X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il viaggio di Arlo, il brontosauro della Pixar cerca di tornare dalla sua famiglia

25/11/2015 13:00
Il viaggio di Arlo il brontosauro della Pixar cerca di tornare dalla sua famiglia

Il viaggio di Arlo, la Pixar torna indietro di milioni di anni, quando regnavano incontrastati i dinosauri, ma con la differenza che l'asteroide che doveva eliminarli ha mancato completamente la Terra. Una divertente ed emozionante storia di un piccolo brontosauro (parlante) che cerca di tornare a casa, affrontando le proprie paure.

Il viaggio di Arlo (The good dinosaur) film diretto da Peter Sohn, realizzato dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures

Trama. 65 milioni di anni fa l’asteroide che ha spazzato via i dinosauri dalla Terra si avvicina minacciosamente al pianeta, ma lo manca completamente. Milioni di anni dopo i dinosauri sono ancora la specie dominante, ed hanno sviluppato un’intelligenza “umana”: vivono all’interno di case, coltivano e allevano, come dei veri contadini. Qui vive Arlo, un piccolo brontosauro un po’ impacciato, vittima continuamente delle sue paure. Un giorno però accade una disgrazia, e a causa di ciò la sua famiglia si ritrova a dover affrontare un duro momento. Poco tempo dopo Arlo scivola in un fiume e si ritrova a chilometri da casa: dovrà affrontare così un lungo viaggio, affiancato dal piccolo umano Spot (che si comporta come un cane), non senza scontrarsi con i suoi vecchi timori tra mille pericoli e nuove incredibili amicizie.

Recensione. Passano solo due mesi e la Pixar fa uscire nelle sale quello che potrebbe essere l’ennesimo successo della sua incredibile produzione. Viene quasi automatico cercare di fare dei paragoni con Inside Out, ma probabilmente la cosa migliore è smorzare il tentativo sul nascere, per due semplici ragioni: prima di tutto perché il target a cui è rivolto “Il viaggio di Arlo” è di età inferiore rispetto al precedente film Pixar, secondo perché le due pellicole hanno obiettivi differenti. Infatti quest’ultimo film d’animazione gioca le sue carte migliori stimolando le emozioni più elementari dello spettatore: la paura di non essere all’altezza e il timore dell’abbandono; quello di Arlo è un vero e proprio percorso di formazione, solo compiuto da un “piccolo” brontosauro. I creatori puntano poi sulla magnifica realizzazione visiva, caratterizzata da scenari sconfinati e realismo nei particolari, ricostruiti con tale precisione da risultare quasi veri. Una verosimiglianza che entra in contrasto con le figure cartoonesche dei personaggi, creando però il giusto connubio tra ironia e serietà, tra leggerezza e profondità. Vedasi la figura di Spot, un piccolo d’uomo che si comporta da cagnolino, ma capace di trasmettere emozioni molto intense con pochi, simbolici, gesti.

Cambio di regia. Inizialmente la direzione del film era stata affidata a Bob Peterson (Up), ma ad agosto del 2013 è stato sostituito con Peter Sohn, avendo avuto dei problemi con la sceneggiatura. L’uscita della pellicola quindi, prevista per il settembre dello stesso anno, fu rimandata al 2015, con una storia reinventata.

Cortometraggio. Come tutti i film Pixar, anche questo è preceduto da un corto animato: Sanjay's Super Team. La storia parla di un giovani ragazzino indiano che guarda la televisione mentre il padre medita, fino a che quest’ultimo chiede a Sanjay di unirsi a lui. Da qui la fantasia del giovane inizia a spaziare, e gli dei che prega diventano i personali eroi delle sue battaglie immaginarie.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Il Viaggio di Arlo

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

George Miller, il nuovo film 'Mad Max: The Wasteland'

George Miller, regista di uno dei maggior incassi del 2015, “Mad Max: Fury Road” è al lavoro al sequel del film dal titolo “Mad Max: The Wasteland". L’obbiettivo è completare la trilogia iniziata con Mel Gibson nel 1979, che però potrebbe ampliarsi: la sceneggiatura è in fase di riscrittura con N...

 

Scappa - Get Out, 'il mio personaggio entra in un momento spettrale': intervista a Ashley LeConte Campbel

Scappa - Get Out è il film nelle sale di Jordan Peele con Bradley Whitford, Allison Williams, Betty Gabriel. Mauxa ha intervistato l’attrice Ashley LeConte Campbel, che ha lavorato anche a serie come “Drop Dead Diva”, “The Haves and the Have Nots”, “Rectify “, “Game of Silence” e al rece...

 

Star Wars, i libri che raccontano la saga a 40 anni dall'uscita del film

Guerre stellari (“Star Wars”) uscì il 25 maggio del 1977. In seguito fu intitolato “Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza”. Uno dei volumi più recenti che racconta la saga di George Lucas è “Star Wars: l'epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna” di Giorgio E. S. ...

 

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni