X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

It Follows: recensione del film dove il soprannaturale è mero ologramma senza origine

07/07/2016 08:00
It Follows recensione del film dove il soprannaturale mero ologramma senza origine

David Robert Mitchell propone una degna regia tesa a ricreare l'intenzione del pathos, ma uno script che non approfondisce origine e sviluppi della storia lascia cadere le buone premesse verso un prodotto insoddisfacente.

Maika Monroe è la protagonista del film It Follows, un thriller dai risvolti horror, diretto da David Robert Mitchell.

It Follows annoda la sua trama intorno ad un gruppo di poco più che adolescenti, i quali si trovano a dover fronteggiare una presenza soprannaturale che è entrata a far parte della vita di Jay, la protagonista intorno a cui ruotano le visioni. Jay Height (Maika Monroe) ha iniziato da poco ad uscire con un ragazzo della sua età quando, dopo che i due hanno consumato un incontro sessuale, una misteriosa apparizione si manifesta: da quel momento in avanti Jay vedrà minacciose presenze andarle incontro e, con l’aiuto di fedeli amici, dovrà cercare di dare una spiegazione alle visioni che tentano di arrecarle danno, trovando una soluzione per porre fine alle persecuzioni in atto.

David Robert Mitchell dirige It Follows, film che fa la sua comparsa nei cinema statunitensi nel 2015. Le sale cinematografiche italiane si apprestano ad ospitare un thriller psicologico che gioca sulla compresenza di assenza e presenza del dato soprannaturale, proponendo l’incarnazione dello stesso in corpi umani più o meno mostrati allo stato primitivo. L’intero arco narrativo si erge sopra una sorta di maledizione che viene tramandata sotto forma di catena inarrestabile, ma non viene approfondita l’origine di questo antagonista etereo che assume via via forme umane sempre diverse, lasciando che quest’ultimo non abbia radici su cui fondare, divenendo mero ologramma proiettato davanti agli occhi della protagonista prima e dello spettatore poi.

Nonostante la trama non conduca ad uno sviluppo progressivo né della presenza/assenza soprannaturale, né della storia stessa, lasciando ad incontri di tipo sessuale la via per sbloccare azioni sempre uguali a se stesse, David Robert Mitchell opera a livello registico in modo convincente. La macchina da presa esegue lente panoramiche orizzontali che spesso ripiegano su un utilizzo a 360° per mostrare lunghi piani sequenza in cui vengono inglobati i portatori di quello sguardo che poi si rivelerà indagatore di una minaccia che solo ad essi è data da vedere. Usufruendo anche di plongée tese ad immortalare figure intere e dettagli che contribuiscono ad alimentare il pathos, il regista opera attraverso inquadrature simmetriche che generano il perturbante, elemento chiave che sfocia nel sentimento d’angoscia provato dallo spettatore.

It Follows, quindi, cerca di instaurare un dialogo tra pericolo imminente e spettatore che condivide il punto di vista a volte con colei a cui è dato vedere l’incarnazione del pericolo, a volte con coloro che non ne sono in grado, ma non riesce nel suo intento. Pur basandosi su una regia marcata, che utilizza inquadrature e movimenti di macchina di tipo classico, lo script non è delineato in modo tale da supportare efficacemente il buon lavoro registico eseguito, sfociando in un teenager-film che non avanza verso una compiuta risoluzione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Unicorn Store, il debutto alla regia della stella nascente Brie Larson

“Unicorn Store”, è questo il titolo del film con cui la giovane e talentuosa Brie Larson ha deciso di fare il suo debutto dietro la cinepresa. Scritto da Samantha McIntyre, racconterà le vicende di una giovane donna che torna a vivere con i suoi genitori. Una volta rientrata nella sua città natale, scopre un negozio...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni