X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Child 44 recensione film, una tenace ricerca del killer in URSS per Tom Hardy

30/04/2015 13:00
Child 44 recensione film una tenace ricerca del killer in URSS per Tom Hardy

Child 44, Ridley Scott produce un thriller con sfumature noir ambientato in URSS dopo il secondo conflitto mondiale. Daniel Espinosa dirige un cast d'eccezione composto da Tom Hardy, Noomi Rapace, Vincent Cassel e Gary Oldman.

Child 44 - Il bambino numero 44 film diretto da Daniel Espinosa, scritto da Richard Price, e prodotto da Michael Schaefer, Greg Shapiro e Ridley Scott. La pellicola è tratta dall’omonimo libro di Tom Rob Smith e tratta la storia vera del Killer di Rostov, Andrej Romanovič Čikatilo.

Child 44 trama. Siamo a Mosca nel 1952, la Seconda Guerra Mondiale è terminata da pochi anni e il regime stalinista è nel maggior momento di forza. La Russia ora si coccola i suoi eroi, tra questi vi è Leo Demidov (Tom Hardy), colui che issò la bandiera sovietica sul tetto di Berlino. È il perfetto rappresentante dell’uomo nuovo voluto da Stalin, viene dal popolo ed è glaciale, grazie a queste caratteristiche è riuscito a far strada nell’MGB, il servizio di sicurezza dello Stato, fino a diventare uno degli investigatori di punta per la ricerca dei ribelli. I metodi utilizzati dal dipartimento investigativo non sono dei più ortodossi, prigionie ingiustificate e torture sono all’ordine del giorno, in una rete di ingiustizia sociale che continuerà, neanche troppo in sordina, fino alla caduta definitiva dell’URSS nel 1991. Tutto questo a Leo può star bene, si rende conto delle nefandezze che lo circondano, accetta che persone innocenti vengano processate e uccise per crimini non commessi, perché è parte integrante di questo sistema, e non vuole sottrarsi ai suoi doveri. Per seguire fedelmente la linea del regime un giorno si ritrova costretto a dichiarare come “incidente” la morte di un bambino, ritrovato nudo ed evidentemente assassinato dalla mano di un sapiente serial killer, che ne ha esportato organi vitali con perizia; ma non ci sono omicidi in paradiso, quindi è costretto ad insabbiare la cosa. Tutto cambia quando a finire sotto la lente dell’MGB finisce sua moglie, una giovane professoressa di nome Raisa (Noomi Rapace), accusata di aiutare le attività dei dissidenti. Posto di fronte alla scelta tra dovere e cuore, Leo decide di non denunciare la moglie ed insieme vengono esiliati dal Maggiore Kuzmin (Vincent Cassel) nella città industriale di Volsk. In quel luogo scoprono che sono stati segnalati altri casi di assassinio di ragazzini in età compresa tra i nove e i quindici anni, per la precisione altri quarantatré. Leo decide quindi di iniziare ad indagare, insieme a Raisa e al Generale Mikhail Nesterov (Gary Oldman), per scoprire chi si cela dietro a quella terrificante scia di omicidi che tanto spaventa le famiglie, anche a costo di rischiare la propria vita.

Child 44 recensione. Daniel Espinosa dirige un vero e proprio thriller dalle venature noir, in cui a fare da padrone assoluto è il contesto, un viaggio tra colbacchi e neve che non può lasciar indifferenti coloro i quali sono stanchi di vedere il solito burbero detective privato, che si aggira cupo per i sobborghi di Los Angeles. Un investigatore che agisce in URSS deve avere un bel fegato e tanta forza di volontà: lì la legge è molto chiara in proposito, l’omicidio è una degenerazione capitalistica, quindi non può esistere nello Stato perfetto di Stalin. L’idea alla base del film è dunque molto intrigante, entriamo subito in empatia con il protagonista e con le sue imperfezioni da rude soldato, soffrendo con lui per i continui soprusi subiti. All’inizio la storia si concentra sul dramma interiore vissuto dal protagonista, vittima di un sistema marcio e alienante, in cui lui non riesce ad uscire perché ormai integrato completamente, destato unicamente dall’amore per la moglie. Questo filone viene portato avanti per buona parte della pellicola, fino al momento in cui lui e la moglie, trasferiti a centinaia di chilometri da Mosca, iniziano ad investigare sulla scomparsa dei bambini, facendone una questione personale. La ricerca del killer diventa quindi saliente e a tratti davvero interessante: in pochi riescono a rimanere impassibili quando le vittime sono bambini innocenti. Per tutta la narrazione permane la dicotomia mostro-eroe, la quale vanta tra i suoi punti di forza la caratterizzazione ambigua dei personaggi, che vagano costantemente sulla sottile linea che divide bene e male. La pellicola con il suo connubio di generi potrà piacere agli amanti del thriller, ma anche coloro a cui non dispiacciono le storie d’amore tormentate o che apprezzano i film storici.

Child 44 cast. Il film può vantare un cast d’eccezione, che può contare sui nomi di Tom Hardy, nel momento più florido della sua carriera, e Noomi Rapace, ovvero Lisbeth Salander nella trasposizione cinematografica della trilogia Millennium di Stieg Larsson, protagonisti di un’ottima interpretazione tenendo conto della difficile ambientazione storica. Completano il cast Vincent Cassel e Gary Oldman, rilegati a personaggi minori, ma comunque molto efficaci nei loro ruoli antitetici: freddo e vendicativo il primo, rude e fondamentalmente buono il secondo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Noomi Rapace, Tom Hardy, Daniel Espinosa



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Splinter Cell: dall'omonimo videogame il nuovo film di Doug Liman con Tom Hardy

Dal videogioco al film. La Ubisoft e la New Regency hanno annunciato da tempo che stanno preparando un film tratto dal famoso videogame “Splinter Cell”. E ora il progetto sembra essere sempre più vicino alla sua realizzazione. Infatti, l’opera ha un titolo (semplicemente, “Splinter Cell”), un regista (Doug Liman...

 

Mad Max: The Wasteland: George Miller dirigerà ancora Tom Hardy nel quinto film della saga

Tom Hardy tornerà nel ruolo di protagonista in “Mad Max: The Wasteland”, ancora una volta scritto, diretto e prodotto da George Miller. Dopo le numerose Nominations per “Mad Max: Fury Road”, l’attenzione è ora rivolta alla notte degli Oscar 2016. Mad Max: The Wasteland anticipazioni. Pochissime informazi...

 

Enzo Ferrari: il nuovo film di Michael Mann con Christian Bale e Noomi Rapace

Enzo Ferrari è un film in fase di lavorazione diretto da Michael Mann e interpretato da Christian Bale e Noomi Rapace, la quale è in trattative per confermare il contratto. Tratta dal libro di Brock Yates “Enzo Ferrari: The Man, the Cars, the Races, the Machine”, l’opera si dovrebbe concentrare sul 1957, anno importa...

 

Golden Globe, Leonardo DiCaprio aggiusta il tiro: verso l'Oscar 2016 grazie a Revenant - Redivivo

Golden Globe 2016. Un'edizione decisamente più frizzante, complice la verve contagiosa dell'enfant terrible Ricky Gervais, quella dei Golden Globe di domenica scorsa. Tra i momenti più emozionanti, l'omaggio di Quentin Tarantino al Maestro Ennio Morricone e le standing ovation per le premiazioni di Sylvester Stallone, Denzel Washingto...

 

Alien: Covenant, il film di Ridley Scott avrà come protagonisti Michael Fassbender e Noomi Rapace

“Alien: Covenant”, sequel di “Prometheus” (2012), rappresenta il secondo capitolo della trilogia prequel dell’universo connesso ad “Alien”. Il nuovo lungometraggio vedrà alla regia Ridley Scott, autore del primo film della saga datato 1979, e avrà come protagonisti Michael Fassbender e Noomi R...

 

Oscar 2016 pronostici, miglior film regista e attore: Ian McKellen o Leonardo DiCaprio?

Oscar 2016, conto alla rovescia. Scontata appare la statuetta a Inside Out come Miglior pellicola d'animazione. Flebili sono i dubbi sul capolavoro della Disney Pixar a firma di Peter Docter e Ronnie Del Carmen, già campione d'incassi, come annunciato vincitore. La rosa dei miglior film. Si scommette su Revenant - Redivivo, il western ispir...

 

Leonardo DiCaprio produttore, dal prequel di Robin Hood al biopic su Bill Watterson

Leonardo DiCaprio toto Oscar. Come attore lo attendiamo al cinema a gennaio, a fianco di Tom Hardy, in Revenant - Redivivo, il nuovo film di Alejandro G. Inarritu.Del western, tratto dall'avvincente bestseller di Michael Punke (edito in Italia da Einaudi Editore), molto si è parlato: dalle lunghe riprese in condizioni estremamente disagiate ...

 

Leonardo DiCaprio, da Revenant allo scottante caso della Volkswagen

Leonardo DiCaprio produttore. Con la sua casa di produzione Appian Way, Leonardo DiCaprio produrrà un film sullo scandalo della Volkswagen. Secondo Variety, infatti, la Paramount Pictures si sarebbe già garantito i diritti cinematografici del libro del giornalista del New York Times, Jack Ewing. Di prossima pubblicazione, il libro rac...

 

George Miller, due nuovi film di Mad Max in cantiere con Tom Hardy

George Miller ha in cantiere ben due sequel di Mad Max: a TopGear.com il regista ha rivelato che le sceneggiature sarebbero già pronte, frutto degli approfondimenti sulla backstory di personaggi e veicoli fatti durante il lungo processo per realizzare Fury Road. Da Mel Gibson al reboot con Tom Hardy. E' noto, infatti, che Mad Max: Fury...

 

Leonardo DiCaprio contro Tom Hardy: l'avvincente nuovo trailer italiano di Revenant - Redivivo

Revenant - Redivivo nuovo trailer italiano. Arriva anche il nuovo trailer in italiano di Revenant - Redivivo, l'atteso nuovo film del Premio Oscar Alejandro G. Inarritu (Birdman, 2014) che dirige Leonardo DiCaprio e Tom Hardy. Revenant - Redivivo, è ispirato a fatti veri ed è liberamente tratto dall'avvincente bestseller di Michael P...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni