X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La pazza gioia: recensione del film dove la capacità di ascoltare rende liberi

19/05/2016 08:00
La pazza gioia recensione del film dove la capacità di ascoltare rende liberi

Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi sono le protagoniste dell'ultimo film di Paolo Virzì, che focalizza l'attenzione sui disturbi della mente dimostrando come un rapporto empatico fondante sull'ascolto reciproco possa alleviare i mali più profondi.

La pazza gioia di Paolo Virzì racconta di un incontro fortuito da cui scaturirà un intenso rapporto empatico tra due donne, l’egocentrica Beatrice e la taciturna Donatella, così diverse eppure così vicine nella condivisione di un profondo malessere interiore.

La trama del film diretto da Palo Virzì presenta differenti tipi umani inseriti in una comunità terapeutica. L’ambiente “costrittivo” destinato a donne affette da disturbi mentali risulterà di capienza troppo ristretta per contenere l’esuberanza di Beatrice Morandini Valdirana (Valeria Bruni Tedeschi) e la fragilità di Donatella Morelli (Micaela Ramazzotti), tanto che le due partiranno alla riscoperta della libertà, improvvisando un sodalizio che acquisterà sempre più intensità man mano che le due donne saranno l’una a stretto contatto con l’altra, pronte a conoscersi a vicenda.

Paolo Virzì, a due anni da Il capitale umano, torna sul grande schermo con una nuova opera drammatica, La pazza gioia, che intenerisce per la delicatezza con cui vengono descritte allo spettatore due vite travagliate, che si incontrano per volere del destino e iniziano insieme un ripido percorso di crescita interiore. Il regista, che proprio per Il capitale umano si è aggiudicato i David di Donatello per Miglior Regia e Miglior sceneggiatura, torna a dirigere Valeria Bruni Tedeschi, una dei protagonisti del suo precedente film, inserendovi accanto Micaela Ramazzotti, per una coppia che comunica esprimendo le proprie nette differenze.

Valeria Bruni Tedeschi, chiamata ad interpretare un pozzo senza fine di energie quale dimostra di essere Beatrice, offre un’ottima prova attoriale, servendo da guida e supporto morale alla co-protagonista, la debole, tanto fisicamente quanto mentalmente, Donatella, nel cui martoriato corpo si cala Micaela Ramazzotti. La prima è vivace e crede che si possa ancora riuscire ad agguantare briciole di libertà oltre la prigione di una comunità che non offre né riparo né cura, la seconda è intimorita, non sembra più nutrire fiducia nel prossimo, ancora meno in se stessa, ma la simbiosi che si verrà ad instaurare tra le due darà origine ad un saldo connubio che condurrà verso la rinascita di entrambe. Prima che il loro rapporto si evolva è interessante focalizzare l’attenzione sull’intelligente scena pensata per farle conoscere: Beatrice si finge terapeuta e ascolta Donatella, in un primo scambio di idee che preannuncia l’avventura che vivranno l’una accanto all’altra.

La pazza gioia, dunque, rappresenta un valido dramma italiano, motivo di orgoglio per il nostro Paese, presentato al Festival de Cannes 2016 nella sezione Quinzaine des Réalisateurs, in quanto narra di come un incontro dettato dal destino tra due anime libere e desiderose di esprimere se stesse nonostante pesanti e pressanti difficoltà materiali diventi materia di riflessione ed insegni, attraverso l’esaustivo rapporto empatico tra le due protagoniste, quanto sia vitale ascoltare ed essere ascoltati in un mondo che addita come pazzo il diverso che non riesce a comprendere e che si ostina a cercare la libertà, quando la società tutta intorno si accontenta del sostanziale stato di prigionia in cui è chiamata a vivere.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
La pazza gioia



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Ho ucciso Napoleone, Micaela Ramazzotti nel nuovo film di Giorgia Farina

Ho ucciso Napoleone film commedia. Ho ucciso Napoleone è un film commedia italiano del 2015, diretto dalla giovane regista e sceneggiatrice italiana Giorgia Farina (1985), su una sua sceneggiatura. La pellicola è montata da Esmeralda Calabria mentre le musiche sono di Andrea Farri. "Ho ucciso Napoleone", prodotto da Bibi Film con Rai ...

 

Il nome del figlio recensione film, Alessandro Gassmann e Micaela Ramazzotti in una commedia frizzante tra le mura domestiche

Il nome del figlio film diretto da Francesca Archibugi (Questione di cuore) e sceneggiato insieme a Francesco Piccolo, tratto dalla pièce teatrale “Le prénom” di Alexandre De la Atellière e Matthieu Delaporte.  Il nome del figlio trama. La serata inizia come tante altre, una cena in casa di Betta, insegnante...

 

Micaela Ramazzotti in Il nome del figlio, prima commedia di Francesca Archibugi

Micaela Ramazzotti ultime news. Micaela Ramazzotti, moglie del regista Paolo Virzì  festeggia 35 anni proprio oggi, sabato 17 gennaio. Un compleanno speciale per una delle attrici più acclamate del panorama italiano, che sta iniziando il 2015 nel migliore dei modi, al cinema. Oltre al film “Il nome del figlio”, in usc...

 

Cannes 2014, Micaela Ramazzotti: attrice in Più buio di mezzanotte e autrice piccante per l'Archibugi

Più buio di mezzanotte è il film di Sebastiano Riso presentato al festival di Cannes, ne la Semaine de la critique. La protagonista femminile è Micaela Ramazzotti. La trama. La vicenda ruota attorno a Davide, ragazzo di quattordici anni che però nell’aspetto ha qualcosa di diverso dagli altri coetanei. Somiglia ad...

 

Festival di Cannes, Micaela Ramazzotti è Rita nel film scelto per la Semaine de la Critique

Festival di Cannes. L'annuale kermesse cinematografica, giunta alla sessantasettesima edizione, inserisce il film “Più buio di mezzanotte”, firmato alla regia da Sebastiano Riso ed onorato dalla partecipazione straordinaria dell'attrice Micaela Ramazzotti, nella lista delle opere selezionate per la Semaine de la Critique. Pi&ugr...

 

Valeria Bruni Tedeschi, 'Saint Laurent' alle porte mentre esce 'Il Capitale umano'

Valeria Bruni Tedeschi è un'apprezzata attrice, raffinata e colta per via dell'ambiente fervido e culturalmente vivace nel quale è cresciuta. Sorella di Carla, ex top model e per alcuni anni prémiere dame di Francia che al fianco di Nicolas Sarkozy ha incantato il mondo con il proprio charme. Ora Valeria sarà Carla Berna...

 

'Un matrimonio', serie tv con Micaela Ramazzotti in onda il 29 dicembre

Pupi Avati, uno dei registi più celebri e apprezzati del panorama cinematografico italiano (grande successo di pubblico e critica hanno ottenuto le sue commedie romantiche "Ma quando arrivano le ragazze?" e "La seconda notte di nozze"), si dedicherà al piccolo schermo. Debutta infatti in tv dietro la macchina da presa per “U...

 

Micaela Ramazzotti, nel film ‘Il nome del figlio’ della Archibugi e nel provocante ‘Anni felici’ di Lucchetti

Micaela Ramazzotti sarà al cinema dal 3 ottobre con “Anni felici”, film di Daniele Lucchetti con Kim Rossi Stuart, Martina Gedeck, Niccolò Calvagna, Samuel Garofalo e Benedetta Buccellato. La trama è ambientata nel 1974 e ruota attorno a Guido, artista romano che vorrebbe essere d'avanguardia ma che a causa delle ...

 

Daniele Luchetti, sceglie un film che parla dritto alla pancia e al cuore del pubblico

Daniele Luchetti torna alla regia con un lungometraggio che racconta una storia ambientata nel 1974: Guido, impersonato dall'attore romano Kim Rossi Stuart, è uno scultore che vorrebbe essere d'avanguardia, però si sente intrappolato in una famiglia troppo borghese e presente. Sua moglie Serena (Micaela Ramazzotti) non ama l'arte, ma ...

 

Recensione film Posti in piedi in Paradiso, quando la crisi non fa commedia

La vicenda di tre sfortunati divorziati che nel 2012 in preda alla crisi lavorativa cercano di dividersi le spese dell’affitto e da qui si susseguono problematiche varie, con tanto di avvenente cardiologa Gloria che insinua l’imbranato protagonista Ulisse pare già vista. Solo alcune mimiche sono degne del miglior Carlo Verdone i...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni