X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista Padri e Figlie, Gabriele Muccino: fare il genitore è un lavoro che non finisce mai

29/09/2015 13:00
Intervista Padri Figlie Gabriele Muccino fare il genitore un lavoro che non finisce mai

Padri e Figlie, intervista al regista Gabriele Muccino in occasione dell'uscita del suo ultimo film, nelle sale a partire dal prossimo 1 ottobre.

Mauxa intervista il regista Gabriele Muccino, in giro per l’Italia a promuovere la sua ultima fatica, un film prodotto ad Hollywood che annovera tra le sue fila attori del calibro di Russell Crowe, Amanda Seyfried, Aaron Paul, Diane Kruger, Bruce Greenwood e Jane Fonda. La pellicola racconta la complicata relazione tra un padre e una figlia, soli dopo la morte della madre; in un susseguirsi di salti temporali dagli anni ’80 ai giorni nostri, ne nascerà un’emozionante spaccato di vita, dove i dolori del passato si ripercuotono nel presente, e l’amore sembra essere l’unica salvezza possibile. 

D. È più difficile fare il regista o il papà?

R. Sicuramente il papà, perché non sai mai quando sbagli e dove sbagli: è un lavoro che non finisce mai. Non bastano i genitori perfetti poi, c’è anche tutto il mondo esterno, e non si può controllare. Direi che è più complesso fare il genitore perché è più difficile il raggiungimento del risultato finale, che è quello di ottenere la felicità di un figlio o di una figlia.

D. Quanta libertà ha avuto nel girare il film?

R. In questo caso il 100%, non c’è stato alcun vincolo da parte della produzione. So che ad Hollywood ci possono essere degli esempi complementari, ma dipende anche dal genere di film. Ovviamente ci sono dei compromessi per girare in piena libertà: il budget è più ristretto e la distribuzione limitata, ma si rimane comunque all’interno della serie A cinematografica.

D. E la scelta del cast?

R. In ogni film che ho girato non ho mai avuto un solo attore imposto. Anzi dirò che per questa sceneggiatura la produzione aveva scelto un altro attore (di cui non posso fare il nome), ma io ho voluto solo Russell Crowe. Tutti coloro che sono venuti a lavorare con me l’hanno fatto perché avevano già letto la sceneggiatura e ne erano rimasti colpiti. Inoltre il bagaglio di lavori precedentemente realizzati garantiscono un discreto lasciapassare per ottenere star di un certo calibro.

D. Visti i temi delicati, c’è stato bisogno di qualche consulenza specialistica sul set?

R. Ho voluto che uno psichiatra leggesse la sceneggiatura e che mi desse un suo giudizio, volevo essere sicuro di quel che dicevo. In ogni film ho sempre fatto riferimento ad un consulente, prima delle riprese di Sette Anime ho assistito persino ad un’operazione a cuore aperto… Anche se mediamente cerco di parlare di ciò che conosco, di cose tangibili.

D. I suoi film sono quasi delle sedute di analisi. 

R. Ognuno porta con sé il proprio vissuto. Per esempio Diane Kruger ha un vissuto che mi ha esposto e che nel film viene fuori. Io costringo gli attori a parlare di se stessi e dei loro personaggi, che non sono gladiatori o alieni, ma persone che conosciamo molto bene: tutti siamo alla ricerca della compiutezza, dando risposte ai nostri travagli quotidiani, in un modo più o meno estremo o drammatico. I miei film parlano sempre di questo struggimento davanti alle grandi domande che la vita ci costringe ad affrontare.

D. Come ha lavorato Russell Crowe a contatto con una bambina così piccola?

R. Russell ha messo subito la bambina a proprio agio ed è riuscito a creare un’alchimia incredibile con lei. È un attore incredibile, è uno che sa giocare di squadra, e questo lo sanno fare solo i grandi. Inoltre i bambini come Kylie Rogers possono essere considerati più di semplici attori, perché riescono ad immedesimarsi tantissimo nella storia; quando piangono e si disperano davanti alla telecamera, lo fanno sul serio. Questa è la bellezza e la fragilità di lavorare con dei bambini.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Gabriele Muccino, Russell Crowe



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Padri e Figlie, Gabriele Muccino commuove e fa riflettere sull'amore di un genitore

Padri e Figlie (Fathers and Daughters) film diretto da Gabriele Muccino, scritto dal drammaturgo Brad Desch, alla sua prima sceneggiatura per il cinema. Padri e Figlie trama. Jake Davis (Russell Crowe) è uno scrittore, vincitore del premio Pulitzer diversi anni prima, rimasto vedovo e con una figlia a carico, la piccola Katie (Kylie Roger...

 

Colonia: il film thriller con Emma Watson e Daniel Brühl

Colonia. Quando era ancora un giovane studente, il regista tedesco Florian Gallenberger rimase impressionato dalla visione di uno scioccante documentario su un campo di prigionia nel Cile sconvolto dal colpo di stato di Pinochet. Una volta affermatosi dietro la macchina da presa, e con un Oscar in tasca vinto a 29 anni con il cortometraggio "Quiero...

 

The Nice Guys: il nuovo film thriller con Ryan Gosling e Russell Crowe

The Nice Guys. Se c'è uno ad Hollywood in grado di girare in scioltezza un film poliziesco tutta azione e con una punta di umorismo che non guasta mai, magari recitato da una coppia di attori mattatori, beh.. quello è Shane Black. Sceneggiatore di culto (sua la firma della saga di "Arma letale"), produttore, attore e regista (a lui si...

 

Fathers and Daughters, il nuovo film di Gabriele Muccino con Amanda Seyfried e Russell Crowe

Fathers and Daughters (Padri e figlie) è un film statunitense diretto dal regista romano Gabriele Muccino e interpretato da un cast ricco di nomi noti, tra cui Amanda Seyfried, Russell Crowe, Aaron Paul (famoso per la serie televisiva “Breaking Bad”), Octavia Spencer (vincitrice del premio Oscar 2012 come “miglior attrice n...

 

Jovanotti: girato a Fregene il video del nuovo singolo 'L'estate addosso' diretto da Gabriele Muccino

Jovanotti, il nuovo singolo del cantautore si intitola "L'estate addosso" ed è tratto dall'album "Lorenzo 2015 cc". Il video della canzone sarà in rotazione da domani. L'estate addosso, il testo del brano è stato scritto dallo stesso Jovanotti insieme a Vasco Brondi. "Mai come adesso sento il bisogno di propormi con una musica...

 

The Water Diviner: Russel Crowe dalla regia al set di The Nice Guys con Ryan Gosling

The Water Diviner nelle sale cinematografiche dall'8 gennaio. Russell Crowe fa il suo esordio dietro la macchina da presa con un dramma ambientato durante la Prima Guerra Mondiale. The Water Diviner trama e consensi. Crowe, protagonista della storia, è un contadino australiano con un talento prezioso, quello di trovare l'acqua nelle terre a...

 

The Water Diviner recensione film, Russell Crowe alla ricerca dei figli dispersi

The Water Diviner film diretto da Russell Crowe, tratto dall’omonimo libro di Andrew Anastasios. The Water Diviner trama, una disperata ricerca. Nella campagna australiana del Mallee, l’agricoltore rabdomante Joshua Connor insieme alla moglie, vivono con la consapevolezza di non poter più probabilmente v...

 

Gabriele Muccino: l'Oscar Russell Crowe al cinema nel 2015 nel suo nuovo film Fathers and daugthers

Gabriele Muccino. Gabriele Muccino, figlio del dirigente RAI Luigi e dell'affermata pittrice Antonella Cappuccio, nonché fratello di quel Silvio con cui è famoso per non andare molto d'accordo, sta preparando il suo prossimo film mediante un cast attoriale fatto di star. Dopo “Quello che so sull'amore” del 2012, il regista...

 

Noah: l'epico kolossal incassa 1,67 milioni nel weekend, diluvio di Euro

"Noah" continua a solcare i mari tempestosi del cinema italiano. Nonostante la concorrenza spietata, il film di Darren Aronofsky sbanca il botteghino anche nel weekend pasquale ,confermandosi uno dei film più visti della stagione. Russell Crowe. "Noah" mantiene salda la prima posizione e incassa la bellezza di 1.64 milioni di Euro, poco al ...

 

Noah, 2,5 milioni di Euro nel primo week end, Russell Crowe indomito cavalca il diluvio di biglietti

"Noah" traghetta la propria casa di produzione in testa alla classifica degli incassi. Il film di Darren Aronofsky si piazzato subito al primo posto del box office italiano con 2 milioni 665 mila d'incasso nel primo week end. Budapest Grand Hotel. Al secondo posto, dopo "Noah", troviamo un'altra nuova entrata, quel " Budapest GrandHotel" di Wes ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni