X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Calvario recensione film, il reverendo Brendan Gleeson nel paese del peccato

14/05/2015 13:00
Calvario recensione film il reverendo Brendan Gleeson paese del peccato

Calvario, John Michael McDonagh racconta l'ultima settimana di un prete, impersonato da Brendan Gleeson, in una piccola cittadina di peccatori, minacciato di morte da uno sconosciuto durante una confessione.

Calvario film scritto e diretto da John Michael McDonagh, autore della sua seconda partita dopo “Un poliziotto da happy hour”, che fece guadagnare al protagonista Brendan Gleeson una nomination ai Golden Globe.

Calvario trama. Padre James è un bravo sacerdote irlandese, vive in una comunità con non pochi problemi e soprattutto conosce il giorno della sua morte. Infatti, durante la confessione, un uomo misterioso gli ha raccontato la propria vicenda di abusi e violenze sessuali da parte di un prete, decidendo di vendicarsi su di lui, proprio perché è un buon pastore. L’incontro è fissato a domenica. Eppure Padre James continua la sua vita, aiutando la figlia e occupandosi dei concittadini, tutti fervidi peccatori: una donna adultera, un pluriomicida, un medico cinico, un riccone viziato e un vecchio burbero. I giorni passano e la solidità dell’uomo vacilla, rischiando di perdere il coraggio per affrontare questa (presunta) ultima settimana di vita.

Calvario recensione. John Michael McDonagh aveva una missione, e l’ha rispettata: non voleva lasciare tregua al proprio protagonista. Così fin dai primi fotogrammi si assiste alla minaccia di morte - senza una ragione - da un misterioso uomo. Dal questo momento Padre James inizia il proprio calvario, rapportandosi con un serie di persone che rappresentano una vasta gamma di peccati, uno peggio dell’altro, e poco intenzionati a sentire le sue parole. Tutti ovviamente degli assidui frequentatori di chiesa, ma che fuori dal suolo sacro si fanno beffe del parroco (peraltro anch’egli un tempo alcolizzato). L’unica a dargli conforto è la figlia, rea di un tentato suicidio, con la quale riuscirà poco a poco a riavvicinarsi, lasciata dopo la morte della madre per prendere i voti. Ma dopo poco si comprende che non ci potrà essere salvezza in quel luogo, Padre James va verso una crocifissione sicura e inevitabile. Da sottolineare l’interpretazione dell’imponente Brendan Gleeson, dotato di un’ironia sagace e un po’ cattiva; e degna di nota anche la fotografia, figlia anche delle splendide città marittime irlandesi in cui è ambientata questa inquietante e profonda pellicola.

Calvario cast. Brendan Gleeson (Malocchio Moody nella saga cinematografica di Harry Potter) è Padre James, supportato dalla figlia Fiona, ovvero Kelly Reilly (Sherlock Holmes - Gioco di ombre). Troviamo tra gli altri anche Aidan Gillen, ovvero il subdolo Petyr Baelish de “Il Trono di Spade”, che in questo caso veste i panni del cinico medico Frank.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Brendan Gleeson, John Michael McDonaght
Serie TV correlate
Il trono di spade



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni