X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

El abrazo de la serpiente, i misteri dell'Amazzonia per la prima volta al cinema: la recensione del film di Ciro Guerra

29/02/2016 13:00
El abrazo de la serpientemisteri dell'Amazzonia per la prima volta al cinema la recensione del film

El abrazo de la serpiente, un gioiello della cinematografia colombiana: non è mancata qualche sorpresa agli Oscar 2016, ma il film di Ciro Guerra non riesce ad aggiudicarsi la statuetta contro il candidato favorito alla corsa, Il figlio di Saul.

El abrazo de la serpiente (Embrace of the Serpent) sarà presentato in anteprima italiana al Bergamo Film Meeting (dal 5 al 13 marzo). Il terzo lungometraggio di Ciro Guerra si addentra nel cuore della foresta amazzonica per offrirci una storia, raccontata per la prima volta, dal punto di vista di un indigeno, lo sciamano Karamakate.

Meraviglia, potenza, avventura: è un viaggio lungo paesaggi misteriosi, immortalati nel mito da un'ipnotica fotografia, alla scoperta di preziose conoscenze andate perdute. Sfioriamo le barbarie dei colonizzatori, ci sorprendiamo complici dello sterminio di moltissime comunità indigene cancellate dalla storia. Tuttavia, El abrazo de la serpiente non è un film sulle conseguenze del colonialismo, ma l'esplorazione sugli effetti dello scambio di due culture diverse.
Ed è un'opera vibrante, sorda agli echi didascalici: l'agile ritmo narrativo, infatti, riserva momenti di ilarità e colpi di scena che preludono a un finale inaspettato.

L'Amazzonia oggi. Nonostante l'interesse acceso sul “polmone del mondo”, quanto ne sappiamo dei nativi? Ad oggi, le popolazioni sopravvissute non hanno avuto voce in merito.
Ci sono i resoconti degli esploratori occidentali, ma nessun contributo di chi conosce l'ecosistema di questo polmone verde, grande quanto un continente.

Ciro Guerra in El abrazo de la serpiente ha il merito di aver portato sul grande schermo un'Amazzonia, di cui oggi non c'è più traccia: un'opera che ha del miracoloso per la fedeltà alla memoria di un immenso patrimonio culturale, tramandato oralmente per secoli, ora risucchiato dall'oblio.
Eppure, l'Amazzonia avverte che Madre Terra presenta il conto, da un passato (presente) attivo nel depradarla in nome del profitto, non possiamo che aspettarci scenari futuri nefasti.

Sulla via della Yakruna. El abrazo de la serpiente ripercorre i diari di due esploratori che si avventurano nell'Amazzonia colombiana, a distanza di qualche decennio l'uno (1909) dall'altro (1940): l'esploratore ed etnologo tedesco Theodor Koch-Grünberg (interpretato da Jan Bijvoet) e il biologo statunitense Richard Evans Schultes (Brionne Davis). Entrambi chiederanno aiuto a Karamakate per trovare la Yakruna, una pianta sacra che si arrampica sull'albero del cacciù, capace di guarire le malattie di spirito e corpo.

La cultura indigena a confronto con la scienza. Sono due incontri che, in realtà, si fondono in un'unica esperienza per lo sciamano, ultimo superstite del popolo Cohiuano, che vive in un volontario isolamento. Ciro Guerra, infatti, comincia a scrivere la sceneggiatura partendo dal concetto di tempo inteso dagli indigeni: non lineare, ma una molteplicità simultanea, come condiviso dalla fisica quantistica. L'idea è “di un solo uomo, di una sola vita, di una sola esperienza vissuta attraverso il corpo di molti uomini”. Anche il passato e il futuro sono invertiti: i nativi riconoscono il passato nel domani, come guida per attraversare le trappole del futuro.

La guerra del cacciù. Pur riluttante, il giovane Karamakate (Nilbio Torres, indigeno Cubeo) accetta di accompagnare Theo, malato e assistito dalla guida Manduca (Yauenkü Migue, alias Miguel Dionisio Ramos, indigeno di Ticuma), a patto di rispettare certe condizioni.
Lunga la via, alla ricerca della Yakruna, s'imbatteranno in uno schiavo dei baroni del cacciù e nella follia di un missionario spagnolo dedito alla “salvezza” di bambini rimasti orfani.

L'amicizia tradita. Molti anni dopo, l'ormai anziano Karamakate (interpretato da Ta'fuiyama, alias Antonio Bolívar Salvador Yangiama, ultimo rappresentante di un'etnia che è un misto di Ocaina e Huitoto) è diventato un chullachaqui, un guscio vuoto e sordo al linguaggio della foresta, quando Evans incrocia il suo destino. Anche l'americano cerca la yakruna, ma per motivi differenti.
In comune, i due uomini bianchi hanno un bagaglio di carte e strumentazioni che appesantisce inutilmente la canoa, ma di cui non riescono a liberarsi: “Sono solo oggetti” ammonisce Karamakate “ti porteranno alla morte e alla follia”.
L'amicizia tradita di Theo ha sedimentato il dolore nello sciamano, ma il viaggio insieme a Evans desterà i ricordi attraverso il ritorno di luoghi già visitati.

L'incontro del peggio tra due mondi. Karamakate ed Evans finiranno prigionieri in una comunità di indigeni che adora il proprio Gesù bianco: è una sequenza di scene allucinanti che riporta alla memoria “l'orrore, l'orrore” rievocato dal colonello Kurtz (Marlon Brando) in Apocalypse Now (1997), il film di Francis Ford Coppola ispirato dal Cuore di tenebra di Joseph Conrad.

L'inattesa benedizione. È la prima troupe che accede nel ventre della foresta amazzonica da, almeno, un trentennio. La realizzazione è stata estremamente complicata per le difficoltà logistiche e i repentini cambiamenti ambientali che condizionano l'aspetto delle location, i tempi stretti di lavorazione e le poche disponibilità economiche. Le prime due settimane di riprese, in balia dei contrattempi costantemente in agguato, gettano il regista nello sconforto. Forse il progetto è troppo ambizioso, riflette, supportato da un eccesso di ottimismo fuorviante. E invece, quando la produzione chiede l'intercessione dei payè, i saggi della comunità, la foresta comincia a mostrarsi benevola.

Dalla sceneggiatura ai costumi, El abrazo de la serpiente conta sulla generosa collaborazione delle popolazioni indigene che, comprese le buone intenzioni della troupe, si entusiasmano al progetto.
Nove sono lingue parlate (spagnolo, catalano, portoghese, tedesco, cubeo, wanano, tikana e huitoto) da un cast eccezionale, a partire da Nilbio Torres e Antonio Bolívar , nei panni del carismatico protagonista capace di bucare, letteralmente, lo schermo e nel quale finiamo di immedesimarci.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film T2 Trainspotting

T2 Trainspotting è il film di Danny Boyle con Ewan McGregor, Ewen Bremner e Jonny Lee Miller. La storia vede Mark Renton (McGregor) tornare all’unico posto considerato casa, Edimburgo: qui incontra Spud (Bremner), Sick Boy (Lee Miller), e Begbie (Robert Carlyle). Si alterano screzi e vendette, pacificazioni e sotterfugi. Il carattere...

 

Born in China, immagini evocative nel primo trailer del film Disney

Born in China è il film documentario di cui è stato diffuso il primo trailer. La distribuzione è della Walt Disney. Il film documentario racconta la natura selvaggia della Cina, catturando i momenti intimi di un orso panda e del suo cucciolo mentre cresce. La narrazione segue anche una giovane scimmia che si sente allontanata ...

 

Pacific Rim - Uprising, John Boyega nel sequel del film di Guillermo del Toro

Per molti anni il sequel di “Pacific Rim” è rimasto nel limbo infernale della pre-produzione. Guillermo del Toro aveva annunciato l’intento di realizzare un secondo capitolo addirittura nel 2012, prima che uscisse il primo film. Nel 2014, il regista ha rivelato di aver scritto in segreto la sceneggiatura con Zak Penn, e nel...

 

Recensione del film Barriere

Barriere (“Fences”) è il film di Denzel Washington interpretato da lui stesso e Viola Davis, Stephen Henderson, Jovan Adepo, Russell Hornsby. Nel 1950 a Pittsburgh il netturbino di colore Troy Maxson (Washington) vive con la moglie Rose (Davis) e il figlio Cory (Adepo). Con lui lavora l’amico Jim Bono (Stephen Henderson). ...

 

American Fable, il film thriller sul pericoloso rifugio nella fantasia

American Fable è il film uscito di recente negli Stati Uniti, e disponibile anche nelle piattaforme VOD. Il film ha ottenuto buone recensioni dalla critica statunitense. La storia è quella di Gitty (Peyton Kennedy) che vive con la sua famiglia, nel periodo della crisi agricola del 1980. Ha undici anni e si perde in un mondo di fantas...

 

David di Donatello 2017, le nomination e i magri incassi al box office

Si è svolta stamattina la cerimonia delle nomination dei David di Donatello 2017. L’evento di consegna si terrà il 27 marzo e sarà trasmesso in diretta su Sky Cinema e Tv8, condotto da Alessandro Cattelan. I film candidati come migliore pellicola segnano anche un’indicazione della stagione del cinema italiano: a qu...

 

Film più visti della settimana in USA: 'The Great Wall' è la novità preceduto da 'The LEGO Batman Movie'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 febbraio 2017 vede restare al primo posto “The LEGO Batman Movie” (97.606.314 dollari): il film d’animazione ha come protagonista Batman che collabora con i colleghi per fronteggiare l’attacco a Gotham City. Al secondo posto c’è “Fifty...

 

Mamma o Papà? 'Lo spettatore del film ama ridere di se stesso': intervista all'attore Luca Angeletti

Mamma o Papà? è il film di Riccardo Milani con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Luca Marino, Anna Bonaiuto, Stefania Rocca e Luca Angeletti. La storia racconta delle incomprensioni nate tra Valeria (Cortellesi) e Nicola (Albanese) dopo quindici anni di matrimonio e un divorzio: se gli accordi legali sono stipulati, ciò non ...

 

Festival di Berlino 2017, i vincitori di tutte le categorie

Il 67esimo Festival di Berlino si è concluso con la vittoria di del film "On body and soul” di Ildico Enyedi: il film racconta di Mária, che inizia a lavorare come nuovo controller di qualità in una macelleria, fino ad innamorarsi del capo. Aki Kaurismaki con “The other side of hope" ottiene l'Orso d'argento alla r...

 

Song to Song, immagini romantiche nel trailer del film di Terrence Malick

È stato pubblicato il primo trailer del nuovo film Terrence Malick, “Song to Song”. Su Facebook il trailer ha raggiunto in un giorno 11.182 visualizzazioni, su YouTube 18.502 (leggi l’intervista al produttore del film “Voyage of Time” di Malick). Nelle immagini si vede il protagonista Ryan Gosling mentre suona ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni