", film di fantascienza diretto da Denise Villeneuve e interpretato da Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker. Nelle immagini si mostrano dei ricercatori che si avvicinano ad un'astronave, cercando di decifrare il linguaggio sconosciuto. Il trailer ha già raggiunto 1,7 m...

 

Wind River, il nuovo film thriller con Elizabeth Olsen

Wind River è un film thriller in fase di lavorazione scritto e diretto dall’attore della serie tv “Veronica Mars” e sceneggiatore di “Sicario” Taylor Sheridan (al suo debutto dietro la macchina da presa) e interpretato da Elizabeth Olsen, Jeremy Renner, Jon Bernthal (attore nella serie televisiva “The Puni...

 

Story of Your Life, il film di fantascienza con Amy Adams che riflette sulla comunicazione

È già in fase di post-produzione l’ultimo film dell’acclamato regista di “Sicario” Denis Villeneuve, la cui attenzione questa volta verterà su un genere totalmente differente: la fantascienza. Con Story of Your Life, sceneggiato da Eric Heissere (La Cosa, Final Destination 5), infatti si racconterà...

 

Marvel Comics, Occhio di Falco vol.1 Vita Normale la raccolta dei primi cinque fumetti

Occhio di Falco vol.1 Vita Normale. La serie personale di Occhio di Falco della Marvel Comics ha avuto un grandissimo successo, così la casa editrice ha deciso di far uscire insieme all’ultimo numero, il dodicesimo, anche una versione diversa del fumetto. Infatti il 5 Novembre 2015 uscirà in edicola e in fumetteria anche “...

 

La regola del gioco recensione film, indagini sulla CIA e il traffico di droga

La regola del gioco (Kill the Messenger) film di Michael Cuesta basato sui libri Kill the Messenger di Nick Schou e Dark Alliance di Gary Webb. La regola del gioco trama. Gary Webb è un giornalista da poco trasferitosi in California, dove lavora per il San José Mercury News. Un giorno la donna di un grosso trafficante di droga gli ...

 

Mission: Impossible - Rogue Nation con Tom Cruise, il nuovo trailer per l'impresa più spettacolare di sempre

Mission: Impossible - Rogue Nation trailer. Nuovo adrenalinico trailer per Mission: Impossible - Rogue Nation, atteso quinto episodio della serie di spionaggio con protagonista Tom Cruise nel ruolo dell'agente segreto Ethan Hunt. Uscita e trama. A quattro anni di distanza da Protocollo fantasma, Mission: Impossible - Rogue Nation uscirà...

 

Amy Adams nel ruolo di Margaret Keane per Tim Burton in Big Eyes, una carriera in ascesa

Amy Adams ultime news. L’attrice statunitense, 40 anni, si è imposta da poco tempo come una delle dive di Hollywood ma lo ha fatto con grande personalità. Se fino a due anni fa il suo nome era sostanzialmente sconosciuto al grande pubblico, oggi invece la Adams è un “marchio” vincente, una delle attrice pi&ugr...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni