X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

The Pills: intrepido passaggio dal web al film per la serie basata sulla quotidiana comicità

19/01/2016 12:00
The Pills intrepido passaggio dal web al film per la serie basata sulla quotidiana comicità

The Pills è il film che nasce dalla web serie. Il passaggio dal web al cinema non è stato ancora tentato negli Stati Uniti: in Italia è Pietro Valsecchi che fa da pioniere.

The Pills - Sempre meglio che lavorare è il film in uscita il 21 gennaio 2016, distribuito da Medusa e diretto da Luca Vecchi. Gli attori sono lo stesso Vecchi, Luigi Di Capua e Matteo Corradini.

Il film mutua la trama della web serie creata da The Pills nel 2011, quando l’audiovisivo sul web pareva essere la nuova frontiera della comunicazione. La serie su YouTube ha ottenuto un buon successo, tanto che il canale ufficiale ha ottenuto 21,9 milioni di visualizzazioni.

La comicità della webserie. “Il Codice da Vinci” è lo sketch sull’acquisto di uno shampoo, per poi rivelarsi erba: si telefona virtualmente con un telefono anni ’80, con poca credibilità comica. La durata è di 2:43 minuti, caricato il 7 aprile 2013 ha ottenuto 852.931 visualizzazioni giungendo ad essere il più visto. In “The Game [A Love Story]” della durata di 16 minuti la vicenda è più narrata, con una storia d’amore che nasce in discoteca e prosegue in camera da letto, con sensi di colpa per aver tradito la fidanzata. In questo caso le views sono 721.753.

“L'Amore ai Tempi dell’Erasmus” è il più compiuto, con uno sketch lineare e incrociato, dove due amici parlano del progetto Erasmus che gli studenti frequentano solo per avere relazioni, non sapendo che il terzo amico che li ascolta ha la fidanzata in partenza per nove mesi. I dialoghi sono con cadenza dialettale, le voci basse in presa diretta, la mimica sopra le righe e poco credibile. Nelle altre storie si va dall'aver baciato una ragazza in discoteca scoprendo poi che era disabile, alle discussioni sulle file alle poste. Quasi tutte hanno unità di luogo e di azione, anche per esigenze di budget.

Da questa premesse parte il film “The Pills - Sempre meglio che lavorare”, con i trentenni di oggi in cerca di una dimensione non solo lavorativa ma sociale. Luigi, Matteo e Luca si conoscono dall’infanzia, piuttosto che vivere di stage non retribuiti fumano sigarette attorno al tavolo della loro cucina alla periferia di Roma Sud, allontanando il momento della crescita lavorativa.

Luca si occupa della gestione dell’appartamento, per poi lasciarsi trascinare in fantasie cinematografiche. Matteo è cinico e ironico, con un rapporto conflittuale con le donne. Luigi è pedante e nevrotico, ha un debole per le donne forti che lo placano. La produzione è di Pietro Valsecchi, che con l’obiettivo di promuovere nuovi talenti cerca di indirizzarli nella giusta direzione senza snaturarli.

Non molti sono i casi di webserie giunti sul grande schermo. Negli Stati Uniti la webserie di successo “Girltrash!” non è poi giunta al cinema, così come “Hollywood Is Like High School with Money” con Kelsey Sanders e Lili Simmons. Neanche “Burning Love”, serie comica sceneggiata e prodotta da Ben Stiller.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Pietro Valsecchi



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni