X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Warcraft L'inizio: recensione del film dove bene e male coesistono in due mondi distinti

01/06/2016 08:00
Warcraft  L'inizio recensione del film dove bene male coesistono in due mondi distinti

Duncan Jones prende a prestito la trama del primo videogioco della saga Warcraft per impostare una storia dove la lotta alla sopravvivenza della propria razza è la forza che muove ogni azione, ben impiantata su valorosi personaggi in cui credere.

Dal mondo del videogioco di fama mondiale della Blizzard Entertainment ecco sopraggiungere Warcraft – L’inizio, un film in cui il cinema digitale si fonde con il live-action per una rappresentazione spettacolare di mondi ed eroi che sa andare a segno.

Warcraft – L’inizio si avvale di un’avvincente trama che vede schierati su due fronti opposti due popoli aventi un obiettivo in comune: la sopravvivenza della propria stirpe. Gli Orchi, dei guerrieri muscolosi e possenti, si riversano nel mondo di Azeroth, popolato da umani, in quanto il loro pianeta, Draenor, è divenuto inabitabile e quindi inospitale per la loro popolazione. Spinti dalla magia nera di Gul’dan (Daniel Wu), lo stregone a capo di questo grande movimento migratorio denominato Orda, gli Orchi oltrepassano il portale che permette loro di giungere ad Azeroth e conquistare così un nuovo mondo che possa offrir loro asilo… ma per poter fare ciò sembra inevitabile lo scontro con gli abitanti del mondo in cui sono stati catapultati, ossia gli umani che governano Azeroth. E allora il saggio Durotan (Toby Kebbell), capoclan della tribù dei Lupi Bianchi, si incontrerà e scontrerà con il valoroso Anduin Lothar (Travis Fimmel), fedele protettore del re di Azeroth, per una lotta che va al di là dei singoli eroi, ma vede implicata la magia nella sua duplice accezione di luce e tenebra.

Duncan Jones è stato chiamato a prendere le redini in mano della direzione di questo progetto, tanto impegnativo quanto gratificante nella realizzazione di un colossal fantasy che trae più che uno spunto dal videogioco. Divenuto fenomeno mondale nel campo dell’intrattenimento, il franchise Warcraft offre i propri eroi e le proprie ambientazioni al lungometraggio di Duncan Jones, il quale ha accolto di buon grado l’assegnazione della regia di questo film in qualità di fan affezionato. Risale al 1994 il primo capitolo del videogame, Warcraft: Orcs and Humans, a cui si ispira questo primo film che dà origine ad una possibile saga cinematografica. Successivamente altri due capitoli hanno elettrizzato i fan del franchise, fino all’uscita, avvenuta nel 2004, del quarto titolo della serie, World of Warcraft, che ha rivoluzionato la storia del videogioco divenendo accessibile unicamente tramite internet e permettendo a migliaia di giocatori di interagire interpretando personaggi destinati ad evolversi nello stesso mondo.

Warcraft – L’inizio imposta la struttura narrativa in vista di successivi capitoli in cui si possano approfondire relazioni e scontri tra fazioni sapientemente descritte non solo attraverso la totale immersione della messa in scena proposta da Duncan Jones, ma anche grazie ad una ricca sceneggiatura, che si scopre poco a poco, ad opera di Charles Leavitt. Vengono presentati due mondi con caratteristiche diverse e con guerrieri e paladini che lottano utilizzando tecniche opposte, ma sia nell’uno che nell’altro schieramento sono presenti dei valori e dei principi che sorreggono la società di cui fanno parte. Ad accomunare i due pianeti vi è anche l’antitetica compresenza di bene e male: Azeroth è la Terra degli uomini, che hanno raggiunto la pace, e Draenor è la Terra degli Orchi, travolta da un’ondata di distruzione. Ma se apparentemente l’una rappresenta il bene assoluto e l’altra l’incarnazione del male, in realtà anche in Azeroth si nasconde il germe del male, così come anche in Draenor aleggia il bene. A sostenere i due mondi vi sono due eroi, due paladini di egual valore ed onore, Anduin Lothar e Durotan, che invitato lo spettatore a scegliere da che parte schierarsi, proprio come accade nel videogioco.

L’intento dichiarato e sicuramente riuscito di Warcraft – L’inizio era quello di dar vita a dei personaggi a cui lo spettatore potesse credere, inseriti in un contesto fantasy che potesse essere al contempo misterioso e minaccioso. La monumentalità con cui è stato eretto l’arco narrativo, sorretto da originali eroi che combattono per il proprio popolo, è rafforzato ulteriormente dal carattere epico dell’opera, che quasi scomoda i mitici incontri narrati nell’Iliade tra i grandi condottieri, le cui gesta sono lodate da Omero: e allora lo scontro tra Durotan e Gul’dan avvenuto con l’intento di smascherare come la magia nera vada oltre i valori dei guerrieri orchi e si affidi alla slealtà, richiama per epicità ed importanza nella storia quello tra i due condottieri Ettore e Achille, conferendo a quest’opera, che facilmente sarebbe potuta scadere in un fantasy ruotante unicamente intorno agli effetti speciali, un valore aggiuntivo che permetterà al film di agguantare quello stesso successo conquistato dal videogioco.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Warcraft L'inizio

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni