X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

I Soprano: su Sky Atlantic ritorna la serie con James Gandolfini, ecco i motivi del successo riscosso

07/12/2015 16:00
I Soprano su Sky Atlantic ritorna la serie con James Gandolfini eccomotivi del successo riscosso

I Soprano, la serie con James Gandolfini incentrata sulle vicende della famiglia mafiosa più famosa d'America, è tornata. Tra trama, cast e curiosità, ecco svelato il segreto del suo successo.

I Soprano,">I Soprano, (The Sopranos), è una delle serie televisive americane che ha avuto più successo negli ultimi anni. Ideatore e produttore della serie è lo sceneggiatore statunitense David Chase che, oltre a supervisionare e ideare i soggetti, ne ha firmato anche la regia del primo e dell'ultimo episodio. Prodotta dall'emittente HBO (la stessa di Sex and the City e del Trono di Spade), la serie è stata trasmessa in USA nell'arco di sei stagioni, dal 1999 al 2007, mentre in Italia la prima stagione è stata trasmessa da canale 5, in seconda serata, solo a partire dal 2001. Dal 15 ottobre Sky Atlantic è tornata a trasmettere tutte le puntate su Tony and Friends.

I Soprano: è stata la prima serie di un canale via cavo a vincere l’Emmy come Miglior Serie Drama. Nonostante in Italia non abbia mai riscosso il successo sperato, in America è considerata un cult, e non esiste famiglia che non conosca Tony Soprano e la sua storia. Nel corso delle sei stagioni infatti, I Soprano ha vinto ben 82 premi, tra cui 5 Golden Globe Award e 3 Emmy Awards come Miglior serie drammatica, Miglior regia e Miglior sceneggiatura di episodio. In totale la serie ha ricevuto 211 nomination, potendo essere definita al momento la più premiata di sempre. Non sorprende che la serie sia stata esposta al MoMa di New York, osannata come uno dei capolavori della cultura pop dei nostri tempi.

Trama. Uno dei motivi principali del successo della serie risiede sicuramente nella sua trama. La storia segue le vicende della vita di Tony Soprano (James Gandolfini), boss della mafia italoamericana. Tony è soggetto ad attacchi di panico che lo portano sul lettino di una psicoanalista, alla quale confida ben presto i suoi turbamenti legati alla famiglia, in particolare al rapporto col terribile personaggio della madre Livia, interpretata da Nancy Merchant (l’attrice, tra l’altro, è morta di cancro durante la terza stagione). A questi problemi personali si aggiungono quelli "lavorativi" in cui Tony deve destreggiarsi, tra cui l’FBI, i traditori della sua stessa famiglia e i vari boss in ascesa di famiglie rivali.

Cast. Chase ha scelto il cast privilegiando gli attori italoamericani. Ben 27 personaggi de "I Soprano" hanno partecipato al film “Quei bravi ragazzi” di Martin Scorsese, compresi 4 protagonisti del cast principale come Lorraine Bracco, Tony Sirico, Frank Vincent e Michael Imperioli, 3 attori da “C'era una volta in America” e 2 da “Il padrino”. Non è un caso. Chase ha scelto attori che avevano già avuto ruoli, anche marginali, in film di genere gangster perché potessero essere più credibili e più vicini ai personaggi. A confermarlo, come riporta lo stesso sito di Sky Atlantic, la stessa FBI, che ha rivelato come per lungo tempo la criminalità organizzata avesse pensato ci fosse un informatore confidenziale ad aiutare gli sceneggiatori. Nel cast, anche Steve Van Zandt, chitarrista di Bruce Springsteen ed autore di gran parte delle musiche della serie.

James Gandolfini. Scelto da David Chase per il ruolo del boss del New Jersey, Gandolfini ha dato vita a un personaggio tra i più complessi della storia della televisione, e sicuramente la serie deve il suo successo anche alla sua interpretazione. Vincitore di 1 Golden Globe, 3 Emmy, 3 SAG e svariati premi minori, Gandolfini ha calzato a pennello il ruolo, portando il pubblico dentro il set con lui. Oltre a I Soprano Gandolfini lo ritroviamo anche in “The Mexican - Amore senza sicura”, diretto da Gore Verbinski insieme a Julia Roberts e Brad Pitt, ne “Il castello” con Robert Redford, e ne “L'uomo che non c’era”. L’attore è tragicamente scomparso a Roma nel giugno del 2013,

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Michela Verdini
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Power, il teaser della quarta stagione: debutto fissato per il 25 giugno

La quarta stagione della serie televisiva "Power" debutterà il 25 giugno 2017.  Il teaser pubblicato ieri sul canale YouTube di Starz propone alcune anticipazioni sul prosieguo del racconto. La nuova stagione sarà composta da dieci nuovi episodi della durata di un'ora. Power, la serie che ha ridefinito ...

 

Verissimo, il racconto di Paola Barale: 'Raz è stato un viaggio meraviglioso'

Paola Barale è tra gli ospiti della nuova puntata di "Verissimo", in onda su Canale 5 sabato 29 aprile 2017.  Nello studio del rotocalco televisivo condotto da Silvia Toffanin, la showgirl ha parlato del suo rapporto con Raz Degan, vincitore della dodicesima edizione de "L'isola dei famosi": "Raz è stato un viaggio meravigl...

 

Tutto può succedere, seconda stagione: intervista a Esther Elisha

La seconda stagione di “Tutto può succedere” torna questa sera su Rai 1 con una nuova puntata e prosegue nel raccontare le vicende che ruotano attorno alla famiglia Ferraro.  In occasione del compleanno di Max i suoi genitori assumono un singolare mago degli insetti per rendere la festa più dinamica. Tuttavia Alessan...

 

Soy Luna, seconda stagione: un video dal backstage racconta il sogno della protagonista

Sul canale YouTube DisneyChannelIT è stato pubblicato un video dal backstage del primo episodio della seconda stagione di "Soy Luna".  "Benvenuti nel sogno di Luna" - dichiara Ruggero Pasquarelli, interprete del personaggio di Matteo. "Al Jam&Roller c'è una festa dove la Roller band sta suonando" - spiega Karol Sevilla, la q...

 

Di padre in figlia, terza puntata: delusione e riscatto

La terza puntata della fiction “Di padre in figlia” va in onda questa sera su Rai 1 dalle 21.25. Franca (Stefania Rocca) è intenzionata a partire con Jorge ma il timore delle ripercussioni su sua figlia Sofia (Demetra Bellina) a seguito del suo incosciente gesto nei confronti del fratello Antonio (Roberto Gudese) sping...

 

Life in pieces, una sitcom per ogni generazione: intervista all'attrice Angelique Cabral

La sitcom statunitense creata da Justin Alder e intitolata “Life in Pieces” ha debuttato in Italia su Fox nel maggio 2016. Leggi la trama Abbiamo intervistato l’attrice Angelique Cabral, interprete del personaggio di Colleen.  D: La serie rappresenta situazioni esilaranti. Come può essere definita la famig...

 

Di padre in figlia, seconda puntata: tra aspettative e realtà

La seconda puntata della fiction “Di padre in figlia” va in onda questa sera su Rai 1 dalle 21.25. La narrazione riprende agli inizi degli anni Settanta. I sedicenni Sofia e Antonio Franza mostrano differenti espressioni della loro condizione adolescenziale. Sul ragazzo ricadono le aspettative di suo padre Giovanni (Alessio Boni), il q...

 

Made in Sud, 'si tende ancor di più allo show di varietà': intervista a Paolo Caiazzo

Il programma televisivo "Made in Sud" torna domani sera su Rai 2 con una nuova puntata.  Abbiamo intervistato Paolo Caiazzo, volto storico della trasmissione. D: Da anni sei nel cast artistico di "Made in Sud", cosa rende la nuova edizione diversa dalle precedenti? R: Effettivamente ho visto nascere il progetto quando era soltanto un l...

 

Serie tv più viste negli USA: 'NCIS: New Orleans' si avvicina al secondo posto

NCIS occupa la prima posizione della classifica settimanale delle serie televisive più viste negli Stati Uniti. Il ventunesimo episodio della quattordicesima stagione, intitolato "One Book, Two Covers" e diretto da Terrence O'Hara, ha registrato 13.32 milioni di spettatori.  Secondo posto per "Bull". Il diciannovesimo episodio, intitol...

 

Chicago P.D., lo sceneggiatore Matt Olmstead lascerà la serie tv dopo la quarta stagione

"Chicago P.D.", spin-off di "Chicago Fire", sta per subire un'importante perdita: stando al sito Deadline, lo sceneggiatore Matt Olmstead abbandonerà la serie al termine della quarta stagione e ancora non è noto chi sarà a rimpiazzarlo. Olmstead, che è anche produttore esecutivo della serie madre, di "Chicago Med" e di "...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni