X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Veep 5: il ritorno della serie comedy più spietata e irriverente della tv

27/04/2016 11:15
Veep 5 il ritorno della serie comedy spietata irriverente della tv

Con la prima puntata della sua quinta stagione, andata in onda la scorsa domenica, Veep ha dimostrato di potercela fare anche senza il suo creatore originale, Armando Iannucci. Selina e i suoi collaboratori sono tornati, più inarrestabili che mai nella loro satira

Veep” è tornato e il tema portante, almeno per il primo episodio della quinta stagione, sembra essere il cambiamento. Il creatore originale della serie, Armando Iannucci, ha ceduto il comando a David Mandel (tuttavia viene ancora accreditato come consulente), e la protagonista dello show, l'ormai Presidente Selina Meyer, è rimasta spiazzata dal fatto che lei e il suo sfidante, Bill O'Brien, hanno ottenuto lo stesso numero di voti.

Il nuovo showrunner, David Mandel, ha dovuto affrontare una sfida a dir poco titanica. Sotto la guida di Armando Iannucci, “Veep” si è rivelata una delle serie tv comedy più di successo degli ultimi anni: è stata candidata per quattro volte agli Emmy come miglior serie, vincendone uno nel 2015 (anno in cui si è portata a casa anche un premio per la miglior sceneggiatura, e un altro per il miglior cast), mentre la sua protagonista, Julia Louis-Dreyfus, è stata premiata per quattro anni consecutivi come miglior attrice in una serie comedy, senza dimenticare le due nomination ai Golden Globe nella stessa categoria. A ulteriore dimostrazione della solidità del cast di “Veep”, basti ricordare che anche Tony Hale (Gary) e Anna Chumsky (Anna) hanno ricevuto ben tre nomination agli Emmy a testa, ed Hale in particolare se ne è aggiudicato due. Insomma, Mandel si è ritrovato sulle spalle il peso di dover mantenere gli altissimi livelli di qualità e genio comico garantiti finora da “Veep”, e sembra essere riuscito nella missione, almeno per quanto riguarda il primo episodio della quinta stagione.

D'altro canto, Mandel non è certo il primo arrivato: è stato sceneggiatore di “Seinfeld” (serie tv che ha aiutato proprio la protagonista di “Veep”, Julia Louis-Dreyfus, a raggiungere la popolarità), e ha collaborato a molti altri progetti importanti, tra cui “Curb Your Enthusiasm” e “Saturday Night Live”. In un'intervista all'”Hollywood Reporter”, il nuovo showrunner ha dichiarato di aver accettato subito l'incarico, visto che era un fan della serie prima ancora di cominciare a lavorarci. Ha spiegato che ereditare il ruolo da Iannucci è stato come dover risolvere una complessa equazione matematica, e ha anticipato che in questa stagione vedremo un episodio in cui Selina visita la madre all'ospedale. A detta di Mandel avrà toni molto diversi da quelli a cui “Veep” ha abituato i suoi fan in tutti questi anni, e probabilmente Iannucci non avrebbe mai concepito una storia del genere. Sarà un modo per esplorare la relazione di Selina con la madre, e per spiegare perché la Presidente è così inetta nel rapporto con la propria figlia.

Nel secondo episodio di “Veep 5”, in onda domenica prossima su HBO e intitolato “Nev-ah-da”, Selina incontra un milionario di Wall Street, mentre Amy, Dan (Reid Scott), Richard (Sam Richardson) e Jonah (Timoty Simons) cercando di far vincere le elezioni al loro capo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Julia Louis-Dreyfus



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni