X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Finding Vivian Maier: recensione del documentario candidato all'Oscar 2015

01/02/2015 08:00
Finding Vivian Maier recensione del documentario candidato all'Oscar 2015

Finding Vivian Maier è uno dei documentari candidati agli Academy Award 2015, meglio noti come Premi Oscar. Scritto e diretto da Hohn Maloof e Charlie Siskel, il film muove dalla casuale scoperta di una scatola di negativi appartenuti a Vivian Maier, una sconosciuta bambinaia con incredibili doti artistiche nella fotografia.

Finding Vivian Maier è il documentario candidato al Premio Oscar 2015. Scritto e diretto da John Maloof e Charlie Siskel, il film racconta la storia di Vivian Maier, bambinaia di professione, ma anche geniale fotografa, la cui attività artistica è stata casualmente scoperta solo dopo la sua morte. Oltre ad essere uno dei film in conconrso gli Academy Awards 2015 come miglior documentario, la pellicola è già stata selezionata in molti festival internazionali, tra cui l'Edinburgh International Film Festival 2014, il Dublin Film Critics Circle Awards 2014, e altri festival americani. A seguito della scoperta di un vastissimo archivio di pellicole fotografiche – alcune delle quali mai sviluppate – le streets photography di Vivian Maier sono state esposte in prestigiosi musei a New York, Los Angeles e Londra riscuotendo, ovunque, uno smisurato – e non previsto - successo

Finding Vivian Maier Documentario Trama Quando nel 2007 Joun Maloof decise di acquistare ad un'asta una scatola piena di negativi, molti dei quali non ancora sviluppati, stava cercando alcune fotografie che potessero descrivere e rappresentare una parte della storia di Chicago, tematica che più lo interessava in quel momento. Tuttavia, la scoperta di uno sterminato corpus di streets photography dall'indubbia qualità artistica, lo portarono ad interessarsi alla mistariosa vita dell'autrice degli scatti un questione, una certa Vivian Maier. Il film ripercorre quindi la storia delle ricerche di Joun Maloof nel tentativo di trovare Vivian Maier, la sua identità, entrando in contatto con alcune persone che lei conosceva e capire perchè, di fronte a tanta genialità, la donna avesse invece deciso di non pubblicare i propri scatti. Il film cerca di rispondere a questa domanda, tratteggiando, nello stesso tempo, un ritratto emotivo e psciologia di Vivian Maier, la bambinaia che sempre aveva una macchina fotografica al collo

Finding Vivian Maier Regia Joun Maloof assume nel documentario il ruolo di testimone della sua stessa ricerca. Il co autore del documentario viene ripreso sin dall'acquisto della scatola piena di negativi, sia nelle fasi successive della ricerca: dal cercare appoggio nei circuiti classici dell'arte – per far conoscere Vivian Maier e far riconoscere le sua fotografie come vere e proprie produzioni artistiche – alle indagini sul passato di Miss Maier, alle interviste di quanti avevano già conosciuto in vita la fotografa ante litteram, sino a tratteggiare l'enigmatica personalità di un genio della fotografia del novecento che, tuttavia, alle luci della ribalta, aveva preferito il lavoro di bambinaia. La forma del documentario scelta dagli autori e quella canonica del reportage di inchiesta: alle interviste vengono affiancate le immagini di repertorio recuperete da Joun Maloof

Finding Vivian Maier Recensione La storia di Vivian Maier ha dell'incedibile. Non solo perché come altri artisti e fotografi – come ad esempio Eugene Atge – le straordinarie capacità fotografiche di Vivian Maier vengono scoperte solo dopo la sua morte, ma anche per la duplice personalità dell'artista stessa, che ci viene presentata come avente due lati caratterialmente opposti come la luce e il buoi, più una quasi patologica mania per l'accumulo di oggetti ritrovati e articoli di giornali inerenti la follia delle persone e il film è narrativamente costruito sulla ricerca e scoperta di questa personalità misteriosa e borderline. Il risultato finale è però non convince del tutto, anche se non mancano momenti commoventi o veri e propri colpi di scena, testimonianze capaci di far cambiare il modo con cui, fino a quel momento, ci eravamo immaginati Miss Maier

Gli Autori
John Maloof, prima di “Finding Vivian Maier”, aveva già diretto i corti Harwood Heights, This is Jason Davis e Schwim Schwam Show
Charlie Siskel è invece all'esordi come regista. Nel mondo del cinema si è fatto segnalare come sceneggiatore della serie tv “Review” e “Crossballs: The Debate Show”

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Luchino Visconti, una mostra a Roma espone i bozzetti dei suoi film

Alla Casa del Cinema di Roma si è inaugurata la mostra e retrospettiva “Talenti intrecciati: Visconti, Garbuglia, Tosi”. Fino al 22 febbraio saranno esposti bozzetti dello scenografo Mario Garbuglia e del costumista Piero Tosi, realizzati per i film di Luchino Visconti, assieme alle fotografie di Mario Tursi. Vari sono...

 

Annihilation, dall'omonimo romanzo di VanderMeer il nuovo film sci-fi con Natalie Portman

Il progetto. “Annihilation” è un film di fantascienza prodotto dalla Paramount, diretto da Alex Garland (già regista e sceneggiatore dello sci-fi “Ex Machina”) e interpretato da Natalie Portman, Oscar Isaac e Jennifer Jason Leigh. L’opera è l’adattamento cinematografico di “Annientament...

 

Funne - le ragazze che sognavano il mare: intervista alla regista del film Katia Bernardi

Funne - le ragazze che sognavano il mare è il film documentario di Katia Bernardi in questi giorni nelle sale. La storia segue dodici ottantenni che abitano in un paese di montagna delle Dolomiti e che non hanno mai visto il mare. Così in occasione del ventennale di un circolo di pensionati si decide di avviare una raccolta fondi per ...

 

Logan, immagini feroci nel nuovo trailer del film

Un nuovo trailer del film “Logan” è stato pubblicato: su YouTube la clip ha raggiunto 108.675 visualizzazioni in poche ore, su Facebook 248 mila. Nelle immagini vediamo la piccola Laura Kinney / X-23 (Dafne Keen) mentre sgranocchia delle patatine in un supermercato ed è fermata da un commesso: lei con una mossa da judo lo...

 

Recensione del film Qua la zampa!

Qua la zampa! (“A Dog's Purpose”) è il film di Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson e K.J. Apa. Nel 1962 Ethan Montgomery (Bryce Gheisar) e sua madre (Juliet Rylance) salvano un cucciolo di Golden Retriever ferito e abbandonato. Il cucciolo viene adottato, e il diversivo che porta nella casa è quello di ...

 

Carlo Verdone, il nuovo film sarà una tragicommedia sulla convivenza

Carlo Verdone ha annunciato con queste parole il suo prossimo progetto: “Il mio nuovo film sarà corale ed esplorerà le fragilità e le debolezze della convivenza ai nostri tempi”. La dichiarazione risale allo scorso giugno, ed è stata rilasciata dall’attore e regista romano in vista di “Alberto il ...

 

Recensione del film Arrival

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti). Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), f...

 

Raw, nuove immagini del film horror sul cannibalismo

Nuove immagini di “Raw” sono state diffuse, il film horror di Julia Ducournau. Nelle immagini la protagonista Justine (Garance Marillier) entra nella nuova scuola, poi lei viene immessa in un rito in cui deve mangiare carne. In altre scene assaggia con voracità della carne cruda presa dal frigorifero, infine è a letto con...

 

The Founder, 'non si diventa un milionario essendo un boy scout': intervista all'attore del film David de Vries

The Founder è il film di John Lee Hancock, con un cast composto da Michael Keaton, Nick Offerman, John Carroll Lynch, Laura Dern e David de Vries. La trama è quella di Ray Kroc, venditore dell’Illinois che incontra Mac e Dick McDonald. I due avevano avviato un’attività di vendita di hamburger nella California del S...

 

Film più visti della settimana in USA: 'Il diritto di contare' resta primo seguito da 'La La Land'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 gennaio 2017 vede al primo posto “Hidden Figures” (“Il diritto di contare”) della 20th Century Fox: la storia è quella della matematica afroamericana Katherine Johnson che con le colleghe coadiuva la NASA nella corsa allo spazio. L’incasso to...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni