X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Julieta, 'Pedro Almodovar ci ha colpito fin dall'inizio': intervista all'attrice del film Blanca Pares

02/06/2016 11:28
Julieta 'Pedro Almodovar ci ha colpito fin dall'inizio' intervista all'attrice del film Blanca Pares

Mauxa ha intervistato Blanca Pares, che ha recitato nel film "Julieta" di Pedro Almodovar. Blanca ha lavorato anche nella serie "Il segreto".

Julieta è il film di Pedro Almodóvar nelle sale cinematografiche, distribuito da Warner Bros. Il cast è composto da Emma Suarèz, Adriana Ugarte, Daniel Grao, Nathalie Poza e Blanca Parés. Il film ha incassato fino in Italia 591.323 euro.

La storia è tratta da tre racconti della scrittrice premio Nobel per la letteratura Alice Munro: Julieta vive a Madrid con la figlia Antía, soffre con lei per la perdita del marito Xoan. Questa sofferenza allontana però le due donne, tanto che a diciotto anni Antía abbandona la madre senza spiegazione. Julieta inizia a cercarla, comprendendo quanto poco la conosca. La donna comincia a scrivere su un quaderno, appuntando ciò che avrebbe voluto raccontare alla figlia.

Mauxa ha intervistato Blanca Pares, che interpreta Antia adolescente.

D. Antia, come sei giunta a questo ruolo?

R. “La mia prima audizione è stata eseguita da due dei migliori direttori del casting della Spagna, senza sapere nulla del film o sul personaggio. La mia seconda audizione casting è stato un incontro con Pedro Almodovar, in cui abbiamo parlato del progetto e del personaggio. Abbiamo fatto una prova con macchina da presa ed una sessione di improvvisazione sulla scena. Lo stesso giorno mi ha detto che la parte era mia”.

Pedro Almodóvar, giunto al 22esimo film ha fama di essere esigente sul set.

D. Pedro Almodóvar vi ha lasciato liberi di improvvisare?

R. “Ci sono molte opinioni su come Pedro diriga. Nel mio caso mi sono sentita molto fortunata. Ci ha colpito fin dall'inizio. L'esperienza ha reso tutto facile, divertente e molto emozionante”.

Blanca Pares ha recitato in scene in cui c’era Emma Suárez: “Tutto è stato molto confortevole. Abbiamo legato in maniera semplice, quindi non ho avvertito alcuna difficoltà. Lei è amabile, siamo andate d'accordo in maniera perfetta. Spero di potere lavorare ancora insieme.

D. Il film racconta anche la difficoltà di comprendere i propri errori. Sei d’accordo? R. “Credo che questo rappresenti un lato molto umano e reale dei personaggi. Spesso, come individui, non riusciamo a capire le conseguenze dei nostri atti o fino a punto non sia troppo tardi rimediare. Avverto che il film fa un grande lavoro a ricordarci questo, il valore di ciascuna delle nostre decisioni quotidiane”.

Blanca ha lavorato anche nella fiction di successo “Il segreto” (“El secreto de Puente Viejo”), nel ruolo di Quintina. “Lavorare ne "El secreto" è stato una delle più importanti esperienze della mia vita - conferma Blanca - Sono passata da una scuola di recitazione ad essere un'attrice professionista che lavora alla televisione nazionale, per vari anni e in più di un centinaio di episodi. Ho imparato molto e fatto amicizia con con persone con cui ancora sono in contatto. Spero di mantenere il rapporto per sempre. Interpretare Quintina nei vari stadi della vita è stata un'esperienza incredibile. La sua cecità era certamente una delle più interessanti sfide di recitazione incontrate finora”.

Blanca lavorerà ancora al cinema: “Sto per andare fuori a Malaga per iniziare le riprese di un film indipendente intitolato ‘The last unicorn’, che ha una sceneggiatura molto interessante ed attraente. E sono sicuramente alla ricerca di progetti futuri”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Pedro Almodóvar, Blanca Pares



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, This Must Be The Place di Paolo Sorrentino

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, tra pelle sintetica e ricerche naziste. Il Festival che volge al termine, basito dalla situazione innescata da Lars Von Trier per le sue affermazioni anti-semite, propone gli ultimi film in gara. La Piel Que Habito  dello spagnolo Pedro Almodóvar racconta di un chirurgo pla...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni