X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Umberto Eco: perché con i suoi libri ha modificato lo stile della scrittura del '900

20/02/2016 12:45
Umberto Eco perché consuoi libri ha modificato lo stile della scrittura del '900

Umberto Eco, lo scrittore scomparso all'età di 84 ha modificato lo stile della scrittura del '900: sia per motivi narrativi che di reperimento delle fonti.

Il motivo per cui Umberto Eco - scomparso ieri all’età di 84 anni - ha modificato lo stile di scrittura del ‘900 è dovuto alla commisstione di elementi narrativi e investigativi.

I primi subiscono il rigore dei secondi: per redigere “Il nome della rosa” (1980) ha impiegato circa due anni, in cui ha eseguito uno studio sugli elementi fondamentali del periodo analizzato, documentandosi sulla struttura concettuale di quel periodo. L’autore ha “passato un anno intero senza scrivere un rigo. Leggevo, facevo disegni, diagrammi, insomma inventavo un mondo. Ho disegnato centinaia di labirinti e di piante di abbazie, basandomi su altri disegni, e su luoghi che visitavo” (Postille a Il nome della Rosa).

La storia è ambientata nel Medioevo, quando il frate francescano Guglielmo da Baskerville e l’allievo Adso da Melk visitano un monastero benedettino nell’Italia settentrionale: qui si susseguono una serie di omicidi, cui si tenta di rinvenire il movente.

Se nell’anno 1327 si parlava dell’innamoramento come di una malattia, è perché Umberto Eco ha studiato i volumi prodotti in quel periodo, da cui emerge che quel modo di concepire era giusto. “Mi commossi così sulle pagine di Ibn Hazm, che definisce l’amore come una malattia ribelle - dice il personaggio Adso nel Quarto Giorno: Dopo Compieta - che ha la sua cura in se stessa, in cui chi è malato non vuole guarirne e chi ne è infermo non desidera riaversi (e Dio sa se non fosse vero!)”.

Dagli studi di medicina si evinceva che l’innamoramento produceva malesseri fisici: “Talora il male sopraffà il cervello, si perde il senno e si vaneggia (evidentemente non ero ancora giunto in quello stato, perché avevo lavorato assai bene ad esplorare la biblioteca)”.

Così accade per altri elementi: il prolungarsi dei dialoghi in alcuni momenti, era dovuto invece ad una struttura narrativa che Umberto Eco ha cercato di inserire in quella fase documentale. Se era giusto che quegli elementi non fossero presenti nel romanzo perché in quel periodo erano inesistenti, era altrettanto giusto creare un dialogo inusuale per quel periodo, ma che restituisse una vita del personaggio - in questo caso Adso - nuova e moderna.

Di post-modernismo si è infatti parlato per Umberto Eco, ossia della possibilità di usare la narrativa finora esistente in maniera nuova, come un collage picassiano che porta a fare interagire materiali difformi. Ampliare il dialogo di un personaggio oltre il lecito, era soffermarsi su un momento con una lente d’ingrandimento, per raccontare una visione che altrimenti sarebbe sfuggita. Come fa un altro post-moderno, ovvero Quentin Tarantino nel film “Pulp Fiction” facendo disquisire in un pub di massimi sistemi o di passi della Bibbia ad opera di Jules Winnfield (Ezechiele 25:17, in realtà inesistente).

Umberto Eco ha poi ricreato con questi meccanismi in maniera semiotica: ovvero ha fatto convergere i dettagli verso un unisco senso. Il risultato è che il lettore ne “Il nome della rosa” pensa proprio di vivere in quel periodo, con quelle mensole appese ai muri, con quali barili di sangue di maiale. Tutti i dettagli allineano l’immaginazione affinché si creda di essere lì. E il risultato ha poi un aspetto commerciale notevole, perché il passaparola di questa precisione narrativa ha permesso al volume di vendere 50 milioni di copie con traduzioni in 40 lingue, risultando tra i venti libri più venduti di sempre (dopo “Racconto di due città” di Charles Dickens, 1859; “Il Signore degli Anelli” di J. R. R. Tolkien, 1954 e “Il codice Da Vinci” di Dan Brown, 2003).

L’ultimo lavoro di Umberto Eco è sardonico: “Numero zero” del 2015, dove uno scrittore fallito lavora in una strampalata redazione di un giornale dal titolo “Domani", destinato a non essere mai pubblicato.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Dario Fo, il teatro della ragione umana nell'autore scomparso

Dario Fo, attore e scrittore scomparso all’età di 90 anni aveva da poco pubblicato “Charles Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?”. Qui lo scienziato e viaggiatore viene proposto come assetato di conoscenza, con anni trascorsi in mare e terre lontane raccogliendo conchiglie, crostacei, coleotteri per studia...

 

Dan Brown, il nuovo libro dal titolo 'Origin' sarà pubblicato nel 2017

Dan Brown ha confermato che la casa editrice Doubleday  pubblicherà il nuovo libro nel 2017, dal titolo "Origin". Nella foto si mostra lo scrittore in piedi su una terrazza, con sullo sfondo la città di Firenze. Il libro tratterà ancora del professore esperto di simboli Robert Langdon, già raccontato nei quatt...

 

John Grisham, diffusa la trama del nuovo libro 'The Wishter' tra giudici corrotti e mafia

È stata diffusa in questi giorni la trama del nuovo libro di John Grisham, dal titolo "The Wishter" pubblicato il 25 ottobre 2016. Il romanzo ha come protagonista un giudice che per la sua posizione dovrebbe essere onesto e saggio, simboleggiando l'unione di integrità e imparzialità: quando l'uomo riceve una tangente ad occupa...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni