X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2016, The war show: un crimine denominato guerra

01/09/2016 07:19
Festival di Venezia 2016 The war show un crimine denominato guerra

Alla 73° Mostra Internazionale di Venezia, per le Giornate degli autori il documentario di Andreas Dalsgaard e Obaidah Zytoon

Obaidah Zytoon, cronista radiofonica, nel corso della primavera araba ha documentato le proteste di piazza tenutesi contro il presidente Bashar al-Assad, spostando l'attenzione sulle vite di alcuni partecipanti e sulla tragicità degli eventi che le hanno segnate.

La tecnica di ripresa in soggettiva pone al centro dell'attenzione dello spettatore l'esperienza di vita e di lotta armata di alcuni dissidenti che sono in contrasto con le continue oppressioni, ormai divenute, per loro dire, insostenibili. Una bambina che vorrebbe giocare liberamente in strada senza complicazioni e che per paura delle stesse vorrebbe addirittura non esserci più. Il padre di famiglia che torna dalla sua esperienza estera per aiutare l'esercito libero siriano, così denominato per contrastare i militari che sarebbero asserviti al regime. I segni di ferite che in base ai racconti sarebbero state procurate dai soldati è che lasciano segni ben più profondi.

Questo documentario ha il pregio di raccontare non solo l'esperienza di guerra vissuta in Siria ma anche un breve scorcio dell'esistenza dei protagonisti, le loro aspirazioni, i sogni abbandonati, i padri che vorrebbero mandare i loro figli a scuola senza doverli istruire all'uso delle armi. Tutto questo viene raccontato con coraggio da chi spingendosi nei luoghi della guerriglia ha realizzato riprese cruente ed esplicative di una situazione di fatto senza la pretesa di narrare la realtà assoluta ma con la consapevolezza che "la prima vittima della guerra è la verità. Una libertà agognata ma allo stesso tempo ignota perché mai conosciuta, nelle parole dei protagonisti.

L'applauso giunto a conclusione della proiezione ha decretato il gradimento del pubblico presente in sala per questo documentario di denuncia sociale che anche in relazione al fenomeno dei profughi che coinvolge l'Europa è drammaticamente attuale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 

Recensione del film La tenerezza

La tenerezza è il film di Gianni Amelio nelle sale. Nel cast ci sono Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi (leggi l'articolo sull'incontro con il cast) Il film esplora come l’incosciente che è fuori di noi possa segnarci. Così il protagonista Lorenzo (un compatto Renato...

 

L'inganno, immagini dell'infrazione dei tabù nel video del film con Nicole Kidman

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “L’inganno”, diretto da Sofia Coppola. Nel trailer si mostra Martha Farnsworth (Nicole Kidman) che gestisce un collegio: arriva John McBurney (Colin Farrell) un soldato trovato nei paraggi, e le giovani cominciano a provare attrazione per lui. Da Edwina Dabney (Kirsten Dunst) a ...

 

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 

The Divergent Series: Ascendant, la saga si chiuderà con un film per la TV

Con un annuncio senza precedenti, l’anno scorso la Lionsgate ha rivelato che il quarto capitolo della saga “Divergent”, inizialmente intitolato “The Divergent Series: Ascendant” sarebbe diventato un film per la TV, “Ascendant”, magari da concepirsi come episodio pilota di un’ipotetica serie spin-off. ...

 

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni