X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Land of Mine: recensione del film dramma di giovani corpi umani al macello

23/03/2016 08:00
Land of Mine recensione del film dramma di giovani corpi umani al macello

Martin Zandvliet dirige Land of Mine, un film che scopre l'uomo dietro il soldato: il lungometraggio mostra come sia labile il confine tra carnefici e prede, non vi è più distinzione tra Paesi e parti, solo corpi e cadaveri pronti a perire a causa delle loro stesse mine anti-uomo.

Il film scritto e diretto da Martin Zandvliet fonda la sua storia su un fatto storico che vede contrapporsi Danimarca e Germania: liberata dall’oppressione tedesca, la Danimarca decide di seguire le orme dei suoi nemici operando anch’essa la violazione dei diritti umani ed obbliga prigionieri di guerra ad una sorta di roulette russa con la morte.

Land of Mine narra di una delle drammatiche piaghe conseguenti la fine della II Guerra Mondiale tra le meno note al mondo intero. La trama del film scritto e diretto ad arte dal regista Martin Zandvliet si concentra sulla sorte di un gruppo di giovanissimi tedeschi prigionieri, in campo danese, ai quali viene imposto di “ripulire” la costa occidentale dalle mine che la Germania ha disseminato lungo tutto il perimetro, credendo così di intercettare l’offensiva inglese. Il lavoro dei ragazzi è monitorato dal sergente Rasmussen che impone disciplina e pretende di trattarli come nemici di guerra ma, a stretto contatto con loro, si renderà conto di quanto sia inaccettabile mandarli a morire nel tentativo di disinnescare mine, divenendo loro alleato nella lotta verso la sopravvivenza.

Martin Zandvliet ritrae un dopo guerra mondiale atipico, avente come obiettivo primario quello di descrivere l’orrore della presunta giustizia umana che si perpetua oltre il campo di battaglia. Nonostante sia di origine danese, il regista espone i peccati della sua madrepatria, proiettando sul grande schermo una delle pagine più buie della Danimarca, l’aspra decisione di violare la Convenzione di Ginevra del 1929 e costringere i prigionieri di guerra tedeschi a disinnescare mine mortali. Land of Mine, quindi, vuole mostrare fatti storici incentrati non sulle persecuzioni perpetrate dai tedeschi, ma su quelle da loro subite, nel tentativo supremo di affermare come sia vano “occhio per occhio dente per dente” quando a farne le spese è sempre e solamente l’Uomo. I personaggi proposti sono ben delineati e danno vita ad un gruppo credibile e stabile, rappresentanza di un frammento di coloro che vissero la condizione di prigionieri di guerra tedeschi su suolo danese. L’evoluzione di un altro personaggio cardine, il sergente, è graduale, ma allo stesso tempo netta nei suoi passaggi da uomo impregnato di ideali politici a padre di poveri ragazzi schiavi della guerra e delle sue conseguenze.

Land of Mine gioca su un ritmo scandito da drammatici colpi di scena: la tensione emotiva è somma in momenti in cui il confine tra la vita e la morte è labile ed incerto, sembra cedere il posto ad una situazione più distensiva, ma è proprio quando la tensione svanisce che l’esplosione avviene, sfruttando sapientemente il concetto di sorpresa di hitchcockiana memoria. E allora uno ad uno i giovani ragazzi tentano per la prima volta di disinnescare una mina prima di essere collocati ai settori di appartenenza e procedere con il lavoro. Si assiste all’operazione di disinnesco più e più volte, un giovane sembra titubare, ma alla fine termina vittorioso il suo primo tentativo, esce si riposiziona in fila insieme agli altri, un altro si accinge, il ragazzo precedente gioisce con i compagni… quando si sente un boato, il ragazzo dopo di lui non ce l’ha fatta!

Alternando in modo costruttivo scene contemplative a scene più dinamiche Land of Mine tesse una storia completa in cui si infonde la speranza che l’essere umano comprenda che la guerra fratricida è priva di senso, lasciando aperto un valico tra vita e morte, tra condanna e perdono.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Intervista a S. Leigh Savidge, lo sceneggiatore candidato all'Oscar racconta il film 'Straight Outta Compton'

La notte degli Oscar svoltasi ieri ha tra le sezioni anche quella riservata ai film con sceneggiatura originale (Best Writing, Original Screenplay), inaugurata nel 1940. Prima di allora esisteva il premio Oscar al miglior soggetto, poi confluito in questo. Mauxa ha intervistato S. Leigh Savidge, che nel 2016 è stato candidato a questo premi...

 

Oscar 2017, immagini delle ultime prove con i candidati

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati agli Oscar 2017 durante le ultime prove della cerimonia, che si stanno svolgendo in queste ore. L’attore Dwayne Johnson è tra i presentatori, insieme a Michael J. Fox, Seth Rogan e al regista della cerimonia Glenn Weis. In altre immagini c’è Samuel Jackson, Mark Rylance, Sc...

 

Oscar 2017: l'Academy esclude dalla nomination un candidato al Miglior Missaggio sonoro

Su indicazione della commissione per la categoria inerente il “Miglior Missaggio sonoro” (Sounf Mixing), l’Academy e il consiglio di amministrazione hanno votato giovedì scorso affinché venisse annullata la nomination per Greg P. Russell, che ha lavorato al film “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi”...

 

Oscar 2017, immagini dei candidati alla categoria miglior documentario

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati alla sezione miglior documentario, che posano in attesa della cerimonia degli Oscar 2017. La cerimonia si tiene stasera 26 febbraio 2017, condotta da Jimmy Kimmel. Tra gli italiani vediamo il regista Gianfranco Rosi e la produttrice Donatella Palermo, per il film “Fuocoammare”; Ezra Edel...

 

Oscar 2017, immagini delle prove del cantante John Legend

Nelle immagini che mostriamo c’è il cantante John Legend, mentre presso il Dolby Theatre di Los Angeles effettua le prove in attesa dell’esibizione alla cerimonia degli Oscar 2017, che si tiene il 26 febbraio. Il cantante si esibirà con "City of Stars" e "Audition (The Fools Who Dream)”, dal film “La La Land&r...

 

Oscar 2017, immagini degli ultimi preparativi del red carpet

Nelle immagini che mostriamo ci sono le ultime fasi preparatorie della cerimonia degli Oscar 2017. Le statue degli Oscar sono inserite all’interno del Dolby Theatre, mentre all’esterno si prepara il red carpet. La cerimonia si tiene il 26 febbraio 2017. Il conduttore è Jimmy Kimmel, mentre è stato confermato che tra i pr...

 

Oscar 2017, immagini della cerimonia con i candidati al migliore film straniero

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidato agli Oscar 2017 nella categoria come migliore film straniero. C’è il regista di “Land of Mine - Sotto la sabbia” (“Under sandet”) Martin Zandvliet, per la Danimarca; per la Svezia c’è Hannes Holm che concorre con “En man som heter Ove” (&...

 

Premio César du cinéma: vince 'Elle', ma la rivelazione è il film 'Divines'

I premi César francesi si sono svolti ieri a Parigi presso il Théâtre du Châtelet: sono assegnati dall’Académie des arts et techniques du cinéma. A vincere è stato il film “Elle” di Paul Verhoeven, interpretato da Isabelle Huppert. La trama segue Michèle, una donna a capo di u...

 

Cruella, Emma Stone protagonista del live action su Crudelia De Mon

È di gennaio 2016 la notizia che Emma Stone fosse interessata a interpretare Crudelia De Mon in nell’ennesima trasposizione live action che la Disney stava progettando per uno dei suoi personaggi animati più famosi e amati. Lo scorso dicembre, la testata “Deadline” ha rivelato che Alex Timbers, acclamato regista di B...

 

Diario di una schiappa - Portatemi a casa: prima immagini del film commedia

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “Diario di una schiappa - Portatemi a casa!”, tratto dalla fortuna serie di libri di Jeff Kinney. La trama è quella del viaggio di famiglia che deve partecipare alla festa del novantesimo compleanno di Meemaw. L’idea è stata del figlio Greg, il quale in realt&agrav...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni