X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Burnout: recensione del web documentario di Samuel Bollendorff ai confini tra fiction e realtà

04/01/2015 08:00
Burnout recensione del web documentario di Samuel Bollendorff ai confini tra fiction realtà

Samuel Bollendorff è un fotogiornalista e web documentarista che con gli ultimi lavori Journey to the End of Coal (2010) e Burnout - Le Grand Incendie (2013) – con Olivia Colo, film sulla tragica decisione di immolarsi di 30 cittadini francesi, ha esplorato il confine che da sempre divide cinema di finzione e cinema documentario, creando un nuovo modo di vedere e raccontare – interpretare - la realtà.

Samuel Bollendorff, al pari di Erica McDonald, Cristina de Middel e Geert van Kesteren – solo per citarne alcuni - è un fotografo che, negli anni, oltre ad aver portato il fotogiornalismo e la fotografia documentaristica ai massimi livelli tecnici, sia formali che di contenuto, ha anche innovato il linguaggio espressivo della fotografia documentaria, esplorando e inquadrando sotto una nuova luce il sottile confine che da sempre, dalla nascita della fotografia e del cinema, ha tradizionalmente diviso realtà e finzione

Burnout - Le Grand Incendie Regia Vincitore del Visa D'Or Frane 24 – Rfi 2014 e selezionato, tra gli altri, al Web Program Festival 2014, all'IDFA di Amesterdam e allo Sheffield DocFest 2014, “Burnout - Le Grand Incendie” è un web documentario che racconta la triste storia di 30 cittadini francesi che, a partire dal 2011, hanno preso la tragica decisione di sacrificarsi, immolandosi spesso sul luogo di lavoro, lasciando dietro di se delle lettere, come estremo e ultimo tentativo di dar voce e risonanza alle proprie parole, ai propri problemi. Nel web documentario di Bollendorff, mentre sullo schermo scorrono le fotografie, le date e i luoghi delle tragedie, intervallate dai diagrammi dei flussi vocali – con i quali si può interagire facendo apparire al di sotto altre immagini, come quelle estratte dai telegiornali di quei giorni - queste lettere sono state lette da attori e personaggi famosi, ben riconoscibili, per non ingannare il pubblico, senza quindi lasciargli credere agli spettatori che siano le vere voci dei martiri

Burnout - Le Grand Incendie Recensione Se, come diceva Roland Barthes in “La Camera Chiara” la fotografia certifica l'esistenza – e la compresenza - del tempo perché il suo referente, l'oggetto fotografato, è stato realmente davanti all'obbiettivo della fotocamera, con “Burnout - Le Grand Incendie” – e con gli altri lavori – Bollendorff muove da una domanda fondamentale per chi fa fotografia, e fotografia documentaria in particolare: come documentare un evento che è ormai lontano nel tempo, e, quindi, tragicamente scomparso? La risposta – vincente – di Bollendorff è stata quella di trovare nuove strutture narrative per esprimere quello che voleva dire, riaffilando i classici mezzi tecnici e espressivi del fotogiornalismo, sfruttando le potenzialità del web, del video e del sonoro, pur mantenendo, allo stesso tempo, il valore di realtà e verità che da sempre – giustamente o no – viene attribuito alla fotografia

L'autore
Biografia Samuel Bollendorff è nato nel 1974. Ha studiato Storia dell'Arte e fotografia alla scuola Louis Lumière. Come fotografo è stato membro della Ceil Public Agency dal 1999 fino alla chiusura nel 2010. Oltre ad essere stato sulle copertine delle più prestigiose riviste di settore e non, come fotografo, tra gli altri, vanno menzionati i suoi reportage AIDS Silence – una serie di ritratti scattati tra il 2000 e il 2003 sulle conseguenze sociali dell'Aids – e il web documentario Journey to the End of Coal

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 

Tutti i soldi del mondo, prime immagini del film di Ridley Scott

È stato pubblicato il primo trailer del film “Tutti ii soldi del mondo”, diretto da Ridley Scott. Nelle immagini si mostra il giovane Paul Getty III (Charlie Plummer) mentre viene rapito a Roma. Uno dei rapinatori - interpretato da Romain Duris - chiama la madre del ragazzo, Gail (Michelle Williams) e chiede 17 milioni di dollar...

 

I vip con più matrimoni alle spalle

Spesso si pensa che le persone famose abbiano molto di più degli altri e senza dubbio ciò è vero almeno per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi, dal momento che pochi vip sono riusciti a rimanere sposati con la stessa persona per tutta la vita. Il leggendario sassofonista Louis Armstrong è convolato a nozze quattro v...

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

“White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense. L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi c...

 

La battaglia dei sessi, immagini dell'anteprima con Emma Stone

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti de film “La battaglia dei sessi”, presentato al Toronto Film Festival (leggi l'articolo sul film). La storia è quella della partita di tennis del 1973 tra il numero uno del mondo, la tennista Billie Jean King (Emma Stone) e l’ex campione Bobby Riggs (Steve Carrel). Nelle...

 

Recensione del film 'The Tribunal': matrimonio, fede e triangoli amorosi

Non è facile recensire un’opera come “The Tribunal”, perché si tratta così chiaramente di un film a tesi che diventa un’impresa non da poco il giudicarne gli aspetti cinematografici ignorando il messaggio che il prodotto è stato appositamente pensato e creato per veicolare. Ma procediamo con ordi...

 

Recensione del film 'Cars 3'

In “Cars 3” Saetta McQueen, l’auto campione di corsa continua il suo percorso nel circuito automobilistico: ma l’innovazione prende il posto della tradizione. Infatti si trova competere con la recluta arrogante Jackson Storm, nata con le ultime tecnologie per migliorare le prestazioni della corsa. I colleghi di Saetta non p...

 

Brie Larson, il film 'Unicorn Store' presentato al Toronto Film Festival

Brie Larson - attrice premio Oscar per “Room” - ha presentato al Toronto Film Festival la pellicola diretta da lei stessa "Unicorn Store”. La trama racconta di Kit (Larson), una giovane sognatore che rifiuta di abbandonare il suo senso di meraviglia. Si considera un’artista fallita, e comprende che l'unico modo per riuscire...

 

Margaret Qualley, è una misteriosa madre nel film 'Strange But True'

Margaret Qualley sarà protagonista del film “Strange But True” tratto dall’omonimo romanzo di John Searles. L’attrice è anche interprete del film “Death Note: Il quaderno della morte” nel ruolo di Mia Sutton, compagna del protagonista Light nonché alleata nella loro missione per liberare il ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni