X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista ad Alice Lizza, su Rai 2 con la trasmissione Offline

06/08/2015 20:25
Intervista ad Alice Lizza su Rai 2 con la trasmissione Offline

Alice Lizza conduce su Rai 2 la trasmissione Offline: il viaggio è la base fondante dei suoi programmi.

Alice Lizza è una delle giovani conduttrici televisive più promettenti: attualmente è su Rai Due con ” Offline”. Mauxa l’ha intervistata.

D. Un aspetto positivo e uno negativo dell'esperienza Offline?

R. Viaggiare, è stato entusiasmante, farlo incontrando grandi personaggi e pensatori del nostro tempo è stata una vera sfida. Io e Davide (Starinieri, regista) amiamo spostarci e raccontare ciò che succede nel mondo, cogliendo le profondità e le sfumature più affascinanti di chi incontriamo durante il nostro cammino. Stavolta ogni racconto ci ha portati in una dimensione nuova e credo sia stato l’aspetto più entusiasmante di Offline. E poi il lavoro di gruppo, collaborare con ragazzi tra i 20 e i 35 anni, tutti profondamente appassionati del proprio lavoro, mi ha riempita di speranze, convincendomi che la forza di fare ce l’abbiamo tra le mani.
Il tempo è stato l’aspetto più limitante. Pochissimo tempo e molti luoghi e personaggi da raggiungere ci hanno impedito di calarci in profondità in ogni storia come volevamo davvero.

D. Per lei che è sempre in giro per il mondo, è più importante il viaggio o la meta?

R. La meta è solo la scusa per viaggiare! Se non esistessero i chilometri da percorrere, gli imprevisti, la strada e le fermate, e soprattutto i compagni, la meta sarebbe inutile. Kerouac diceva: “Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati? E dove andiamo? Non lo so, ma dobbiamo andare.” Forse il senso del viaggio è proprio questo. D. Quali dei suoi amici virtuali (poi diventati reali grazie a Offline) l'ha maggiormente piacevolmente sorpresa?

R. Offline ci ha permesso di entrare realmente in contatto con icone che guardavamo sempre a distanza, superando la barriera di uno schermo per stringerci la mano.

Sicuramente quello con Terry Gilliam è stato un incontro magnetico, pieno di aneddoti e curiosità sulla sua immaginazione e sui mondi surreali e distopici che è capace di creare. Un uomo che ha sempre capito il presente raffigurandolo nei suoi film come se fosse il futuro. E che online si diverte creando strani collage, fotomontaggi e caricature strambe. Ho amato anche parlare dal vivo con Zach King, lo youtuber con milioni di follower e decine di milioni di visualizzazioni ai suoi video “magici”: è il perfetto esempio di un talentuoso nativo digitale che in rete è riuscito a creare il suo palcoscenico. E’ stata la sintesi perfetta di offline, vedere una faccia così familiare, che trovavo ogni giorno in home page, davanti ai miei occhi!

D. Le tastiere dei PC e gli smartphone soppianteranno carta e penna?

R. Il mondo è sempre più digitale. Non so predire il futuro, non riesco ad immaginare esattamente dove andremo, ma di rado ho visto l’uomo tornare indietro e rinunciare alla tecnologia conquistata. Il rapporto con la carta e la penna penso sia però un legame intimo e primordiale con la nostra capacità di trasformare i pensieri in frasi e concetti…forse quando sentiamo l’esigenza di scrivere qualcosa di davvero importante lo facciamo su un foglio, per lasciare una traccia tangibile, concreta, delle nostre idee.

D. Nei suoi progetti futuri tv prevede un programma 'itinerante' o condotto comodamente in uno studio televisivo?

R. Dopo anni passati con la valigia e un biglietto aereo tra le mani mi riesce difficile immaginarmi dentro uno studio. Sono modi completamente diversi di intendere la tv. Ho cominciato a viaggiare nel 2010 e da quando ho incontrato Davide spostarsi tra città del mondo sempre diverse si è trasformata in un’esigenza implacabile, che si ravviva ad ogni ritorno. E mi piace avere lo zaino sulle spalle. Lo studio però ha un fascino diverso, quello della diretta, delle luci, del flusso continuo… e dell’ironia. Forse rinuncerei al viaggio solo per ridere, sono innamorata della satira e della comicità intelligente.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Good Omens, la serie tv: Michael Sheen e David Tennant guidano il cast

Amazon ha annunciato che gli attori Michael Sheen (“Masters of Sex) e David Tennant (“Broadchurch") interpreteranno i protagonisti della miniserie televisiva “Good Omens" (Titolo italiano: “Buona apocalisse a tutti”) che debutterà sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video nel 2019.  Connotata da un'im...

 

Il Trono di Spade 7, Nikolaj Coster-Waldau strizza l'occhio ai fan e difende l'ambiente

"ll Trono di Spade 7" è in pieno svolgimento e i fan sono in subbuglio: si preparano grandi avvenimenti nel continente di Westeros e la battaglia finale fra umani e non-morti sta per avere inizio. Mentre infuria la lotta per il controllo dei Sette Regni, in molti stanno cercando di tener dietro agli intrecci della trama e alle parentele che,...

 

Purché finisca bene, episodio 'La tempesta': un'improvvisa esigenza di maturità

Rai 1 ripropone l'episodio “La tempesta" (trasmesso per la prima volta il 28 aprile 2014) della serie "Purché finisca bene".  Il racconto prende avvio dalla scomparsa di Aldo Del Serio, il quale si trovava in vacanza ai tropici insieme alla moglie. A seguito di uno tsunami nessuno riesce a mettersi in contatto con lui e ciò...

 

Liar, tradimenti e inganni nella nuova serie tv

La serie televisiva “Liar” debutterà il 27 settembre negli Stati Uniti sul canale SundanceTV. Si tratta di un thriller psicologico articolato in sei puntate, creato e scritto dai produttori e sceneggiatori Harry e Jack Williams di Two Brothers Pictures ("The Missing", “Fleabag”). La trama si svolge attorno alle ...

 

L'ambasciata, rischi e tentativi nella terza puntata della serie spagnola

La terza puntata della serie televisiva spagnola “L’ambasciata” (Titolo originale: “La embajada”) va in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.25. La trama pone al centro il personaggio di Luis Salinas (Abel Folk), il nuovo ambasciatore spagnolo in Thailandia che si trasferisce insieme alla sua famiglia a Bangko...

 

The Walking Dead, la tragica morte di uno stuntman non influirà sulla trama

"The Walking Dead", la nuova stagione della più popolare serie tv sul mondo degli zombie, ha subito un evento tragico nel mese di luglio: lo stuntman John Bernecker è morto durante le riprese del programma dopo una caduta da alcuni metri. Nonostante la pluriennale esperienza l'uomo, che aveva avuto piccole parti in "Logan" e "Piccoli ...

 

Preacher, seconda stagione: intervista all'attrice Julie Ann Emery

Abbiamo intervistato in esclusiva l'attrice statunitense Julie Ann Emery, interprete del personaggio di Lara Featherstone nella serie televisiva "Preacher".  Leggi la trama D: La seconda stagione di "Preacher" ha debuttato negli Stati Uniti il 25 giugno 2017, il giorno successivo è stata resa disponibile su Amazon Prime Video. Le...

 

Atypical, la serie tv che racconta l'autismo debutta su Netflix

La serie televisiva intitolata “Atypical" debutta domani sulla piattaforma streaming Netflix. Creata da Robia Rashid (“The Goldbergs", “Will & Grace”), concede allo spettatore un racconto di formazione che vede protagonista Sam, un diciottenne autistico che ricerca amore e indipendenza. Il ragazzo intraprende un percor...

 

Velvet, l'ultima puntata della quarta stagione tra ritorno e vendetta

La quarta stagione della serie televisiva intitolata “Velvet” è stata trasmessa dall’emittente spagnola Antena 3 dal 5 ottobre al 21 dicembre 2016. In Italia va in onda su Rai1 dal 6 luglio 2017. La trama si concentra sulle vicende della sarta sarta Anna Ribera, interpretata dall'attrice Paula Echevarrìa. Nel p...

 

Recensione della serie tv 'I'm Sorry'

"I'm Sorry" è una commedia frizzante e godibile che affronta le vicende di vita quotidiana di una comica quarantenne californiana, moglie e madre di una bimba. La storia ricalca molto la vita della protagonista Andrea Savage che nella serie tv ha inserito vari elementi autobiografici, comunque riconducibili a una vasta porzione della middle ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni