X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Mad Max: Fury Road recensione film, Tom Hardy in fuga nella terra desolata

14/05/2015 19:00
Mad Max Fury Road recensione film Tom Hardy in fuga nella terra desolata

Mad Max: Fury Road, George Miller ritorna dopo trent'anni nel mondo distopico creato da lui stesso nel 1979, con una nuova adrenalinica avventura in compagnia del rude Tom Hardy e della bella imperatrice Charlize Theron.

Mad Max: Fury Road film diretto e sceneggiato da George Miller, reboot della trilogia cinematografica interpretata da Mel Gibson iniziata nel 1979 con Interceptor (Mad Max), continuata nel 1981 da Interceptor - Il guerriero della strada (Mad Max 2: The Road Warrior), e conclusasi nel 1985 con Mad Max - Oltre la sfera del tuono (Mad Max Beyond Thunderdome). Il film è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2015.

Mad Max: Fury Road trama. In un futuro distopico, in cui la società è caduta sotto il controllo di folli criminali, dove le risorse alimentari scarseggiano e il petrolio è diventato una materia di incredibile valore, vive Max Rockatansky, ex-poliziotto che dopo la morte di moglie e figlia vive problemi di natura psichica. Catturato da un perfido tiranno di nome Immortan Joe, l’uomo si ritrova ad essere usato come “sacca di sangue” da un guerriero malato, deciso a portarlo con se anche nella sua prossima missione: inseguire l’imperatrice Furiosa, rea di aver sottratto a Immortan Joe cinque delle sue più fertili donne. Max riesce però a fuggire, ritrovandosi - fianco a fianco con Furiosa - alla guida di un blindato da combattimento, braccati da tre armate, in direzione di una presunta Terra Verde. Ma la strada per la salvezza sarà piena di scontri, pericoli e scelte complicate.

Mad Max: Fury Road recensione. Il tempo passa inesorabile per tutti, ma trent’anni di pausa sembrano aver fatto molto bene a Mad Max; nato nel ’79 da una piccola produzione australiana, da anni si attendeva con ansia l’uscita dell’ultimo capitolo di quella che ormai si può considerare una tetralogia. Le cose sono decisamente cambiate rispetto la prima pellicola, non solo sul piano narrativo, ma anche dal lato economico: oggi George Miller ha potuto disporre di qualcosa come 150 milioni di dollari, per realizzare quello che si potrebbe rivelare il film d’azione più acclamato dell’anno. Il marchio di fabbrica è sempre lo steso: inseguimenti mozzafiato a più non posso e un antagonista di una malvagità (e bruttezza) indefinibile. Il ritmo è forsennato, per le due ore totali di proiezione i momenti di “godibile tranquillità” sono appena due, di breve durata, di cui il primo giunge solo dopo la prima mezz’ora; la componente rock è assai evidente, non solo per la presenza di un carro armato dotato di tamburi e chitarrista pazzo, ma anche dalla presenza scenica degli antagonisti: Immortan Joe sembra uscito da una band heavy metal anni ’80. La velocità d’azione si adatta perfettamente alle esigenze del pubblico contemporaneo, sempre più alla ricerca di titoli carichi di adrenalina e colpi di scena (e tanto sangue), facilmente reperibili in questo film, definibile - con le debite proporzioni - un Fast and Furious post-apocalittico. Ma c’è anche molto di più, e questa è la grande sorpresa. Per quanto rappresenti un chiaro prodotto del cinema blockbuster, il film gode di incredibili peculiarità stilistiche e tecniche, tra le quali una fotografia avvolgente e dinamica, con inquadrature a metà tra il trash tarantiniano e i western cult degli anni ’60. Lo sguardo del regista è sempre cinico e distaccato, mai ruffiano; le atrocità esistono e colpiscono in maniera indiscriminata, nessuno ne è immune, bisogna essere disincantati: ed è proprio il protagonista che ce lo dice chiaro e tondo: “la speranza è un errore”. Per quanto la trama non sia il punto di forza, diventa quasi superflua visto l’alto contenuto emotivo messo in gioco e il fascino del mondo distopico. Si rivela vincente anche la scelta di affiancare Tom Hardy e Charlize Theron, il primo rude e taciturno, la seconda bella e mascolina, con un braccio meccanico e tanta grinta. Ed è proprio quest’ultima l’eroina morale del film, colei che mette realmente in moto la storia, l’imperatrice che vuole rovesciare lo status di vittime predestinate delle donne, oggetto nelle mani di uomini terribili. Non a caso la sfida finale sarà una conflitto di genere, che vedrà la voglia di redenzione e libertà femminile contro lo sfruttamento maschile: uno scontro epico.

Mad Max: Fury Road cast. Tom Hardy (Il Cavaliere Oscuro, Child 44) è Max, mentre il premio Oscar Charlize Theron (Monster, Prometheus) impersona l’imperatrice Furiosa. Nicholas Hoult (X-Men: Giorni di un Futuro Passato) interpreta il guerriero Nux, e Hugh Keays-Byrne (già antagonista nel primo Mad Max) veste i panni del terribile Immortan Joe. Piccolo ruolo anche per Megan Gale (Vacanze di Natale 2000).

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Charlize Theron, Tom Hardy, George Miller
Film correlati
Mad Max: Fury Road



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Il cacciatore e la regina di ghiaccio: recensione del film fantasy scontro tra amore e dolore

Chris Hemsworth e Emily Blunt, rispettivamente Il cacciatore e la regina di ghiaccio, sono solo alcuni dei protagonisti del film di Cedric Nicolas-Troyan, che mostra una trama che sconfina dal prequel per poter inserirsi a pieno in un sequel del primo film ad esso strettamente connesso, ossia Biancaneve e il cacciatore. La temibile regina Ravenna ...

 

Legend: il film sui disadattati gangster Kray con il deformato attore Tom Hardy

Legend è il film di Brian Helgeland in uscita il 3 marzo 2016, interpretato da Tom Hardy nel doppio ruolo die gemelli Kray. Nel cast ci sono anche Emily Browning, Colin Morgan e Taron Egerton. La trama racconta la vicenda dei gangster gemelli londinesi Reggie e Ronnie Kray, che negli anni ’60 dominavano la Swinging London. Quando Ronn...

 

Splinter Cell: dall'omonimo videogame il nuovo film di Doug Liman con Tom Hardy

Dal videogioco al film. La Ubisoft e la New Regency hanno annunciato da tempo che stanno preparando un film tratto dal famoso videogame “Splinter Cell”. E ora il progetto sembra essere sempre più vicino alla sua realizzazione. Infatti, l’opera ha un titolo (semplicemente, “Splinter Cell”), un regista (Doug Liman...

 

The Coldest City: il nuovo avvincente thriller con Charlize Theron e James McAvoy

Il prossimo film “The Coldest City” sarà ambientato negli anni della Guerra Fredda e narrerà le vicissitudini di una spia di nome “Lorraine Broughton”, la quale dovrà recuperare una lista contenente tutti i nomi degli agenti britannici sotto copertura a Berlino. Il problema sarà ritrovarla, essend...

 

Mad Max: The Wasteland: George Miller dirigerà ancora Tom Hardy nel quinto film della saga

Tom Hardy tornerà nel ruolo di protagonista in “Mad Max: The Wasteland”, ancora una volta scritto, diretto e prodotto da George Miller. Dopo le numerose Nominations per “Mad Max: Fury Road”, l’attenzione è ora rivolta alla notte degli Oscar 2016. Mad Max: The Wasteland anticipazioni. Pochissime informazi...

 

Golden Globe, Leonardo DiCaprio aggiusta il tiro: verso l'Oscar 2016 grazie a Revenant - Redivivo

Golden Globe 2016. Un'edizione decisamente più frizzante, complice la verve contagiosa dell'enfant terrible Ricky Gervais, quella dei Golden Globe di domenica scorsa. Tra i momenti più emozionanti, l'omaggio di Quentin Tarantino al Maestro Ennio Morricone e le standing ovation per le premiazioni di Sylvester Stallone, Denzel Washingto...

 

Golden Globe 2016, ecco le nomination: Mad Max e The Martian, gli outsider pop

Golden Globe 2016. Annunciate le candidature dei Golden Globe, l'evento che orienta umori e premiazioni degli Oscar. Ricky Gervais salirà sul palco, per la quarta volta, del Beverly Hilton Hotel per presentare la kermesse il 10 gennaio. Sono due le certezze della vigilia: l'assenza di un titolo italiano in lizza e il riconoscimento di Insid...

 

Il cacciatore e la regina di ghiaccio: Chris Hemsworth e Charlize Theron nel film sequel fantasy

Il cacciatore e la regina di ghiaccio. È il sequel di “Biancaneve e il cacciatore”, film fantasy uscito nelle sale italiane nell’estate del 2012. Diretto da Cedric Nicolas-Troyan, nominato agli Oscar per Migliori effetti speciali proprio per il primo capitolo incentrato sulla storia di Biancaneve, il lungometraggio vede tra...

 

Oscar 2016 pronostici, miglior film regista e attore: Ian McKellen o Leonardo DiCaprio?

Oscar 2016, conto alla rovescia. Scontata appare la statuetta a Inside Out come Miglior pellicola d'animazione. Flebili sono i dubbi sul capolavoro della Disney Pixar a firma di Peter Docter e Ronnie Del Carmen, già campione d'incassi, come annunciato vincitore. La rosa dei miglior film. Si scommette su Revenant - Redivivo, il western ispir...

 

Leonardo DiCaprio produttore, dal prequel di Robin Hood al biopic su Bill Watterson

Leonardo DiCaprio toto Oscar. Come attore lo attendiamo al cinema a gennaio, a fianco di Tom Hardy, in Revenant - Redivivo, il nuovo film di Alejandro G. Inarritu.Del western, tratto dall'avvincente bestseller di Michael Punke (edito in Italia da Einaudi Editore), molto si è parlato: dalle lunghe riprese in condizioni estremamente disagiate ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni