X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Tom Clancy's The Division, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la zona nera di New York

10/03/2016 14:00
Tom Clancy's The Division recensione videogame per PS4 Xbox One la zona nera di New York

Tom Clancy's The Division ci conduce in una New York desolata, dopo un'epidemia che ha reso la metropoli americana una zona nera e pericolosa. Siamo un agente della Divisione, l'ultima speranza, ormai, della società

Tom Clancy's The Division è probabilmente il videogioco di Ubisoft più ambizioso e discusso degli ultimi anni, un progetto che unisce l’anima da sparatutto in terza persona a quella dei giochi di ruolo online. Oltre alla connettività con altri giocatori, con cui si può collaborare o voltare le spalle, l’intera struttura di gioco si basa su armi ed equipaggiamenti da potenziare e trovare nel corso delle missioni, da affrontare in singolo o, preferibilmente, con un team di quattro persone. La cooperazione risulta così al centro delle meccaniche di The Division, dove affrontare i pericoli della zona nera e avanzare nell’esperienza narrata in una città ormai allo sbando, dove ogni regola sembra ormai un lontano ricordo.

La trama di Tom Clancy's The Division ci conduce in una New York afflitta da una terribile pandemia, che ha reso la città una desolante e abbandonata metropoli, senza più alcuna legge né speranza. Nel contesto distopico, prenderemo i panni di un agente della Divisione, una cellula dormiente rimasta uno dei pochi baluardi della società, attivata e inviata a Manhattan per salvare ciò che ne resta. La storia ruota attorno all’alleanza e all’aiuto reciproco del proprio team, con lo scopo ultimo di riportare l’ordine nella città americana, scoprendo l’origine del virus e riconquistando i territori ormai persi.

Il gameplay alla base di Tom Clancy's The Division segue le linee dello sparatutto in terza persona, fatto di coperture e spostamenti in aree specifiche, dove sfruttare gli elementi dello scenario per colpire ed eliminare la resistenza nemica. Oltre alle fasi shooting e di esplorazione, l’ibrido del progetto si muove nella direzione dei giochi di ruolo, con il nostro personaggio impegnato a progredire di livello e ad acquisire nuove caratteristiche. Vi sarà così un sistema di punti, con armi e armature da sbloccare, insieme alla possibilità di personalizzazione dal punto di vista estetico. Ogni missione ci condurrà così a dei punti esperienza e alla raccolta di nuovi oggetti, a seconda della difficoltà scelta. La storia principale, e le istanze, si snodano attraverso la cooperazione con altri giocatori, che lavorano in team per l’ottenimento dell’obiettivo, indispensabile in diverse situazioni. La componente multiplayer competitiva del titolo, invece, si muove attraverso un’interessante Dark Zone, la zona nera di New York, dove possiamo incontrare e scontrarci con altri giocatori. In questo luogo, il più pericoloso del gioco, avremo accesso al migliore equipaggiamento, con la possibilità di portarlo con noi al sicuro. Il prezzo da pagare, però, è quello di riuscire a far atterrare il nostro elicottero, azione che comporta l’allerta degli altri giocatori, con il rischio di essere attaccati e privati delle nostre armi.

La grafica di Tom Clancy's The Division mette su schermo una città splendidamente realizzata, nella sua moderna bellezza sfiorita e abbandonata, dopo l’epidemia e il conseguente crollo della società. Gli scenari di gioco, che si muovono per i quartieri di Manhattan, risultano ampi e modellati seguendo strade ed edifici reali, con una cura per il dettaglio assolutamente impeccabile, come da tradizione Ubisoft. Tra tempeste di neve e ciclo giorno-notte, ogni ambiente si colora di sfumature e dettagli a seconda delle condizioni atmosferiche, variabili e che influiscono nella visibilità generale. Anche gli interni godono dello stesso dettaglio, tra contrasti di luce ed elementi che rendono viva l’atmosfera del gioco, sempre in bilico tra il desolante abbandono e il pericolo imminente.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

My Favorite Thing Is Monsters, la graphic novel di Emil Ferris

In una recente intervista rilasciata al New York Times Emil Ferris, definita dalla critica tra i migliori artisti di graphic novel, parla della suo nuova vita dopo la paralisi alla mano destra dopo aver contratto un virus sulle sponde del Nilo. Racconta di come ha dovuto imparare nuovamente la sua arte, senza arrendersi, fino alla realizzazione del...

 

Bungo Stray Dogs, l'accattivante manga per Panini Comics: quando gli scrittori vanno a caccia di misteri

“Bungo Stray Dogs #1” sarà disponibile per Planet Manga dal 9 marzo grazie a Panini Comics. Stiamo parlando del manga giapponese realizzato da Kafka Asagiri (sceneggiatura) e Sango Harukawa (disegni). L'acclamata serie ancora in corso ha debuttato nel 2012, dando successivamente vita a diversi romanzi ispirati al manga e un fedel...

 

Halo Wars 2, recensione videogame per Xbox One: la strategia di Microsoft

Halo Wars 2 è il videogioco sviluppato da Creative Assembly e pubblicato da Microsoft, uno strategico in tempo reale in esclusiva per Xbox One e piattaforme PC. Il primo capitolo, uscito su Xbox 360, era un piacevole diversivo dalla serie principale, da cui prendeva personaggi, nemici e situazioni di gioco, trasportandole nell’universo...

 

Van Helsing dal romanzo di Bram Stoker alla serie Tv fino ai comics

Bram Stoker nel romanzo Dracula aveva creato un personaggio erudita dal marcato accento teutonico capace, mediante la sua conoscenza scientifica, di combattere il vampirismo comparso nell’Inghilterra del diciannovesimo secolo e sconfiggere il più temibile dei mostri, Dracula. Personaggio che è stato ripreso fedelmente in alcuni ...

 

Sky Doll, il primo volume in libreria: dal successo del fumetto alle ristampe

Esce oggi il primo volume di “Sky Doll” riproposto da Bao Publishing nel suo formato originale. Mentre il quarto albo (leggi la nostra recensione qui) è gia in tutte le librerie, “Sky Doll vol.2 - Aqua” e “Sky Doll vol.3 - La città Bianca” saranno rispettivamente disponibili dal 16 marzo e dal ...

 

Wolverine Vecchio Logan il comics che ha ispirato il film con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo primo marzo. Ancora una volta Hugh Jackman vestirà i panni di Wolverine, l’uomo dagli artigli in lega di metallo. Per l’occasione Panini Comics renderà nuovamente disponibile l’appassionante comics scritto da Mark Millar e...

 

Valter Buio, lo psicanalista dei fantasmi in una nuova edizione da riscoprire

Star Comics annuncia la nuova edizione del primo volume della serie di “Valter Buio”. Cover in cartonato, il fumetto sarà disponibile solo nelle fumetterie, dal primo marzo.Originariamente uscito tra il 2010 e il 2011, l'opera di Alessandro Bilotta ha raccolto i consensi di critica e lettori aggiudicandosi il Romics d'Oro grazie ...

 

Batman Arkam VR, recensione speciale PS VR: il Cavaliere Oscuro in prima persona

Batman Arkham VR è il videogioco sviluppato da Rocksteady Studios, pensato per esser giocato esclusivamente con PlayStation VR, il visore di realtà virtuale di Sony per PS4. La serie, che ha rappresentato un grande successo in ambito videoludico, si prende una licenza con questa sorta di spin-off investigativo, che esula quindi dal cl...

 

Flight of the Raven, comics vincitore del Best Artist Award di Angoulême 2017

Flight of the Raven, Il Volo del corvo è una graphic novel d’avventura e di azione scritta daJean-Pierre Gibrat che ha conquistato il premio come migliore artista alla scorsa edizione del festival di Angoulême. La trama di Flight of the Raven è ambientata a Parigi e ripercorre il periodo dell’occupazione tedesca, du...

 

Ghost in the Shell, il remake hollywoodiano del manga con Scarlett Johansson

“Ghost in the Shell” è il manga cult, realizzato da Masamune Shirow alla fine degli Ottanta, diventato, infine, un franchise comprendente anche videogiochi e romanzi.Ambientato nel XXI secolo, il manga seinen (rivolto a un pubblico adulto) immagina un futuro pieno di incognite, in cui la differenza tra uomo e macchina è in...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni