X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione Black or White, sorrisi e temi delicati per Kevin Costner

04/03/2015 08:00
Recensione Black or White sorrisi temi delicati per Kevin Costner

Black or white, un tema molto importante come quello dell'integrazione razziale nella nuova commedia diretta da Mike Binder, ispirato a fatti realmente accaduti al regista

Black or white è il nuovo film del regista Mike Binder (Reign Over Me) ed esce nei cinema italiani giovedì 5 marzo. La distribuzione è opera di GoodFilms.

Black or white trama, Elliott, dopo la morte della moglie in un incidente stradale e quella della figlia diversi anni prima durante il parto, si trova a dover crescere da solo la piccola Eloise, nata dalla relazione della figlia con un ragazzo di colore. La vita l’ha messo a dura prova e l’unica cosa in cui trova conforto è l’alcool. L’uomo si trova ad avere a che fare con la nonna paterna della bambina, Rowena, che vuole l’affidamento esclusivo della piccola e per questo affida il caso al fratello avvocato Jeremiah. La situazione per Elliott non migliora di certo con il ritorno in gioco del da lui odiato padre di Eloise, ex tossicodipente che dice di essere pulito.

Black or white recensione, Kevin Costner (Balla coi lupi) torna a lavorare con Mike Binder a distanza di dieci anni da “Litigi d’amore”. L’operazione è positiva perché il risultato è una commedia che strappa diversi sorrisi allo spettatore con sullo sfondo delle tematiche molto importanti come il razzismo e le difficoltà di integrazione. Il tutto è reso bene grazie a una sceneggiatura molto ben scritta dallo stesso Binder.

Black or white cast è di primo livello. Partiamo dal protagonista Elliott, interpretato da Kevin Costner. Nonna Rowena è il premio Oscar Octavia Spencer (The Help) mentre un altro attore di grande caratura è Anthony Mackie (Pain & Gain - Muscoli e denaro) nel ruolo di Jeremiah. Il film ruota attorno a Costner, che è perfettamente calato nella parte, ma è impossibile non sottolineare l’interpretazione della Spencer, con mimiche assolutamente eccezionali che non possono non divertire chi guarda il film.

Mike Binder per la sua nuova opera sceglie una vicenda tratta dal proprio vissuto. Oltre alla sceneggiatura è anche autore della regia, la quale è ben curata e segue sempre il personaggio di Elliott: nel suo rapporto con la nipote, in quello con Rowena, quando beve per dimenticare, nella battaglia in tribunale per l'affidamentp di Eloise.

Black or white si rivela essere un buon film, che può essere tranquillamente classificato come una commedia. L’opera di Binder è piuttosto poltically correct, ma riesce a trattare grandi temi strappando diverse risate allo spettatore presente in sala.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Kevin Costner
Film correlati
Black or white



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Recensione film Man of Steel, Superman entra nel nuovo millennio

Man of Steel ha origine negli anni trenta del secolo scorso. Il personaggio creato da Jerry Siegel e Joe Shuster e pubblicato dalla DC Comics è stato uno dei fumetti più amati nel panorama dei supereroi. Dopo essere già apparso al cinema nella saga interpretata da Christopher Reeve, Zack Snyder introduce Superman nel nuovo mill...

 

Man Of Steel: il regista Zack Snyder ci mostra un Superman tormentato

Debutto in grande stile per il film Man Of Steel (L'uomo d'acciaio), proiettato in anteprima lo scorso 10 giugno a New York. Alla première mondiale del film era presente tutto il cast e naturalmente il regista Zack Snyder. Sul red carpet hanno sfilato Henry Cavil nel ruolo di Superman/Clarl Kent, Kevin Costner in quello del padre di Superman...

 

Ritorno televisivo per Kevin Costner che piange la morte di Whitney Houston

Sono giorni di dolore per la star hollywoodiana di origini europee e sangue Cherokee Kevin Costner, premio Oscar nel 1991 con il film Balla coi lupi,  per la perdita della sua amica e collega Whitney Houston, morta in circostanze ancora poco chiare dopo anni di eccessi e depressione. Avevano girato insieme nel 1992 il film di grande successo c...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni