X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a A. Lastrucci, direttore del Festival dei Popoli

30/11/2014 08:00
Intervista A. Lastrucci direttore del Festival dei Popoli

A Firenze la 55° edizione del Festival dei Popoli, dal 28 novembre al 5 dicembre 2014, la più prestigiosa rassegna italiana dedicata al cinema documentario. Mauxa ha intervistato il direttore Alberto Lastrucci.

Mauxa intervista Alberto Lastrucci, direttore del 55° Festival dei Popoli di Firenze, la più prestigiosa rassegna cinematografica italiana interamente dedicata al film documentario e tra le più longeve e importanti d'Europa. Dalla prima edizione del 1959 ad oggi, il festival ha presentato i film dei più prestigiosi cineasti del settore, come Jean Rouch, Gianfranco Mingozzi, Vittorio De Seta, Nagisa Oshìma e molti altri

Il Festival dei Popoli di Firenze è annualmente organizzato dall'omonima associazione senza scopro di lucro fondata nel 1959 da un gruppo di studiosi di scienze sociali. Già dalla prima edizione l'evento ha saputo catalizzare su di sé l'attenzione degli addetti ai lavori, merito di una giuria di prestigio formata, tra gli altri, dagli antropologi Ernesto de Martino e Jean Rouch, e da Cesare Zavattini, giuria capace di selezionare i migliori film etnografici in circolazione. Nel tempo, l'associazione ha affiancato al concorso internazionale, asse portante del Festival dei Popoli, workshop, tavole rotonde e retrospettive sui maestri del cinema documentario

L'intervista a Alberto Lastrucci, direttore del 55° Festival dei Popoli

D - Lei è direttore del Festival dei Popoli dal 2012 (e già nel 2011 era codirettore insieme a Maria Bonsanti), ma il suo coinvolgimento nella realizzazione del Festival dei Popoli è di lunga durata. A suo avviso, quali sono stati i cambiamenti più significativi del Festival dei Popoli da quando l'ha iniziato a seguire come semplice appassionato di cinema documentario prima, fino ad arrivare ad essere il direttore dell'intero evento?
R - Visto che ho iniziato a collaborare al festival dal 1995 (mi occupai della redazione del catalogo) e che questa collaborazione, seppur con qualche breve intervallo, è proseguita fino ad oggi, mi pare evidente che non sono in grado di avere una visione obiettiva del Festival dei Popoli e neanche mi interessa più di tanto averla. Mi interessa molto di più conoscere la percezione che ne hanno gli altri: il pubblico, i registi che tornano a trovarci a distanza di anni, i colleghi di altri festival. Perché poi si può essere tutti d'accordo che "il festival è cambiato", ma se si chiede di precisare in "cosa" è cambiato è facile ottenere risposte molto diverse. Sicuramente non è mai cambiata la cura e l'attenzione con cui vengono selezionati i film, sempre di alta qualità, anche negli anni in cui il festival sembrava sonnecchiare. E' invece molto cambiato il modo in cui il festival è organizzato e strutturato, di conseguenza è cambiata anche la sua immagine. Siccome posso dire di conoscere nel dettaglio i meccanismi interni - ho avuto modo di ricoprire ruoli diversi nel corso degli anni - credo che il compito principale di un direttore (anche se magari non viene facile pensare che sia questo) è assicurarsi che tutte le collaboratrici e i collaboratori siano assegnati al posto giusto. Per realizzare un buon festival occorre avere talento e competenze assai specifiche, non solo per la scelta dei film - ovviamente - ma anche nella grafica, nell'editoria, nella comunicazione, nel curare i rapporti internazionali. Una volta che si ha a disposizione una squadra eccellente, si hanno buone possibilità di riuscire a metter su un festival di valore

D - A mio avviso, uno dei tanti pregi del Festival dei Popoli è quello di essere un associazione che lavora per il cinema documentario tutto l'anno e non solo durante la settimana del Festival vero e proprio, proponendo newsletter, workshop ed eventi per la formazione di neo documentaristi, ma anche per chi è già professionista del settore, e promuovendo l'industria del documentario e la diffusione dei film prodotti. Quali sono le maggiori problematiche che il cinema documentario incontra in Italia?
R - Questo tipo di domanda comporterebbe una risposta articolata, che io non sono in grado di darle dal momento che non mi sono mai occupato di dirigere, o produrre o distribuire un documentario in Italia. Posso segnalare, e lo faccio ogni volta che me ne capita l'occasione che, a tutti coloro che non concedono al documentario la visibilità che merita dicendo che questo genere di cinema "non interessa il pubblico" che tale affermazione può essere facilmente smentita semplicemente osservando gli spettatori che frequentano il nostro festival: oltre alla quantità si badi alla diversità culturale, di età e di classe sociale del nostro pubblico. Ce ne vuole a dire che il documentario è un genere riservato ad una nicchia. Certo il pubblico del documentario è composto da persone che si interessano, che si interrogano, che si tengono informate, che usano il cervello, non vorrei allora che il problema fosse questo...

D - L'associazione cerca anche di promuovere la visione dei film documentario fuori dai circuiti dei vari festival. Oltre ad una fornitissima mediateca a Firenze, l'anno scorso, ad esempio, avete portato avanti una collaborazione con MYmovies che ha attivato una sala virtuale che si è affiancata alle altre sale del festival. Da questo punto di vista, quali sono i progetti futuri?
R - Il progetto che ci piacerebbe veder realizzato è di poter estendere nel tempo la nostra attività, creando un centro internazionale permanente di studio e formazione. Sarebbe una maniera, dai costi assolutamente contenuti, per trasformare il nostro archivio, che conserva circa 17.000 titoli, in una risorsa per tutti coloro che il documentario vorrebbero studiarlo, farne oggetto delle proprie ricerche, ovvero utilizzare la documentazione visiva per arricchire il valore dei proprio studi, universitari o meno, citando non solo, come è opportuno, una specifica bibliografia ma anche una serie di titoli che avvalorano i risultati delle loro ricerche. Sono sicuro che, in 17.000 titoli, siano stati affrontati tutti gli argomenti della conoscenza umana. L'archivio è qui, conservato in maniera volontaristica, e basterebbe un piccolo investimento per renderlo consultabile e aperto al pubblico

Il DIRETTORE

Alberto Lastrucci è nato a Firenze nel 1968. Prima di diventare codirettore del Festival dei Popoli nel 2011 (insieme a Maria Bonsanti) e direttore del festival dal 2012, per lo stesso festival ha curato alcune retrospettive, come “Ciak: si muore - Moralità e immoralità della morte al cinema” (1998), “Storia del cinema europeo attraverso l’evoluzione della tecnica” (1999), “Il sogno dell’Impero e l’incubo del dominio. Immagini del colonialismo italiano” (2002)

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni