X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a A. Lastrucci, direttore del Festival dei Popoli

30/11/2014 08:00
Intervista A. Lastrucci direttore del Festival dei Popoli

A Firenze la 55° edizione del Festival dei Popoli, dal 28 novembre al 5 dicembre 2014, la più prestigiosa rassegna italiana dedicata al cinema documentario. Mauxa ha intervistato il direttore Alberto Lastrucci.

Mauxa intervista Alberto Lastrucci, direttore del 55° Festival dei Popoli di Firenze, la più prestigiosa rassegna cinematografica italiana interamente dedicata al film documentario e tra le più longeve e importanti d'Europa. Dalla prima edizione del 1959 ad oggi, il festival ha presentato i film dei più prestigiosi cineasti del settore, come Jean Rouch, Gianfranco Mingozzi, Vittorio De Seta, Nagisa Oshìma e molti altri

Il Festival dei Popoli di Firenze è annualmente organizzato dall'omonima associazione senza scopro di lucro fondata nel 1959 da un gruppo di studiosi di scienze sociali. Già dalla prima edizione l'evento ha saputo catalizzare su di sé l'attenzione degli addetti ai lavori, merito di una giuria di prestigio formata, tra gli altri, dagli antropologi Ernesto de Martino e Jean Rouch, e da Cesare Zavattini, giuria capace di selezionare i migliori film etnografici in circolazione. Nel tempo, l'associazione ha affiancato al concorso internazionale, asse portante del Festival dei Popoli, workshop, tavole rotonde e retrospettive sui maestri del cinema documentario

L'intervista a Alberto Lastrucci, direttore del 55° Festival dei Popoli

D - Lei è direttore del Festival dei Popoli dal 2012 (e già nel 2011 era codirettore insieme a Maria Bonsanti), ma il suo coinvolgimento nella realizzazione del Festival dei Popoli è di lunga durata. A suo avviso, quali sono stati i cambiamenti più significativi del Festival dei Popoli da quando l'ha iniziato a seguire come semplice appassionato di cinema documentario prima, fino ad arrivare ad essere il direttore dell'intero evento?
R - Visto che ho iniziato a collaborare al festival dal 1995 (mi occupai della redazione del catalogo) e che questa collaborazione, seppur con qualche breve intervallo, è proseguita fino ad oggi, mi pare evidente che non sono in grado di avere una visione obiettiva del Festival dei Popoli e neanche mi interessa più di tanto averla. Mi interessa molto di più conoscere la percezione che ne hanno gli altri: il pubblico, i registi che tornano a trovarci a distanza di anni, i colleghi di altri festival. Perché poi si può essere tutti d'accordo che "il festival è cambiato", ma se si chiede di precisare in "cosa" è cambiato è facile ottenere risposte molto diverse. Sicuramente non è mai cambiata la cura e l'attenzione con cui vengono selezionati i film, sempre di alta qualità, anche negli anni in cui il festival sembrava sonnecchiare. E' invece molto cambiato il modo in cui il festival è organizzato e strutturato, di conseguenza è cambiata anche la sua immagine. Siccome posso dire di conoscere nel dettaglio i meccanismi interni - ho avuto modo di ricoprire ruoli diversi nel corso degli anni - credo che il compito principale di un direttore (anche se magari non viene facile pensare che sia questo) è assicurarsi che tutte le collaboratrici e i collaboratori siano assegnati al posto giusto. Per realizzare un buon festival occorre avere talento e competenze assai specifiche, non solo per la scelta dei film - ovviamente - ma anche nella grafica, nell'editoria, nella comunicazione, nel curare i rapporti internazionali. Una volta che si ha a disposizione una squadra eccellente, si hanno buone possibilità di riuscire a metter su un festival di valore

D - A mio avviso, uno dei tanti pregi del Festival dei Popoli è quello di essere un associazione che lavora per il cinema documentario tutto l'anno e non solo durante la settimana del Festival vero e proprio, proponendo newsletter, workshop ed eventi per la formazione di neo documentaristi, ma anche per chi è già professionista del settore, e promuovendo l'industria del documentario e la diffusione dei film prodotti. Quali sono le maggiori problematiche che il cinema documentario incontra in Italia?
R - Questo tipo di domanda comporterebbe una risposta articolata, che io non sono in grado di darle dal momento che non mi sono mai occupato di dirigere, o produrre o distribuire un documentario in Italia. Posso segnalare, e lo faccio ogni volta che me ne capita l'occasione che, a tutti coloro che non concedono al documentario la visibilità che merita dicendo che questo genere di cinema "non interessa il pubblico" che tale affermazione può essere facilmente smentita semplicemente osservando gli spettatori che frequentano il nostro festival: oltre alla quantità si badi alla diversità culturale, di età e di classe sociale del nostro pubblico. Ce ne vuole a dire che il documentario è un genere riservato ad una nicchia. Certo il pubblico del documentario è composto da persone che si interessano, che si interrogano, che si tengono informate, che usano il cervello, non vorrei allora che il problema fosse questo...

D - L'associazione cerca anche di promuovere la visione dei film documentario fuori dai circuiti dei vari festival. Oltre ad una fornitissima mediateca a Firenze, l'anno scorso, ad esempio, avete portato avanti una collaborazione con MYmovies che ha attivato una sala virtuale che si è affiancata alle altre sale del festival. Da questo punto di vista, quali sono i progetti futuri?
R - Il progetto che ci piacerebbe veder realizzato è di poter estendere nel tempo la nostra attività, creando un centro internazionale permanente di studio e formazione. Sarebbe una maniera, dai costi assolutamente contenuti, per trasformare il nostro archivio, che conserva circa 17.000 titoli, in una risorsa per tutti coloro che il documentario vorrebbero studiarlo, farne oggetto delle proprie ricerche, ovvero utilizzare la documentazione visiva per arricchire il valore dei proprio studi, universitari o meno, citando non solo, come è opportuno, una specifica bibliografia ma anche una serie di titoli che avvalorano i risultati delle loro ricerche. Sono sicuro che, in 17.000 titoli, siano stati affrontati tutti gli argomenti della conoscenza umana. L'archivio è qui, conservato in maniera volontaristica, e basterebbe un piccolo investimento per renderlo consultabile e aperto al pubblico

Il DIRETTORE

Alberto Lastrucci è nato a Firenze nel 1968. Prima di diventare codirettore del Festival dei Popoli nel 2011 (insieme a Maria Bonsanti) e direttore del festival dal 2012, per lo stesso festival ha curato alcune retrospettive, come “Ciak: si muore - Moralità e immoralità della morte al cinema” (1998), “Storia del cinema europeo attraverso l’evoluzione della tecnica” (1999), “Il sogno dell’Impero e l’incubo del dominio. Immagini del colonialismo italiano” (2002)

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni