X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Satanic, il film horror sui pericolosi riti: intervista all'attore Steven Krueger

07/07/2016 11:30
Satanic il film horror sui pericolosi riti intervista all'attore Steven Krueger

Il film horros "Satanic" è uscito nelle sale statunitensi. Mauxa ha intervistato l'attore Steven Krueger

Satanic è il film horror di Jeffrey G. Hunt uscito nelle sale statunitensi il 1 luglio 2016, distribuito da Magnet Releasing. Nel cast ci sono Steven Krueger, Sarah Hyland, Justin Chon e Clara Mamet.

Nello stile delle pellicole horror distribuite nel periodo estivo la storia segue quattro universitari che visitano vecchi luoghi dove si praticarono riti satanici a Los Angeles. Giugno così in un’abitazione dove tentano di salvare una ragazza ritenuta vittima di un sacrificio umano apparente: ma lei si rivela essere più pericolosa del rito da cui è fuggita.

Mauxa ha intervistato il protagonista Steven Krueger, già apparso nella serie tv “The Originals”.

D. Nel film "Satanic" interpreti David. Come ti sei avvicinato a questo personaggio scettico nei confronti del satanismo?

R. Ho lavorato a personaggi come David prima in alcuni dei programmi televisivi a cui ho lavorato. Lui è un ragazzo cordiale e un atletico, è stato facile per me interpretarlo. Ma la parte difficile del ruolo David era trovare la sfumatura nell’arco del personaggio per tutto il film, è l'unico personaggio che per tutto il film sprezza l'idea del diavolo e l'esistenza del soprannaturale. Ma quando la storia procede e gli eventi inquietanti cominciano a verificarsi, si scorge che David deve accettare quella paura del soprannaturale negata all'inizio del film. È stato divertente trovare le scene dello script in cui sono affrontati questi vortici.

D. Il film racconta anche il fascino e la paura di un altro mondo.

R. Da un lato il film è una storia di suspense destinata a spaventare la gente per un paio d'ore. Cerco di non assegnare artificialmente un significato più profondo ai film del genere horror. Tuttavia, io credo che questo film abbia un messaggio speciale: stiamo cercando di dire che se si fa confusione con il diavolo, si finirà per scottarsi (letteralmente!). Se si guarda più in profondità penso che il film ricordi alle persone che non sempre si può sapere tutto, anche se si crede di farlo. L'umiltà è una virtù.

Gli attori sono stati amalgamanti dal regista e dai produttori Lawrence Mattis Michael Moran, che hanno già lavorato alla serie tv “The Walking Dead”: “Noi quattro attori siamo incredibilmente diversi, sicuramente ciò ha agevolato a trovare il nostro mood. Ci completavamo anche dietro le quinte, girando un piccolo film a piccolo budget la pazienza è fondamentale.

Steven Krueger ha lavorato anche al film "Piccoli brividi”, nonché alle serie “Hawaii 5-0”, “Workaholics”, “Anger Management” e recentemente “The Originals”, spin-off of “The Vampire Diaries” nel ruolo di Josh Rosza.

D. Qual è il primo ricordo che ti viene in mente di questi lavori?

R. Non dimenticherò mai quando mi sono presentato sul set per il mio primo lavoro, ”90210". Avevo poche battute da dire, ma non mi importava. Tutto quello che riuscivo a pensare era: "Ho intenzione di essere in TV oggi." E l'eccitazione è rimasto con me per molto tempo. Non c'è ancora niente di più emozionante per me di essere su un set e lavorare con gruppi di persone per riportare delle storie affascinanti di vita. È il mio lavoro, non potrà mai diventare noioso.

D. Come è la tua giornata a Los Angeles?

R. Probabilmente la parte più difficile di essere un attore è capire come rimanere motivati. Anche se si lavora molto si hanno giorni e settimane senza nulla da fare. A volte è facile essere pigri e non fare nulla tutto il giorno: trascorro il tempo a lavorare sulle prossime audizioni, affinando il mio mestiere in corso di recitazione, e la scrittura e le riprese di scene con gli altri attori.

D. Qual è il tuo libro preferito e perché?

R. ”Catcher in the Rye” (“Il giovane Holden”). Non solo è una grande storia con una voce narrante unica, ma lo stile di scrittura frantuma tutte le convenzioni di un romanzo. J. D. Salinger ha ignorato tutte le consuete norme raccontando una storia interessante in un modo unico. Questa è una parte di ciò che mi piace di narrazione, la lettura di Holden mi ha fatto comprendere che la propria voce è tutto ciò che serve per fare qualcosa di unico.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Steven Krueger



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni