X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il Decameron, la pellicola di Pier Paolo Pasolini tratta dall'opera di Boccaccio

10/03/2015 15:00
Il Decameron la pellicola di Pier Paolo Pasolini tratta dall'opera di Boccaccio

Il Decameron di Pier Paolo Pasolini è probabilmente il film più importante tratto dall'opera di Boccaccio. Una pellicola da ricordare e rivedere anche in occasione della recente uscita nelle sale di Meraviglioso Boccaccio dei fratelli Taviani.

Il Decameron è un film del 1971 scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini e interpretato da Ninetto Davoli, Franco Citti, Silvana Mangano e dal regista stesso. La pellicola è tratta dal Decamerone, l’immensa opera letteraria del 300 realizzata da Giovanni Boccaccio.

Il Decameron, trama. Il film racconta nove novelle del Decamerone ambientandole tutte a Napoli e dintorni: vi è la storia di Andreuccio, un ragazzo imbrogliato da una donna che si finge sua sorella; vi è la vicenda di Masetto, finto sordomuto che crea scompiglio in un convento di suore; quella dell’allievo di Giotto; di Lisabetta, che conserva la testa dell’amante ucciso dai fratelli; quella della morte di Ser Ciepetto; l’episodio dei due giovani amanti Caterina e Riccardo; quello di Tingoccio, il quale rivela dall’Aldilà che fare l’amore non è un atto peccaminoso; di Gianni, che riesce ad avere un rapporto sessuale con la moglie di un contadino che ha imbrogliato; di Peronella e del modo con cui nasconde l’amante al marito.

Pier Paolo Pasolini è l’autore del film. Scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini, Il Decameron è stato concepito dal regista come un progetto grande e ambizioso, come dimostra il fatto che inizialmente doveva durare tre ore e raccontare quindici novelle, principalmente ambientate a Napoli. Inoltre, l’opera, insieme ai successivi I racconti di Canterbury e Il fiore delle Mille e una notte, compone la Trilogia della vita, un trittico con cui l’intellettuale bolognese riflette sulla liberazione sessuale e sul rapporto tra le classi sociali. In tale direzione, nel Decameron non sono un caso né l’ambientazione nei più poveri luoghi partenopei né le diverse sequenze di nudo integrale, che all’epoca scandalizzarono i censori, i quali tentarono più volte di sequestrare la pellicola. Il film ebbe comunque un buon successo, in particolare al ventesimo festival di Berlino, dove vinse l’Orso d’Argento.

Il Decameron al cinema: da Pasolini ai fratelli Taviani. Diversi sono i film che, per motivi più autoriali o più commerciali, si sono ispirati al testo di Boccaccio, ma i due lavori più celebri risultano probabilmente quello di Pasolini e il recentissimo Meraviglioso Boccaccio dei fratelli Taviani, uscito nelle sale italiane lo scorso 26 febbraio. A parte il testo al quale si sono ispirati, i due film hanno in realtà ben poco in comune: non solo le novelle raccontate nella pellicola del poeta emiliano sono nove mentre in quella dei due cineasti toscani sono cinque, non solo l’ambientazione passa da Napoli alla Toscana, ma vi sono soprattutto divergenze narrative ed estetiche. Se l’opera dei due fratelli parte dalla peste di Firenze e prosegue con i sette narratori che - rifugiatosi in campagna - raccontano le cinque storie, quella di Pasolini esclude la fase iniziale e la struttura di fondo per partire direttamente con le novelle. Inoltre, il film di Pasolini è grottesco nei toni e “schietto” nelle immagini, mentre quello dei Taviani alterna dramma e ironia e tende a una forma visiva piuttosto estetizzante.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Juri Saitta
Home
 



Articoli correlati

Maraviglioso Boccaccio: anche Kasia Smutniak nel film dei fratelli Taviani dalle novelle del 1359

Maraviglioso Boccaccio è il film diretto da Paolo e Vittorio Taviani e ispirato alle novelle di Giovanni Boccaccio “Il Decamerone” scritte tra il 1359 e 1361. Trama. La trama è ambientata a Firenze, nel 1300 quando la peste imperversa sull’Europa. Dieci giovani decidono di rifugiarsi in campagna, impiegando il ...

 

Riccardo Scamarcio, interpreta il film su Pasolini e in Puglia 'La prima luce' per Marra

Riccardo Scamarcio inizierà lunedì 23 giugno 2014 le riprese del film “La prima luce” diretto da Vincenzo Marra e per una co-produzione tra Italia, Francia e Cile. Trama. La trama ruota attorno a varie storie di paternità contese, in prima istanza tra cittadini appartenenti a paesi diversi. Una famiglia qui segue l...

 

Pierpaolo Pasolini, a Bruxelles una 'polemica inversa' omaggio all'intellettuale

Pierpaolo Pasolini, ovvero "PPP. Una polemica inversa". Questo il titolo della mostra organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles, che sta raccogliendo l'interesse di molti belgi e di italiani di passaggio nello stato nordeuropeo. La mostra è stat organizzata tramite il curatore Flavio Alivernini, che ha inteso omaggiare il...

 

Vincenzo Cerami, il rugbista della sceneggiatura è scomparso. Sancì l'Oscar de La vita è bella

Vincenzo Cerami è deceduto oggi a Roma all'età di 73 anni. Scrittore, sceneggiatore, giornalista, e drammaturgo, fu applaudito da tutto il mondo per la sceneggiatura del film capolavoro "La vita è bella" di Roberto Benigni, pellicola che gli valse  una candidatura all'Oscar. Tutti sono a conoscenza di quale grande artista ...

 

La Mostra del Cinema di Venezia proietta anche Marilyn Monroe e Billy Wilder

La Mostra del Cinema di Venezia che comincerà il 29 agosto quest’anno propone non solo glamour, ma anche una selezione di film restaurati. Michael Cimino sarà presente alla proiezione di Heaven’s Gate (I cancelli del cielo, 1980), nella copia restaurata digitalmente da Criterion. Tra i film presentati c’è Il...

 

La notte di San Lorenzo, le stelle cadenti di De Andrč e Taviani

San Lorenzo, le stelle cadenti di De Andrè e Taviani. Stasera le stelle cadenti che per San Lorenzo affollano lo spazio, sono più presenti che mai sia in letteratura che in musica. Lo ricorda Fabrizio De Andrè che con La notte di San Lorenzo (dell'album Sul confine, 1995)verseggia: “cadde una stella illuminando il lago /...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni