X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

A qualcuno piace caldo, il film con Marilyn Monroe di Billy Wilder che doveva essere girato a colori

29/03/2016 11:30
A qualcuno piace caldo il film con Marilyn Monroe di Billy Wilder che doveva essere girato colori

"A qualcuno piace caldo" usciva oggi nei cinema statunitensi: diretto da Billy Wilder e interpretato da Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon doveva essere girato a colori.

A qualcuno piace caldo (“Some Like It Hot”) è il film di Billy Wilder che usciva nelle sale statunitensi il 29 marzo 1959, sancendo una evoluzione nel concetto di commedia e sketch comedy.

Nel cast ci sono Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon, per una sceneggiatura scritta dallo stesso Billy Wilder con l’amico I.A.L. Diamond. In realtà la storia fu ispirata ad un soggetto apparso anni prima in un film francese, “Fanfare of Love” (“Fanfare d’amour”, 1935) dell’austriaco Richard Pottier e scritto da Michael Logan e Robert Thoeren, quest’ultimo sceneggiatore tedesco come Wilder. Anche qui due disoccupati musicisti entrano in una orchestra femminile che deve andare in Costa Azzurra, mascherandosi da donna e interagendo in maniera difficoltosa con gli altri membri dell’orchestra.

Billy Wilder ebbe a memoria questo film - anche lui era austriaco come il regista Richard Pottier. Ne acquistò i diritti, dando un titolo del film completamente diverso, anche surreale: si riferisce alla descrizione contemporanea di interpretare la musica jazz “calda” (”hot”), dovuta all’improvvisazione. A luglio 1958 l’Hollywood Reporter riporta la notizia che l'attore-comico Joe E. Brown avrebbe interpretato Osgood Fielding III. Il film è ambientato in Florida, ma le sequenze sono state girate presso l'Hotel Del Coronado Resort nei pressi di San Diego, in California.

Lo stesso co-sceneggiatore IAL Diamond confermò che lui e Billy Wilder impiegarono un anno per sviluppare lo script, usando solo il tema del travestimento presente nella trama del film di Thoeren-Logan. Inizialmente la storia era ambientata in epoca contemporanea, perché Wilder e Diamond ritenevano necessaria una situazione attuale di povertà per costringere i personaggi a vestirsi da donne: poi Diamond suggerì che un'ambientazione antecedente di pochi anni avrebbe reso più facile per il pubblico di accettare la rappresentazione femminile, Wilder optò così per gli anni dell'età del jazz, con i personaggi che assistevano ad una uccisione malavitosa come motivazione per nascondersi. Una causa diversa quindi dal film del 1935.

L’uccisione di “A qualcuno piace caldo” è vagamente ispirata al Massacro di San Valentino, avvenuto a Chicago il 14 febbraio del 1929: in quel periodo il boss Al Capone lottava controlli rivale George "Bugs" Moran per il controllo del contrabbando di liquori, gioco d'azzardo e prostituzione. Il massacro fu eseguito dallo scagnozzo  di Capone, Jack "Machine Gun" McGurn, quando quattro uomini mascherati da poliziotti fecero un raid contro sette soci di Moran, il quale non era presente all’uccisione, mentre Capone era in Florida. Né Capone né McGurn furono mai accusati di omicidi.

Sempre Diamond ha affermato che Wilder offrì a Jack Lemmon il ruolo di "Jerry", Lemmon gli diede solo un accordo verbale per apparire nel film, pur essendo sotto contratto con la Columbia Pictures. Tony Curtis accettò prima, ma la United Artists insistette per sfruttare al botteghino un attore più noto come secondo protagonista maschile. Secondo Diamond, su raccomandazione della UA, Wilder si avvicinò a Frank Sinatra, il quale non riuscì a fissare un appuntamento con il regista. Secondo altre fonti Wilder contattò anche Anthony Perkins per essere co-protagonista con Sinatra, nonché Danny Kaye.

Al posto di Marilyn Monroe nel ruolo di “Sugar" fu considerata Mitzi Gaynor, che aveva lavorato a “South Pacific” (1958) di Joshua Logan. Marilyn Monroe scrisse a Wilder, esprimendo la speranza di poter lavorare di nuovo insieme dopo il loro successo con “Quando la moglie è in vacanza”. La Monroe acconsentì a comparire nel film solo dopo che la produzione esecutiva affidata ad Harold Mirisch offrì il dieci per cento del lordo. La Mirisch company lavorò poi ad altri film di Wilder, come “L’appartamento" (“The Apartment”, 1960), “I magnifici sette” (“The Magnificent Seven”, 1960), “West Side Story” (“West Side Story”, 1961)”.

Quando Marily Monroe accettò, Wilder poté far firmare a Jack Lemmon. Diamond suggerì a Wilder di scritturare anche dei comprimari come Raft, Pat O'Brien e George E. Stone, tutti comunemente associati a film di gangster negli anni 1930 e 1940.

Diamond confermò anche le difficoltà con la Monroe durante le riprese, tra cui i cinquanta ciak della scena in cui lei dice: "Dov'è che il bourbon?”. Lei diceva "Dov'è il whisky?", “Dov'è la bottiglia?" o "Dov'è il bonbon?”. Wilder incollò così la frase corretta in uno dei cassetti.

L’attrice voleva che il film fosse girato a colori, come previsto dal suo contratto che prevedeva simile modalità per tutti i suoi film: Wilder la convinse a girarlo in bianco e nero, quando le prove costume rivelarono che il trucco che Tony Curtis e Jack Lemmon indossavano sui volti provocavano una sfumatura verde.

Wilder non era soddisfatto della voce in falsetto di Curtis come “Josephine”, doppiandolo in studio di registrazione. L’anteprima al Bay Theatre a Pacific Palidsades di California vedeva tra il pubblico persone di mezza età, conservatrici che non apprezzarono troppo la commedia. Due sere dopo, la seconda anteprima presso il cinema di Westwood Village era composta da studenti universitari, che risposero in maniera entusiasta.

Ottime furono le recensioni, da Variety che lo definì “un film che comincia con un petardo e continua a lanciare scintille fino alla fine”, ad Hollywood Reporter che sottolineò le “continue risate” capace di provocare.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Billy Wilder, Marilyn Monroe
Film correlati
A qualcuno piace caldo



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Blonde, il nuovo film su Marilyn Monroe con Jessica Chastain

Blonde è un film in fase di realizzazione su Marilyn Monroe progettato nel 2010, scritto e diretto da Andrew Dominik e interpretato da Jessica Chastain. L’opera è tratta dal romanzo omonimo di Joyce Carol Oates ed è prodotta dalla Worldview Entertainment e da Plan B, compagnia fondata da Brad Pitt. “Blonde” ar...

 

Virna Lisi in Come uccidere vostra moglie, con Jack Lemmon

Virna Lisi e Hollywood. Virna Lisi diventò famosa per il suo storico “no” a Hollywood, dove era stata chiamata a metà degli anni ’60 per recitare a fianco di attori del calibro di Jack Lemmon e Frank Sinatra. L’intento della Paramount, però, era di trasformarla in una nuova ed esotica Marilyn Monroe: una...

 

Pepe Jeans London autunno/inverno 2014: donna Pepe metropolitana

Pepe Jeans London 2014. La donna Pepe Jeans London autunno/inverno 2014-2015 può scegliere tra le tendenze più trendy della stagione fredda. Abiti a fiori, maglia di pelliccia ecologica, maglioni dalle tinte super colorate, tanti accessori maculati da abbinare: sciarpe, borse, boots. Non solo, anche il cappotto in pelliccia lungo ed e...

 

Moda per principianti 2014: indossare gli abiti giusti è semplice

Moda per principianti 2014. Non è il tuo corpo, è il vestito ad essere sbagliato. Una volta interpretate le proprie caratteristiche non bisogna fare altro che assecondarle. I nostri consigli vi aiuteranno a scegliere i capi e le linee più adatti al vostro fisico: donna piramide, donna ovale, donna H, o donna a clessidra. Donna...

 

Ninotchka, il film con Greta Garbo censurato per anni

Ninotchka è il film di Ernst Lubitsch che uscì il 6 ottobre 1939, interpretato da Greta Garbo, Melvyn Douglas e Bela Lugosi. La sceneggiatura è scritta da Billy Wilder, Charles Brackett e Walter Reisch, tratta da un racconto di Melchior Lengyel. La trama di Ninotchka. La storia racconta dei compagni Buljanoff e Kopalski che ve...

 

Bette Davis Eyes, 25 anni senza l'inconfondibile sguardo della regina cattiva di Hollywood

Bette Davis Eyes. Lo sguardo di Lauren Bacall, quello ceruleo di Paul Newman, quello con riflessi viola di Elizabeth Taylor.. e potremmo andare ancora avanti nel gioco degli occhi più famosi della Hollywood degli anni d’oro, ma non c’è storia: la gara la vince a mani basse un paio grandi e molto sporgenti, appartenenti a u...

 

Marilyn Monroe e la musica: le numerose canzoni dedicate alla vera icona della cultura pop

Marilyn Monroe, il 5 agosto del 1962 scompariva l'attrice, cantante, modella e produtrice cinematografica statunitense, divenuta un simbolo intramontabile. Qualche anno dopo si parlava di lei come vera icona della cultura pop.  Marilyn Monroe cantante, inserita dall'American Film Institute al sesto posto della lista delle più grandi st...

 

Marilyn Monroe, un simbolo fuori da ogni tempo: 52 anni dalla sua morte in un libro di Nuccio Lodato

Nella notte tra il 4 e il 5 agosto del 1962, moriva a Brentwood, Los Angeles, Norma Jeane Mortenson, in arte Marilyn Monroe, all’età di 36 anni, consegnando all’eternità un mito. Domani, il cinquantaduesimo anniversario della sua morte. Sulla morte di Marilyn Monroe sono state fatte innumerevoli congetture, scritte infinit...

 

Morte di Marylin Monroe: mistero irrisolto.

Morte di Marilyn Monroe. Il caso della morte di Marilyn Monroe è talmente avvolto nel mistero che risulta molto difficile indagarlo senza cadere nella trappola delle versioni ufficiali o di quelle ufficiose o, ancora, di quelle versioni totalmente non riconosciute ma che sembrano essere le più plausibili. L'aura della diva si è...

 

Beyoncé, senza trucco in vacanza e pettinata come Marilyn Monroe

Beyoncé Knowles ha pubblicato alcune foto della sua vacanza con la figlia Blue Ivy e il marito Jay Z: è senza trucco, in momenti di riposo e relax. La location è nella Repubblica Dominicana, e le foto sono state pubblicate nella pagina di Tumblr. In alcune immagini è in bikini mentre gioca con i figli, in altre mentre so...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni