X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Land of Mine: recensione del film dramma di giovani corpi umani al macello

23/03/2016 08:00
Land of Mine recensione del film dramma di giovani corpi umani al macello

Martin Zandvliet dirige Land of Mine, un film che scopre l'uomo dietro il soldato: il lungometraggio mostra come sia labile il confine tra carnefici e prede, non vi è più distinzione tra Paesi e parti, solo corpi e cadaveri pronti a perire a causa delle loro stesse mine anti-uomo.

Il film scritto e diretto da Martin Zandvliet fonda la sua storia su un fatto storico che vede contrapporsi Danimarca e Germania: liberata dall’oppressione tedesca, la Danimarca decide di seguire le orme dei suoi nemici operando anch’essa la violazione dei diritti umani ed obbliga prigionieri di guerra ad una sorta di roulette russa con la morte.

Land of Mine narra di una delle drammatiche piaghe conseguenti la fine della II Guerra Mondiale tra le meno note al mondo intero. La trama del film scritto e diretto ad arte dal regista Martin Zandvliet si concentra sulla sorte di un gruppo di giovanissimi tedeschi prigionieri, in campo danese, ai quali viene imposto di “ripulire” la costa occidentale dalle mine che la Germania ha disseminato lungo tutto il perimetro, credendo così di intercettare l’offensiva inglese. Il lavoro dei ragazzi è monitorato dal sergente Rasmussen che impone disciplina e pretende di trattarli come nemici di guerra ma, a stretto contatto con loro, si renderà conto di quanto sia inaccettabile mandarli a morire nel tentativo di disinnescare mine, divenendo loro alleato nella lotta verso la sopravvivenza.

Martin Zandvliet ritrae un dopo guerra mondiale atipico, avente come obiettivo primario quello di descrivere l’orrore della presunta giustizia umana che si perpetua oltre il campo di battaglia. Nonostante sia di origine danese, il regista espone i peccati della sua madrepatria, proiettando sul grande schermo una delle pagine più buie della Danimarca, l’aspra decisione di violare la Convenzione di Ginevra del 1929 e costringere i prigionieri di guerra tedeschi a disinnescare mine mortali. Land of Mine, quindi, vuole mostrare fatti storici incentrati non sulle persecuzioni perpetrate dai tedeschi, ma su quelle da loro subite, nel tentativo supremo di affermare come sia vano “occhio per occhio dente per dente” quando a farne le spese è sempre e solamente l’Uomo. I personaggi proposti sono ben delineati e danno vita ad un gruppo credibile e stabile, rappresentanza di un frammento di coloro che vissero la condizione di prigionieri di guerra tedeschi su suolo danese. L’evoluzione di un altro personaggio cardine, il sergente, è graduale, ma allo stesso tempo netta nei suoi passaggi da uomo impregnato di ideali politici a padre di poveri ragazzi schiavi della guerra e delle sue conseguenze.

Land of Mine gioca su un ritmo scandito da drammatici colpi di scena: la tensione emotiva è somma in momenti in cui il confine tra la vita e la morte è labile ed incerto, sembra cedere il posto ad una situazione più distensiva, ma è proprio quando la tensione svanisce che l’esplosione avviene, sfruttando sapientemente il concetto di sorpresa di hitchcockiana memoria. E allora uno ad uno i giovani ragazzi tentano per la prima volta di disinnescare una mina prima di essere collocati ai settori di appartenenza e procedere con il lavoro. Si assiste all’operazione di disinnesco più e più volte, un giovane sembra titubare, ma alla fine termina vittorioso il suo primo tentativo, esce si riposiziona in fila insieme agli altri, un altro si accinge, il ragazzo precedente gioisce con i compagni… quando si sente un boato, il ragazzo dopo di lui non ce l’ha fatta!

Alternando in modo costruttivo scene contemplative a scene più dinamiche Land of Mine tesse una storia completa in cui si infonde la speranza che l’essere umano comprenda che la guerra fratricida è priva di senso, lasciando aperto un valico tra vita e morte, tra condanna e perdono.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni