X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Warcraft L'inizio: recensione del film dove bene e male coesistono in due mondi distinti

01/06/2016 08:00
Warcraft  L'inizio recensione del film dove bene male coesistono in due mondi distinti

Duncan Jones prende a prestito la trama del primo videogioco della saga Warcraft per impostare una storia dove la lotta alla sopravvivenza della propria razza è la forza che muove ogni azione, ben impiantata su valorosi personaggi in cui credere.

Dal mondo del videogioco di fama mondiale della Blizzard Entertainment ecco sopraggiungere Warcraft – L’inizio, un film in cui il cinema digitale si fonde con il live-action per una rappresentazione spettacolare di mondi ed eroi che sa andare a segno.

Warcraft – L’inizio si avvale di un’avvincente trama che vede schierati su due fronti opposti due popoli aventi un obiettivo in comune: la sopravvivenza della propria stirpe. Gli Orchi, dei guerrieri muscolosi e possenti, si riversano nel mondo di Azeroth, popolato da umani, in quanto il loro pianeta, Draenor, è divenuto inabitabile e quindi inospitale per la loro popolazione. Spinti dalla magia nera di Gul’dan (Daniel Wu), lo stregone a capo di questo grande movimento migratorio denominato Orda, gli Orchi oltrepassano il portale che permette loro di giungere ad Azeroth e conquistare così un nuovo mondo che possa offrir loro asilo… ma per poter fare ciò sembra inevitabile lo scontro con gli abitanti del mondo in cui sono stati catapultati, ossia gli umani che governano Azeroth. E allora il saggio Durotan (Toby Kebbell), capoclan della tribù dei Lupi Bianchi, si incontrerà e scontrerà con il valoroso Anduin Lothar (Travis Fimmel), fedele protettore del re di Azeroth, per una lotta che va al di là dei singoli eroi, ma vede implicata la magia nella sua duplice accezione di luce e tenebra.

Duncan Jones è stato chiamato a prendere le redini in mano della direzione di questo progetto, tanto impegnativo quanto gratificante nella realizzazione di un colossal fantasy che trae più che uno spunto dal videogioco. Divenuto fenomeno mondale nel campo dell’intrattenimento, il franchise Warcraft offre i propri eroi e le proprie ambientazioni al lungometraggio di Duncan Jones, il quale ha accolto di buon grado l’assegnazione della regia di questo film in qualità di fan affezionato. Risale al 1994 il primo capitolo del videogame, Warcraft: Orcs and Humans, a cui si ispira questo primo film che dà origine ad una possibile saga cinematografica. Successivamente altri due capitoli hanno elettrizzato i fan del franchise, fino all’uscita, avvenuta nel 2004, del quarto titolo della serie, World of Warcraft, che ha rivoluzionato la storia del videogioco divenendo accessibile unicamente tramite internet e permettendo a migliaia di giocatori di interagire interpretando personaggi destinati ad evolversi nello stesso mondo.

Warcraft – L’inizio imposta la struttura narrativa in vista di successivi capitoli in cui si possano approfondire relazioni e scontri tra fazioni sapientemente descritte non solo attraverso la totale immersione della messa in scena proposta da Duncan Jones, ma anche grazie ad una ricca sceneggiatura, che si scopre poco a poco, ad opera di Charles Leavitt. Vengono presentati due mondi con caratteristiche diverse e con guerrieri e paladini che lottano utilizzando tecniche opposte, ma sia nell’uno che nell’altro schieramento sono presenti dei valori e dei principi che sorreggono la società di cui fanno parte. Ad accomunare i due pianeti vi è anche l’antitetica compresenza di bene e male: Azeroth è la Terra degli uomini, che hanno raggiunto la pace, e Draenor è la Terra degli Orchi, travolta da un’ondata di distruzione. Ma se apparentemente l’una rappresenta il bene assoluto e l’altra l’incarnazione del male, in realtà anche in Azeroth si nasconde il germe del male, così come anche in Draenor aleggia il bene. A sostenere i due mondi vi sono due eroi, due paladini di egual valore ed onore, Anduin Lothar e Durotan, che invitato lo spettatore a scegliere da che parte schierarsi, proprio come accade nel videogioco.

L’intento dichiarato e sicuramente riuscito di Warcraft – L’inizio era quello di dar vita a dei personaggi a cui lo spettatore potesse credere, inseriti in un contesto fantasy che potesse essere al contempo misterioso e minaccioso. La monumentalità con cui è stato eretto l’arco narrativo, sorretto da originali eroi che combattono per il proprio popolo, è rafforzato ulteriormente dal carattere epico dell’opera, che quasi scomoda i mitici incontri narrati nell’Iliade tra i grandi condottieri, le cui gesta sono lodate da Omero: e allora lo scontro tra Durotan e Gul’dan avvenuto con l’intento di smascherare come la magia nera vada oltre i valori dei guerrieri orchi e si affidi alla slealtà, richiama per epicità ed importanza nella storia quello tra i due condottieri Ettore e Achille, conferendo a quest’opera, che facilmente sarebbe potuta scadere in un fantasy ruotante unicamente intorno agli effetti speciali, un valore aggiuntivo che permetterà al film di agguantare quello stesso successo conquistato dal videogioco.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Warcraft L'inizio
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1