X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

The Hateful Eight, la recensione dell'animalesca giustizia western di Quentin Tarantino

04/02/2016 08:00
The Hateful Eight la recensione dell'animalesca giustizia western di Quentin Tarantino

Quentin Tarantino propone un film in cui i suoi otto e più personaggi si incontrano-scontrano non solo tra di loro, ma anche contro il proprio senso di giustizia. Avvalendosi della presenza di una formidabile Jennifer Jason Leigh, The Hateful Eight grida vendetta ed espone la forte menzogna contro la labile verità.

The Hateful Eight rappresenta l’ottavo film scritto e diretto da Quentin Tarantino. Con un cast artistico di notevole spessore, tra ci spiccano i nomi di Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh e Samuel L. Jackson, il regista dipinge il suo lungometraggio di un’atmosfera western servendosi delle musiche composte da Ennio Morricone.

La trama di The Hateful Eight assume le forme più disparate, passando dagli ambienti canonici del western, alle forme della scrittura per giallo, con sfumature thriller e mistery. Tutto ha inizio quando la diligenza sulla quale viaggiano il cacciatore di taglie John Ruth, detto Il Boia (Kurt Russell), insieme alla sua prigioniera Daisy Domergue (Jennifer Jason Leigh), si imbatte in un altro cacciatore di taglie, il maggiore Marquis Warren (Samuel L. Jackson), intraprendendo un viaggio insieme che li condurrà, non prima di aver fatto salire a bordo anche Chris Mannix (Walton Goggins), al rifugio di Minnie. Per sventare una bufera di neve pronta ad assalirli, i tre troveranno riparo nella locanda, dove ad accoglierli non saranno i soliti padroni, bensì tre loschi individui ed un ex-generale confederato. Tra verità nascoste e bugie che affiorano in superficie, i personaggi saranno testimoni dello sgretolamento delle apparenze, indagando sul senso di una benché minima giustizia terrena.

Potendo poggiare su dei personaggi avvincenti e mai retorici, The Hateful Eight costruisce la propria sceneggiatura, curata come suo solito da Quentin Tarantino, su diverse tipologie umane, ognuna con un proprio bagaglio di sconcertanti avversità affrontate, ognuna pronta a valicare i confini delle proprie paure per scopi più o meno leciti. Attraverso lunghi dialoghi tesi ad indagare i personaggi chiamati a presentarsi non solo tra di loro, ma anche al pubblico in sala, l’utilizzo della parola predomina nella prima parte del film, così come è l’azione a fare da padrona nella seconda parte. La suddivisione in capitoli tesi a chiarire allo spettatore vizi e virtù dei protagonisti rimanda alla celebre saga di Kill Bill, ma nel suo ottavo film Quentin Tarantino opera un’ascesa graduale di intensità che permette di associare The Hateful Eight ad un altro lungometraggio che vira prepotentemente verso il western e analizza il concetto di giustizia, Django Unchained.

Quentin Tarantino decide di riportare in vita il glorioso 70mm, per la precisione l’Ultra Panavision 70, usufruendo delle immense possibilità espressive di un formato che coinvolge lo spettatore all’interno dell’azione. Immortalando sul grande schermo campi lunghi, anche e soprattutto in ambienti chiusi, il 70mm permette di cogliere ogni singola sfumatura di una scenografia curata al dettaglio, di una fotografia tesa a restituire gli ambienti immediatamente conseguenti la Guerra Civile americana, prestando particolare attenzione all’inserimento di più personaggi principali nello stesso quadro. Il tutto non poteva non essere contornato dalla maestosa colonna sonora firmata da Ennio Morricone, che tenta così di conquistare il primo premio Oscar, non prendendo in considerazione l’Academy Award alla carriera del 2007.

The Hateful Eight presenta, dunque, una lucidità nella scrittura che corre verso una progressiva rivelazione dei personaggi e del macabro senso di giustizia che essi desiderano rappresentare. Un’accurata selezione di dettagli registici, mista ad una recitazione intensa e provocatoria, come ad esempio quella messa in mostra da una potente Jennifer Jason Leigh, inserisce quest’ennesima prova firmata da Quentin Tarantino tra i film più apprezzati del regista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
The Hateful Eight



Articoli correlati

Knock Knock: il film horror con Keanu Reeves di Eli Roth

Knock Knock. Quando uscì nei cinema ormai dieci anni fa, l'horror indipendente a basso costo "Hostel", oltre a riscuotere un inaspettato successo al botteghino, fece scalpore per la massiccia dosa di violenza esasperata unita a tocchi di humour nero e fece conoscere a tutti il suo autore Eli Roth, che aveva debuttato 3 anni prima c...

 

Quentin Tarantino, le musiche originali di Ennio Morricone nel mio nuovo film The Hateful Eight

The Hateful Eight trailer. L'attesa viene ricompensata. La Weinstein Company ha pubblicato online il primo trailer ufficiale del nuovo film di Quentin Tarantino che preannuncia un altro capolavoro dell'autore cult. Trama. Ambientato durante la fine della Guerra Civile americana, 8 stranieri, passeggeri di una diligenza, devono affrontare una spett...

 

The Hateful Eight: il nuovo film di Quentin Tarantino con Jennifer Jason Leigh

The Hateful Eight è un film western scritto e diretto da Quentin Tarantino, musicato da Ennio Morricone e interpretato da un cast stellare: Samuel L. Jackson, Jennifer Jason Leigh, Kurt Russell, Tim Roth e Bruce Dern. Il progetto ha inizialmente avuto delle disavventure, in quanto nel gennaio del 2014 Tarantino aveva deciso di non portarlo a...

 

Quentin Tarantino: sarà in 70 mm il nuovo film del regista che dibatte con Sergio Mattarella

Quentin Tarantino è stato certamente il protagonista della consegna dell’edizione 2015 dei david di Donatello presso il Quirinale. Il presidente Sergio Mattarella elogiando infatti le capacità filmiche del regista statunitense, ha detto che “temo che per contrastare questa crisi non basterebbe il suo Mr. Wolf, Tarantino". ...

 

Cabin Fever, ultimi ritocchi per il remake dell'horror cult di Eli Roth

Canin Fever horror di Travis Zariwny. Nel 2002 il mondo del cinema horror accolse con trionfale soddisfazione "Cabin Fever", l'esordio registico del promettente filmaker Eli Roth: il film era un lungometraggio che rinverdiva gli archetipi del genere ("La casa" di Sam Raimi su tutti) e con pochi mezzi ma tante idee riaprì la strada del succes...

 

Amityville: The Awakening, la più famosa casa maledetta torna sul grande schermo con Jennifer Jason Leigh

Amityville: The Awakening horror di Franck Khalfoun. Una delle più celebri saghe horror della storia del cinema è quella ambientata nella sinistra villa di Amityville, una vera e propria casa maledetta che negli anni Settanta fu teatro di fatti di cronaca talmente sconvolgenti tanto da ispirare per il grande schermo il cult del brivid...

 

Django/Zorro, il fumetto della Dynamite unisce due grandi personaggi

Django/Zorro. Il fumetto Django/Zorro uscito per la prima volta a Novembre 2014 in America è il sequel del film Django Unchained portato sul grande schermo da Quentin Tarantino e da Jamie Foxx. Per il fumetto lo scrittore Matt Wagner si è fatto affiancare da Quentin Tarantino, per la sceneggiatura, e dal disegnatore Esteve Polls. Il n...

 

Amityville: The Awakening, nel 2015 nuovo capitolo horror della casa più paurosa della storia del cinema

Amityville: The Awakening horror di Franck Khalfoun. Quando “Amityville Horror” uscì al cinema nel 1979, il genere horror aggiunse un nuovo importante tassello alla sua storia. Ispirato ai purtroppo drammatici e reali fatti di cronaca avvenuti in una casa di Long Island cinque anni prima, il film è stato il capostipit...

 

Tusk, Johnny Depp nel cast del nuovo horror di Kevin Smith

Tusk horror di Kevin Smith. Nel 1994 fa il giovane filmaker Kevin Smith irrompeva nel panorama del cinema americano indipendente con la sua opera prima, “Clerks- Commessi”, girata in assoluta economia e rivelatasi un successo di critica e pubblico che gli ha spalancato le porte di una carriera che tra altri e bassi dura da 20 anni. Oggi...

 

The Green Inferno, il film horror di Eli Roth che riporta al cinema il Cannibal Movie

The Green Inferno horror di Eli Roth. A volte ritornano. A chi non è mai capitato di imbattersi in tv a notte inoltrata in film anni Settanta a bassissimo costo dove gli sventurati di turno avevano a che fare con sanguinolenti tribù di cannibali? Ecco, tra gli amanti di questo bizzarro genere di pellicole c’è sicuramente ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni