X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Premio Nobel per la letteratura, i libri di Svetlana Alexievich vincono raccontando la sofferenza del comunismo

10/10/2015 16:59
Premio Nobel per la letteraturalibri di Svetlana Alexievich vincono raccontando la sofferenza del co

Il Premio Nobel per la letteratura è andato alla scrittrice della Bielorussia Svetlana Alexievich: i sui libri raccontano la sofferenza del comunismo e il suo crollo.

Il Premio Nobel per la letteratura 2015 assegnato a Svetlana Alexievich è stato accolto con unanime approvazione. La scrittrice bielorussa ha ottenuto il premio "per i suoi scritti polifonici, un monumento alla sofferenza e al coraggio del nostro tempo".

Biografia. Svetlana Alexievich è nata nel 1948 nella città ucraina di Ivano-Frankivsk, da genitori insegnanti: anche lei è stata docente e giornalista, studiando all'Università di Minsk tra il 1967 e il 1972. Dopo la laurea si è trasferita anche per lavoro in una redazione di Brest, vicino al confine con la Polonia a causa delle sue opinioni di opposizione. Tornata a Minsk ha lavorato al giornale Sel'skaja Gazeta, raccogliendo negli anni il materiale per il suo primo libro, “U vojny ne ženskoe Lico” (1985) che si basa su interviste con centinaia di donne che hanno partecipato alla seconda guerra mondiale. Questo lavoro rappresenta il primo ciclo dei suoi libri, "Voices of Utopia" dove la vita in Unione Sovietica è raffigurata dal punto di vista dell'individuo.

Libri. Dopo il disastro nucleare di Chernobyl scrive nel 1986 “Černobyl'skaja molitva” (“Voci da Chernobyl”), “Cinkovye mal'čiki” (“Voci sovietiche da una guerra dimenticata”), rappresentazione della guerra dell'Unione Sovietica in Afghanistan tra il 1979 e il 1989. Seguono “Vremja secondo chènd” ("Il tempo di seconda mano”), “Poslednie svideteli” (1985).

Bielorussia. Molte impressioni sono state tratte dai racconti dell’infermiera e scrittrice Sofia Fedorchenko (1888-1959), con le esperienze vissute dai soldati durante la Prima Guerra Mondiale, e documenti dell'autore bielorusso Ales Adamovich (1927-1994) sulla Seconda Guerra Mondiale. A causa della sua critica al regime la Alexievich ha periodicamente vissuto all'estero, in Italia, Francia, Germania e Svezia.

“Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo” è uno dei volumi tradotti in Italia, edito da Bompiani. “Per me non è tanto importante che tu scriva quello che ti ho raccontato, ma che andando via ti volti a guardare la mia casetta, e non una ma due volte": parte da qui il racconto, con una frase rivolta alla scrittrice da una contadina bielorussa. La donna aveva così espresso la fiducia che le proprie parole non venissero travisate, con episodi di donne e uomini, vittime e carnefici, drammi corali, quello delle "piccole persone" coinvolte dalla Grande Utopia comunista. Le figure sono intellettuali, contadini, operai, studenti, la giovane militante, il generale, l'alto funzionario del Cremlino, il carnefice di ieri che oggi è consapevole degli orrori del regime.

Preghiera per Cernobyl' non affronta tanto le cause del disastro nucleare bensì le impressioni, i sentimenti delle persone che hanno vissuto la tragedia. “È la ricostruzione non degli avvenimenti, ma dei sentimenti - afferma Alexievich - Per tre anni ho viaggiato e fatto domande a persone di professioni, generazioni e temperamenti diversi. Credenti e atei. Contadini e intellettuali”. Emerge un evento che ha contaminato sono solo le cose ma anche le anime.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista a Simonetta Spiri: 'è un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età'

Simonetta Spiri inaugura il suo nuovo percorso artistico con "Il tempo di reagire", canzone scritta insieme con Mario Cianchi ed Emilio Munda.  La cantante ha guadagnato notorietà grazie alla partecipazione alla settima edizione del talent show "Amici". Nel corso della sua carriera ha pubblicato gli album "Il mio momento" (20...

 

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni