X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73, recensione film Les beaux jours d'Aranjuez: rarefazione di sequenze, sensazioni e luoghi

02/09/2016 07:00
Venezia 73 recensione film Les beaux jours d'Aranjuez rarefazione di sequenze sensazioni luoghi

Wim Wenders alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 presenta Les beaux jours d'Aranjuez, con Sophie Semin e con la partecipazione di Nick Cave

Wim Wenders già autore di film come Il cielo sopra Berlino (1987), Nel corso del tempo (1976), Prima del calcio di rigore (1972), presenta questo nuovo lungometraggio dall'inconfondibile stile che si potrebbe definire wendersiano proponendo una storia tratta da un romanzo di Austin Wright dal titolo Tony and Susan. Anticonformista, a volte politicamente critico, con questo film offre una narrazione intimista che indaga con profondità l'animo umano dei protagonisti.

La trama mostra una deserta Parigi alle prime ore del mattino, fino a giungere all'intimità di una casa dove uno scrittore cerca la sua ispirazione. Per poi passare al giardino dell'abitazione dove un uomo ed una donna si confrontano seduti ad un tavolo mentre la brezza ed il paesaggio estivo fa loro da sfondo.
"Fuori dal tempo e dalla storia ma non dalla realtà" così vengono presentati i due personaggi, la dialettica dei quali si concentra sui ricordi, sul sesso, sul rapporto tra un uomo ed una donna sulle diverse prospettive. Interrogativi che si perdono nel tempo e che sono propri dello scrittore.

Una rarefazione di sequenze, sensazioni, espressioni e luoghi che parte verso una probabile ricerca di sé per tornare inevitabilmente, dopo una peregrinazione che attraversa riflessioni e confronti, alla propria concezione di esistenza, immersi in un'ambientazione bucolica è concettualmente filosofica. Le riprese indugiano sul paesaggio oltre che sui personaggi quasi a voler così considerare gli stessi protagonisti una parte del tutto, uniti come a creare una condizione o stato d'animo comune o comunque condizionati dai luoghi e dalla stagione che vengono dettagliatamente ripresi con uno stile volutamente flemmatico. Una ricerca di felicità o pace che può essere scovato con l'aiuto della natura o di una serie di condizioni che circondano i protagonisti, elaborandolo attraverso il contrasto con lo scrittore che quei personaggi ha creato.

Un film che ripercorre il rapporto uomo donna senza anacronismi e ripetizioni, capace di restituire il senso di pace che nasce da una conoscenza lenta e reciproca. Win Wenders con Les beaux jours d'Aranjuez si propone un lungometraggio non incline ai gusti del grande pubblico e maggiormente referenziale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Wim Wenders



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Wim Wenders, 'il tema principale è la guarigione' dice del film a Berlino con James Franco

Wim Wenders ha ottenuto un’ottima accoglienza al Festival di Berlino dove ha presentato il film "Every Thing Will Be Fine", interpretato da James Franco. Wim Wenders. Il regista Wim Wenders ha girato il suo ultimo film muti in 3D, perché aveva l’obiettivo di esplorare visivamente le profondità dei suoi personaggi, tra cui...

 

London Latin American Film Festival 2014, dal 14 al 23 novembre il meglio del cinema sudamericano a Londra

London Latin American Film Festival 2014. Ci siamo quasi: Tra poco il grigio autunno londinese per 10 giorni a novembre lascerà il posto alle calde tonalità tipiche del mondo latino americano. Almeno sul grande schermo: sì, perché la capitale del Regno Unito si prepara ad ospitare il London Latin American Film Festival, ...

 

Il sale della terra recensione film, Wim Wenders co-dirige un documentario sul fotografo Sebastião Salgado

Il sale della terra (The Salt of the Earth) è un documentario co-diretto da Wim Wenders e da Juliano Ribeiro Salgado sulla vita e le opere del padre di quest’ultimo: Sebastião Salgado. Esce giovedì 23 ottobre nelle sale cinematografiche di tutta Italia. Il film è distribuito da Officine UBU. Il sale della ter...

 

Wim Wenders dirige Every Thing Will Be Fine con Sarah Polley

Dopo il documentario Pina (2011), in omaggio alla coreografa tedesca Pina Bausch, Wim Wenders torna con un nuovo progetto cinematografico: Every Thing Will Be Fine (2014) con Sarah Polley protagonista. Every Thing Will Be Fine racconta la vicenda di Thomas che, dopo un litigio domestico, guida senza meta nella periferia della cittadina: accid...

 

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Abbiamo intervistato Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra g...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni