X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista Mia Madre: Nanni Moretti, ciò che racconti non deve investirti emotivamente

14/04/2015 13:00
Intervista Mia Madre Nanni Moretti ciò che racconti non deve investirti emotivamente

Mia Madre, intervista al regista Nanni Moretti, Margherita Buy e Giulia Lazzarini. Il film uscirà nelle sale il 16 aprile.

Mauxa intervista il regista e attore Nanni Moretti (Habemus Papam, Caos Calmo), insieme alle protagoniste femminili del cast, cioè Margherita Buy e Giulia Lazzarini, in occasione dell’uscita del loro ultimo film “Mia Madre”, nelle sale dal 16 aprile. La pellicola racconta di una regista donna, divisa tra il lavoro sul set e la madre in ospedale morente; un triste e sentito spaccato autobiografico del regista che ha voluto narrare uno dei momenti più complessi della vita di una persona.

D. Quanto c’è di autobiografico in questo film?

R. Nanni Moretti: La prima cosa che mi viene in mente sono le parole che affido ad un certo punto al personaggio di John Turturro: “Voglio andare via di qui e tornare alla realtà”. Furono dette dopo una settimana di lavoro notturno durante le riprese di Habemus Papam. Per non parlare di quando la protagonista regista si infuria con Turturro durante le riprese con la camera camera-car: mi rivedo molto in quella situazione. 

D. Situazioni di quotidianità e scene oniriche si confondono.

R. Moretti: Mi faceva piacere che lo spettatore quando assisteva ad una scena non capisse subito se stava assistendo ad un sogno o alla realtà, perché tutto ciò che c’è in Margherita (la protagonista) convive con la stessa forza: il senso di inadeguatezza, i problemi con la figlia, le questioni di lavoro; ma anche i ricordi, i sogni, i pensieri, cose più fluide. 

D. Com’è stato lavorare con Nanni Moretti?

R. Giulia Lazzarini: Ero molto amica di Luisa Rossi, colei che interpretò la madre in Ecce Bombo, e da come me ne parlò mi ha sempre incuriosito l’idea di lavorare per Nanni. Facendo teatro era difficile coniugare le due cose, ma dopo il nostro primo incontro in giro per Roma mi sono convinta a lavorare per lui. Il primo giorno di riprese ero talmente emozionata che abbiamo dovuto interrompere tutto e riprendere otto giorni dopo, ma alla fine è andato tutto bene.

D. Nel film c’è un tormentone che ripete la protagonista, dove dice che l’attore deve stare di fianco al personaggio che interpreta. Ce l’ha con Brecht?

R. Moretti: No, io prendo in giro me stesso, che è molto più faticoso. È una frase che dico spesso agli attori, un concetto che ho fatto mio: mi piace l’idea che l’attore abbia più dimensioni. Non so se poi gli attori ne comprendano veramente il significato, però nei fatti ottengo ottimi risultati.

D. È stato complesso calarsi nel ruolo?

R. Margherita Buy: È un film da interpretare su vari piani. Innanzitutto, dovendo impersonare una regista, ho trattato di cose che non conoscevo, se non marginalmente, ma che ho potuto cogliere da Nanni. Inoltre c’era il dolore, il fatto che mi fosse consegnato qualcosa di personale ed intimo.

D. C’è una certa differenza tra il film vero e il film fittizio che gira Margherita. Perché?

R. Moretti: Volevo che ci fosse distanza tra realtà e il lavoro di Margherita. Un contrasto netto tra la situazione privata molto fluida ed intensa, con un film molto strutturato e solido, ma senza particolari pretese.

D. Il personaggio di Margherita le è molto vicino, come mai ha deciso di non interpretarlo lei stesso?

R. Moretti: Perché fin dalla fase di scrittura avevo immaginato questo personaggio come una donna, ed era deciso così. Mi piaceva inoltre poter affidare ad una figura femminile delle caratteristiche più maschili. Per di più non si vedono tante registe donne nel nostro mondo, mi sembrava interessante affidare a lei quel ruolo.

D. Perché ha deciso di fare questo film?

R. Moretti: A causa della scomparsa di mia madre, volevo senza sadismo raccontare questo passaggio della vita di un uomo.

D. I suoi film sono in continua evoluzione, con delle costanti. Qual è il traguardo del futuro?

R. Moretti: Non ho idea di quel che sarò nel futuro, ma arrivare a raccontare certe cose con il massimo della semplicità può essere un buon punto di arrivo. Nel passato cercavo delle costanti nel mio personaggio, anche perché c’erano elementi della mia vita che finivano inevitabilmente nella sceneggiatura. Ora invece non ho più la fissazione di dover creare pian piano il mio personaggio.

D. C’è stata possibilità di improvvisazione sul set?

R. Moretti: Turturro è stato quello più in grado di aggiungere battute in maniera appropriata, aiutato però anche dalla presenza di attori di un certo calibro come Margherita Buy e Tony Laudadio capaci di controbattere all’improvvisazione senza rimanere di stucco per la sorpresa.

D. Lei ritiene che il senso di inadeguatezza di cui parla sia risolvibile con il passare del tempo?

R. Moretti: Pensavo che col tempo si diventasse più capaci di reggere il disagio, farsi un po’ il “pelo sullo stomaco”. In realtà ho scoperto che questa sensazione non fa che peggiorare con gli anni che passano.

D. È stato difficile trattare con lucidità di cose così vicine?

R. Moretti: Con il tempo non si acquisisce sicurezza o freddezza, i dubbi e le angosce sono le stesse di trent’anni fa. Però nel fare un film si è impegnati con mille altri lavori che concernono il lato più pratico, così si fa e basta, anche se il tema è toccante. Io ritengo che ciò che racconti non debba investirti: però forse non sono d’accordo con me stesso.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Nanni Moretti, Margherita Buy
Film correlati
Habemus Papam



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Mia Madre recensione film, toccante e intimo racconto di Nanni Moretti

Mia Madre film diretto da Nanni Moretti (vincitore nel 1993 del Premio per la miglior regia al Festival di Cannes con “Caro Diario”, e nel 2001 della Palma d'oro con “La stanza del figlio”), scritto insieme a Francesco Piccolo (collaboratore di Nanni Moretti ne “Il Caimano” e “Habemus Papam”; ha ...

 

Nanni Moretti: solo 277 views per il trailer del nuovo film 'Mia Madre' con Margherita Buy

Nanni Moretti sarà al cinema il 16 aprile con il nuovo film “Mia madre”, di cui è stato pubblicato il trailer su YouTube. YouTube. Il trailer del film di Nanni Moretti ha totalizzato solo 277 visualizzazioni su YouTube: il video è stati caricato il 26 marzo 2015. Qui si mostra la protagonista Margherita Buy nel ruo...

 

Nanni Moretti, fratello della regista Margherita Buy nella trama del nuovo film Mia madre

Nanni Moretti con il suo nuovo film dal titolo “Mia madre” sarà nelle sale cinematografiche il 16 aprile 2015. Trama film Mia madre. La storia del film s’incentra su una regista di successo, interpretata da Margherita Buy: la donna nella vita privata ha una situazione complicata, e nella casa è in balia della madre ...

 

Libro Terre rare di Sandro Veronesi: una nuova avventura per il protagonista di Caos calmo

Terre rare (Bompiani) di Sandro Veronesi. Sandro Veronesi torna in libreria con Terre rare edito da Bompiani. A nove anni di distanza da Caos calmo, vincitore del Premio Strega nel 2006, ritroviamo Pietro Palladini intrappolato in una situazione paradossale: senza patente, socio, compagna, con la Finanza alle calcagna e la figlia scappata da casa. ...

 

John Turturro, con Sofia Vergara è Gigolò e doppio attore per Nanni Moretti

John Turturro è a Roma nelle doppie vesti di attore e regista. È infatti nel cast del nuovo film di Nanni Moretti, “Mia madre” accanto a Margherita Buy, Elena Cotta e Giulia Lazzarini.  Gigolò per caso. È anche il regista di “Gigolò per caso”, interpretato da Woody Allen e incentrato ...

 

Nanni Moretti, un libro racconta lo sguardo morale del regista 60enne

Nanni Moretti che il 19 agosto compie sessant'anni è uno degli autori cinematografici dalla più folta pubblicistica. Il libro per antonomasia che racconta la sua carriera filmica è “Nanni Moretti” di Flavio de Bernardinis per Edizioni Il Castoro, che crea una panoramica dettagliata della sua produzione. Altro volum...

 

David di Donatello, Margherita Buy ne ha perso uno. Stasera va in scena la cerimonia di premiazione

Questa sera andrà in scena la cerimonia di premiazione della 57esima edizione dei Premi David di Donatello. Dalle ore 21.10 sarà possibile seguire l'evento su Raiuno, in diretta dagli studi Rai della Dear a Roma. Condurrà il duo comico Lillo&Greg.  Il David di Donatello è un premio...

 

Mi Rifaccio Vivo: dopo L'uomo nero, Sergio Rubini ritorna alla commedia

Stasera nelle sale italiane esordisce "Mi rifaccio vivo", la dodicesima pellicola di Sergio Rubini. Attore dotato di grande versatilità e carisma, Rubini si può ormai definire anche un regista affermato e maturo: "Colpo d'occhio" e "L'uomo nero" sono le sue due ultime opere ambiziose e in parte autobiografiche, ambientante nella sua ...

 

Maria Sole Tognazzi dirige Viaggio Sola: Margherita Buy Ŕ la sua ospite a sorpresa

Maria Sole Tognazzi è la regista di Viaggio Sola, film con la deliziosa Margherita Buy impegnata nel ruolo di Irene, over quarantenne che di mestiere fa l'ospite a sorpresa. Tale personaggio al femminile risulta essere una protagonista in carriera senza figli né marito che, in incognito, si reca come cliente per registrare, giudicare ...

 

cinema: Mi rifaccio vivo. L'ultimo lavoro di Sergio Rubini

Il regista Sergio Rubini ha presentato ieri in anteprima al Petruzzelli in occasione del Bif&st il suo ultimo film "Mi rifaccio vivo", in cui il maestro torna a giocare con la doppia identità facendo leva su una trama dalle sfumature fantasy.La storia ruota intorno alle avventure tragicomiche di Biagio Bianchetti, un imprenditore che ce...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni