X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Warcraft L'inizio: recensione del film dove bene e male coesistono in due mondi distinti

01/06/2016 08:00
Warcraft  L'inizio recensione del film dove bene male coesistono in due mondi distinti

Duncan Jones prende a prestito la trama del primo videogioco della saga Warcraft per impostare una storia dove la lotta alla sopravvivenza della propria razza è la forza che muove ogni azione, ben impiantata su valorosi personaggi in cui credere.

Dal mondo del videogioco di fama mondiale della Blizzard Entertainment ecco sopraggiungere Warcraft – L’inizio, un film in cui il cinema digitale si fonde con il live-action per una rappresentazione spettacolare di mondi ed eroi che sa andare a segno.

Warcraft – L’inizio si avvale di un’avvincente trama che vede schierati su due fronti opposti due popoli aventi un obiettivo in comune: la sopravvivenza della propria stirpe. Gli Orchi, dei guerrieri muscolosi e possenti, si riversano nel mondo di Azeroth, popolato da umani, in quanto il loro pianeta, Draenor, è divenuto inabitabile e quindi inospitale per la loro popolazione. Spinti dalla magia nera di Gul’dan (Daniel Wu), lo stregone a capo di questo grande movimento migratorio denominato Orda, gli Orchi oltrepassano il portale che permette loro di giungere ad Azeroth e conquistare così un nuovo mondo che possa offrir loro asilo… ma per poter fare ciò sembra inevitabile lo scontro con gli abitanti del mondo in cui sono stati catapultati, ossia gli umani che governano Azeroth. E allora il saggio Durotan (Toby Kebbell), capoclan della tribù dei Lupi Bianchi, si incontrerà e scontrerà con il valoroso Anduin Lothar (Travis Fimmel), fedele protettore del re di Azeroth, per una lotta che va al di là dei singoli eroi, ma vede implicata la magia nella sua duplice accezione di luce e tenebra.

Duncan Jones è stato chiamato a prendere le redini in mano della direzione di questo progetto, tanto impegnativo quanto gratificante nella realizzazione di un colossal fantasy che trae più che uno spunto dal videogioco. Divenuto fenomeno mondale nel campo dell’intrattenimento, il franchise Warcraft offre i propri eroi e le proprie ambientazioni al lungometraggio di Duncan Jones, il quale ha accolto di buon grado l’assegnazione della regia di questo film in qualità di fan affezionato. Risale al 1994 il primo capitolo del videogame, Warcraft: Orcs and Humans, a cui si ispira questo primo film che dà origine ad una possibile saga cinematografica. Successivamente altri due capitoli hanno elettrizzato i fan del franchise, fino all’uscita, avvenuta nel 2004, del quarto titolo della serie, World of Warcraft, che ha rivoluzionato la storia del videogioco divenendo accessibile unicamente tramite internet e permettendo a migliaia di giocatori di interagire interpretando personaggi destinati ad evolversi nello stesso mondo.

Warcraft – L’inizio imposta la struttura narrativa in vista di successivi capitoli in cui si possano approfondire relazioni e scontri tra fazioni sapientemente descritte non solo attraverso la totale immersione della messa in scena proposta da Duncan Jones, ma anche grazie ad una ricca sceneggiatura, che si scopre poco a poco, ad opera di Charles Leavitt. Vengono presentati due mondi con caratteristiche diverse e con guerrieri e paladini che lottano utilizzando tecniche opposte, ma sia nell’uno che nell’altro schieramento sono presenti dei valori e dei principi che sorreggono la società di cui fanno parte. Ad accomunare i due pianeti vi è anche l’antitetica compresenza di bene e male: Azeroth è la Terra degli uomini, che hanno raggiunto la pace, e Draenor è la Terra degli Orchi, travolta da un’ondata di distruzione. Ma se apparentemente l’una rappresenta il bene assoluto e l’altra l’incarnazione del male, in realtà anche in Azeroth si nasconde il germe del male, così come anche in Draenor aleggia il bene. A sostenere i due mondi vi sono due eroi, due paladini di egual valore ed onore, Anduin Lothar e Durotan, che invitato lo spettatore a scegliere da che parte schierarsi, proprio come accade nel videogioco.

L’intento dichiarato e sicuramente riuscito di Warcraft – L’inizio era quello di dar vita a dei personaggi a cui lo spettatore potesse credere, inseriti in un contesto fantasy che potesse essere al contempo misterioso e minaccioso. La monumentalità con cui è stato eretto l’arco narrativo, sorretto da originali eroi che combattono per il proprio popolo, è rafforzato ulteriormente dal carattere epico dell’opera, che quasi scomoda i mitici incontri narrati nell’Iliade tra i grandi condottieri, le cui gesta sono lodate da Omero: e allora lo scontro tra Durotan e Gul’dan avvenuto con l’intento di smascherare come la magia nera vada oltre i valori dei guerrieri orchi e si affidi alla slealtà, richiama per epicità ed importanza nella storia quello tra i due condottieri Ettore e Achille, conferendo a quest’opera, che facilmente sarebbe potuta scadere in un fantasy ruotante unicamente intorno agli effetti speciali, un valore aggiuntivo che permetterà al film di agguantare quello stesso successo conquistato dal videogioco.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Warcraft L'inizio

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista a S. Leigh Savidge, lo sceneggiatore candidato all'Oscar racconta il film 'Straight Outta Compton'

La notte degli Oscar svoltasi ieri ha tra le sezioni anche quella riservata ai film con sceneggiatura originale (Best Writing, Original Screenplay), inaugurata nel 1940. Prima di allora esisteva il premio Oscar al miglior soggetto, poi confluito in questo. Mauxa ha intervistato S. Leigh Savidge, che nel 2016 è stato candidato a questo premi...

 

Oscar 2017, immagini delle ultime prove con i candidati

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati agli Oscar 2017 durante le ultime prove della cerimonia, che si stanno svolgendo in queste ore. L’attore Dwayne Johnson è tra i presentatori, insieme a Michael J. Fox, Seth Rogan e al regista della cerimonia Glenn Weis. In altre immagini c’è Samuel Jackson, Mark Rylance, Sc...

 

Oscar 2017: l'Academy esclude dalla nomination un candidato al Miglior Missaggio sonoro

Su indicazione della commissione per la categoria inerente il “Miglior Missaggio sonoro” (Sounf Mixing), l’Academy e il consiglio di amministrazione hanno votato giovedì scorso affinché venisse annullata la nomination per Greg P. Russell, che ha lavorato al film “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi”...

 

Oscar 2017, immagini dei candidati alla categoria miglior documentario

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati alla sezione miglior documentario, che posano in attesa della cerimonia degli Oscar 2017. La cerimonia si tiene stasera 26 febbraio 2017, condotta da Jimmy Kimmel. Tra gli italiani vediamo il regista Gianfranco Rosi e la produttrice Donatella Palermo, per il film “Fuocoammare”; Ezra Edel...

 

Oscar 2017, immagini delle prove del cantante John Legend

Nelle immagini che mostriamo c’è il cantante John Legend, mentre presso il Dolby Theatre di Los Angeles effettua le prove in attesa dell’esibizione alla cerimonia degli Oscar 2017, che si tiene il 26 febbraio. Il cantante si esibirà con "City of Stars" e "Audition (The Fools Who Dream)”, dal film “La La Land&r...

 

Oscar 2017, immagini degli ultimi preparativi del red carpet

Nelle immagini che mostriamo ci sono le ultime fasi preparatorie della cerimonia degli Oscar 2017. Le statue degli Oscar sono inserite all’interno del Dolby Theatre, mentre all’esterno si prepara il red carpet. La cerimonia si tiene il 26 febbraio 2017. Il conduttore è Jimmy Kimmel, mentre è stato confermato che tra i pr...

 

Oscar 2017, immagini della cerimonia con i candidati al migliore film straniero

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidato agli Oscar 2017 nella categoria come migliore film straniero. C’è il regista di “Land of Mine - Sotto la sabbia” (“Under sandet”) Martin Zandvliet, per la Danimarca; per la Svezia c’è Hannes Holm che concorre con “En man som heter Ove” (&...

 

Premio César du cinéma: vince 'Elle', ma la rivelazione è il film 'Divines'

I premi César francesi si sono svolti ieri a Parigi presso il Théâtre du Châtelet: sono assegnati dall’Académie des arts et techniques du cinéma. A vincere è stato il film “Elle” di Paul Verhoeven, interpretato da Isabelle Huppert. La trama segue Michèle, una donna a capo di u...

 

Cruella, Emma Stone protagonista del live action su Crudelia De Mon

È di gennaio 2016 la notizia che Emma Stone fosse interessata a interpretare Crudelia De Mon in nell’ennesima trasposizione live action che la Disney stava progettando per uno dei suoi personaggi animati più famosi e amati. Lo scorso dicembre, la testata “Deadline” ha rivelato che Alex Timbers, acclamato regista di B...

 

Diario di una schiappa - Portatemi a casa: prima immagini del film commedia

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “Diario di una schiappa - Portatemi a casa!”, tratto dalla fortuna serie di libri di Jeff Kinney. La trama è quella del viaggio di famiglia che deve partecipare alla festa del novantesimo compleanno di Meemaw. L’idea è stata del figlio Greg, il quale in realt&agrav...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni