X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Amos Gitai racconta il film 'Ana Arabia': il confine decrepito intorno a noi

17/11/2014 13:00
Amos Gitai racconta il film 'Ana Arabia' il confine decrepito intorno noi

Amos Gitai al festival Popoli e religioni racconta il film "Ana Arabia". Il film è ambientato in un confine Israeliano, ma anche intorno a noi.

Al Film Festival Popoli e Religioni di Terni è stato proiettato il film di Amos GitaiAna Arabia”. Lo pellicola era già stata presentata al Festival di Venezia 2013, e per la modalità con cui affronta la tematica dell’integrazione razziale può essere considerato uno dei più innovativi del regista.

Amos Gitai. Alla presentazione doveva anche partecipare lo stesso Amos Gitai, che poi per motivi lavorativi non è potuto intervenire, infatti in settimana sono iniziate le riprese del nuovo film, incentrato sulla figura di Yitzhak Rabin.

Intervista. Il regista Amos Gitai è però intervenuto virtualmente con una videontervista rilasciata l’8 novembre all'organizzazione del Festival. Qui parla della stessa città di Gerusalemme che era anche il fulcro tematico del festival. “Re Davide scelse Gerusalemme come città . Fu poi conquistata dai romani, e tuttora incrocia copti e cattolici”. Il motivo per cui Davide scelse quel luogo aspro per fondare la città era anche di ordine politico: “Davide scelse quel luogo perché non c'erano laghi, fiumi e foci. Non voleva che le popolazioni più potenti sopraffacessero le più deboli”.

Guerra in Israele. Sulla guerra che imperversa a periodi alterni nel territorio israeliano Amos Gitai è risoluto: “La guerra tra le popolazioni è come il litigio che avviene in una coppia. Tutti i vicini possono affacciarsi per esprimere la loro opinione, ma se non si trovano dei punti di contatto è impossibile pervenire ad una soluzione”. Ed è la politica a dovere compiere il primo passo: “E soprattutto i leader devono pensare a risolverlo”.

Trama Ana Arabia. Il film cui abbiamo assistito contiene una novità più formale che contenutistica. La trama è quella di una giornalista, Yael - interpretata da Yuval Scharf - che deve svolgere un servizio su una piccola comunità composta da ebrei e arabi, che vivono insieme al “confine” fra Jaffa e Bat Yam, in Israele. Ci sono tuguri cadenti, in un agrumeto con alberi di limoni circondati da palazzi. Yael interroga pacatamente i personaggi sulle loro vite, e si scopre che un arabo era sposato con un’ebrea, quasi a simboleggiare un’assoluta unità umana che prescinde da quella religiosa. La giornalista quasi si dimentica del suo lavoro, conquistata dalle storie di Youssef e Miriam, Sarah e Walid, dei vicini, amici, tra speranze disincanto.

Recensione. A ben guardare il film, la trama non è poi diversa dalle situazioni che emergono in molti paesi anche italiani, dove l’intolleranza razziale che la cronaca riporta è presente e storicizzata. Soprattutto la decadenza che la giornalista tenta di raccontare, con le case decrepite e la vita spesa a “cercare un lavoro” - così come dice uno dei protagonisti - non è distante dalle situazioni che negli accampamenti rom emergono, e non solo. Quanti hanno perso ciò che avevano, e ciò che desideravano è ormai un ricordo: “lavoravo al peschereccio, ma ormai le barche sono ferme”, dice un protagonista che ora deve fare il meccanico. E la sua vita non è diversa da quella di molti operai che per la chiusa delle fabbriche sono costretti a reinventarsi: basti pensare alla città in cui il festival Popoli e religiose si svolge, Terni afflitta dall'imminente chiusura di due forni dell’acciaieria e i conseguenti licenziamenti.

Amos Gitai filma in maniera cruda con un lungo campo sequenza il racconto, che per ottanta minuti non rappresenta solo il confine di Giaffa ma tutti quelli intorno a noi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

xXx - Il ritorno di Xander Cage, immagini dell'anteprima al Brazil Comicon

La Paramount Pictures ha presentato al Brazil Comicon il film “xXx - Il ritorno di Xander Cage”. Erano presenti i protagonisti Vin Diesel e Nina Dobrev, che hanno raccontato al pubblico la loro esperienza sul set. La trama segue l’atleta e funzionario de governo Xander Cage (Diesel), creduto morto da tempo e che esce dall’e...

 

Mortal Engines, il nuovo film di fantascienza ideato da Peter Jackson

Il film. Lo scorso fine ottobre CominSoon.net ha pubblicato la notizia che Peter Jackson sta lavorando a un prossimo progetto cinematografico: la saga “Mortal Enginess”, adattamento dell’omonima serie di romanzi sci-fi per ragazzi di Philip Reeve. Il primo film è stato scritto da Jackson stesso insieme alla moglie Fran Wals...

 

Recensione del film La stoffa dei sogni

La stoffa dei sogni è il film di Gianfranco Cabiddu con Sergio Rubini, Ennio Fantastichini, Alba Gaïa Bellugi. Il film pecca di una eccessiva stravaganza, che rende le vicende spesso irreali. Come il fatto che in una nave viaggino contemporaneamente attori e persone scortate al carcere dell’isola dell’Asinara, oppure che si...

 

The Mummy, primo video del film horror

La Universal ha diffuso il primo sneak peek del film “The Mummy”. Su YouTube Il video ha raggiunto 10.990 visualizzazioni, mentre su Facebook 163 mila (leggi l'articolo sulm film). Nelle immagini si mostra il protagonista Nick Morton (Tom Cruise) mentre aiuta Jenny Halsey (Annabelle Wallis): appaiono poi della immagini di una mummia, u...

 

Recensione del film Sully

Sully è il film di Clint Eastwood distribuito da Warner Bros. Nel cast ci sono Tom Hanks, Aaron Eckhart, Laura Linney e Anna Gun. L’inizio del film mostra l’aereo guidato dal comandante Sullenberger- Sully (Hanks) che perde quota sopra il fiume Hudson, lambisce la metropoli di New York e si schianta contro i grattacieli. Il prot...

 

Shut In, nuove immagini del film thriller con Naomi Watts

Nuove immagini sono state diffuse del film “Shut In”, in uscita il 7 dicembre. Il film racconta le vicende i una psicologa infantile Mary (Naomi Watts) che lavora da casa: qui riceve i e soprattutto e si occupa del figliastro Stephen. Il giovane a causa di un incidente stradale è ridotto ad uno stato vegetativo: in quell’o...

 

Passengers, immagini di Jennifer Lawrence all'anteprima di Parigi del film

Jennifer Lawrence e Chris Pratt sono i protagonisti del red carpet svoltosi a Parigi, per l’udita del film “Passengers”. La trama di “Passengers” segue Aurora (Jennifer Lawrence) e Jim (Chris Pratt) sono due passeggeri che si trovano in un viaggio lungo 120 anni in direzione di un altro pianeta. Ma i loro baccelli di ...

 

Van Helsing, il reboot dell'amato personaggio creato da Bram Stoker

Sono ancora poche le informazioni che abbiamo sul nuovo film dedicato a Van Helsing, reboot che farà parte del vasto progetto messo in cantiere dalla Universal, ovvero lo “Universal Monsters Cinematic Universe”, per brevità detto UMCU. Il modello d’ispirazione è chiaramente il Marvel Cinematic Universe, e l&rs...

 

Recensione del film Amore e inganni

Amore e inganni (”Love & Friendship”) è il film di John Whitney Stillman in uscita il 1 dicembre, distribuito da Academy Two. Nel cast ci sono Kate Beckinsale, Chloë Sevigny, Xavier Samuel. “C’è un certo piacere nel vedere una persona pregiudizialmente avversa, riconoscere la superiorità altrui...

 

Evan Rachel Wood: 'non si può stare in silenzio', l'attrice confida due episodi di violenza

Evan Rachel Wood ha rivelato in una recente intervista a Rolling Stone di essere tata vittima di due abusi. “Sì. Sono stato violentata. Con un altro significato, mentre eravamo insieme, e in un'altra occasione, da parte del proprietario di un bar”: così si esprime l’attrice della serie “Westworld - Dove tutto ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni