X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista La scuola più bella del mondo, Christian De Sica: un film pieno di ottimismo

08/11/2014 13:00
Intervista La scuola bella del mondo Christian De Sica un film pieno di ottimismo

La scuola più bella del mondo, intervista al regista Luca Miniero e al super-cast composto da Christian De Sica, Rocco Papaleo, Miriam Leone e Angela Finocchiaro. Il film sarà nelle sale a partire dal 13 novembre.

Mauxa intervista Luca Miniero, Christian De Sica, Rocco Papaleo, Miriam Leone e Angela Finocchiaro in occasione dell’anteprima del film La scuola più bella del mondo, in uscita nelle sale il 13 novembre. Per la terza volta Miniero affronta il tema della differenza e della difficoltà di convivenza tra nord e sud, dopo i successi Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord. Una commedia piena di allegria, ma che non nasconde anche un pizzico di amarezza.

D. Lei oramai è un regista affermato, ma quando si parla di commedie dal tono amaro è un vero campione. Come mai ha scelto di concentrarsi più su questo genere?

R. Luca Miniero: Credo che se facessi solo una commedia vuota mi direbbero che è sciocca come un cine-panettone; se cerco di fare una commedia con dell’amarezza mi dicono che è troppo retorica. Le commedie sono un bersaglio facile. In ogni caso in Italia si cerca solitamente di fare delle commedie commerciali, ed il giudizio generale è che ce ne siano troppe. Fortunatamente la come genere continua ad attirare, e le persone vanno ancora a vedere i film italiani: penso che possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati del nostro cinema. Abbiamo inoltre grandi attori, non bisogna essere così critici nei suoi confronti.

D. Cos’ha di diverso questo film?

R. Miniero: Il tentativo del film era cercare un nuovo linguaggio, utilizzando il confronto nord-sud, che è quello che in questo momento più mi compete, però cercando soluzioni diverse anche dal punto di vista drammaturgico. Inoltre abbiamo utilizzato un cast di bambini davvero straordinari: sono molto contento del film.

D. Non ritieni quindi che la commedia sia un po’ in saturazione in Italia?

R. Miniero: Penso che la commedia sia il genere che in Italia incassa di più, è il cinema in generale che è in crisi. Non si può pensare che la commedia sia un genere vecchio, perché quando uscirà il prossimo film di Checco Zalone dovremo ricrederci.

D. Com’è stato lavorare con così tanti bambini?

R. Miniero: È stato molto bello e stimolante. La cosa più complicata è stata gestire le famiglie dei bambini, più che i bambini stessi. In ogni location in cui ci spostavamo dovevamo allestire una specie di “campo nomadi” per le famiglie. A parte gli scherzi è stata un’esperienza interessante, così come lo è stato sceglierli, abbiamo dovuto sostenere quasi 4.000 provini!

D. Il tuo scopo nella vita era il cinema?

R. Miriam Leone: Il punto d’arrivo è ancora lontano per me, sono solo all’inizio di un percorso recitativo. Faccio delle scuole di recitazione, ma ho avuto la fortuna di fare un “super-master”, avendo la possibilità di lavorare con attori del calibro di Angela Finocchiaro, Christian De Sica e Rocco Papaleo. Ho imparato tanto da loro e tanto da Luca Miniero, che è un regista che ama molto gli attori, e ci lavora molto insieme.

D. Come è cambiato il cinema italiano in questi anni?

R. Angela Finocchiaro: Da quando faccio cinema sembra sempre che stia morendo, che sia moribondo. Invece la fiducia del pubblico italiano è presente. La mia preoccupazione è verso le nuove generazioni, che partono con diffidenza, abituati a vedere altri genere film. Il cinema italiano dovrà in futuro probabilmente essere più trasversale. Ed è forse questa una delle maggiori qualità di Luca Miniero, possedere una buona dose di trasversalità di racconto.

D. In cosa è diverso questo film dai cine-panettoni?

R. Christian De Sica: Non ho mai avuto la possibilità di fare un film comico così pieno di tenerezza ed emozioni, sono abituato con la farsa. Il preside che interpreto è pignolo, burbero, competitivo, però crede nell’insegnamento. Con la vicinanza di Gerardo (Rocco Papaleo) riuscirà infine a cambiare. Questi due personaggi hanno un valore umano che nei cine-panettoni manca; lì bisogna essere sempre come un cartone animato, in over-acting. Questo invece è un film divertente, ma nel quale ci sono poche parolacce e non si usano escamotage di questo genere. Inoltre è pieno di ottimismo, più simile alle pellicole degli anni ’60: adesso nelle commedie sono tutti molto aggressivi e duri, mentre questo è un film per tutti.

D. Quanto ha influito la presenza dei bambini sul set?

R. De Sica: I bambini sono stati il vero valore aggiunto, personalmente mi hanno dato una grande mano, una frustata di vitalità. Inoltre quando reciti con dei bambini rischi sempre di risultare finto, perché loro sono molto veri, non recitano.

R. Rocco Papaleo: Per noi è stato come una sorta di stage, una rinfrescata alla nostra artigianalità. Dopo più di trent’anni di lavoro, corri il rischio di far diventare la recitazione più meccanica, ci si affida al mestiere a discapito della naturalezza. Questa sfumatura quindi si può perdere negli anni, ma lavorare insieme ai bambini e starci accanto per due mesi, è come riprendere contatto con il bambino dentro di sé.

D. Durante il film ci sono delle vignette animate che accompagnano il tuo personaggio, e che appaiono ogni tanto sullo schermo. Che significato hanno?

R. Papaleo: Per me questi fumetti sono come la materializzazione visiva dei sogni, una realtà disegnata dal proprio inconscio. Inoltre il personaggio che interpreto sognava di fare il fumettista, questo spiega la presenza delle vignette. I fumetti per me sono un modo molto concreto per visualizzare le proprie aspirazioni.

D. Il tuo personaggio ha accantonato i suoi sogni?

R. De Sica: Non ha accantonato i suoi sogni, è solo un po’ arido ed egoista, però è uno che crede nella scuola, perché ritiene che sia il futuro del Paese. Tanti anni fa, quando ero fidanzato con Isabella Rossellini, sua madre Ingrid Bergman mi disse: “Christian, io volevo diventare la numero uno come attrice; però sono la numero cento come donna, perché sono sola: per diventare una grande attrice ho rinunciato alla mia famiglia, ai miei figli, ed è stata una scelta dura”. E questo uomo ha fatto la medesima cosa, ha rinunciato alla sua ex solo per vincere coppe. Ma anche lui riuscirà a cambiare.

D. Progetti per il futuro?

R. De Sica: Ora sono a teatro con “Cinecittà”, però sto lavorando anche per un nuovo film, “Fraulein”, regia di Caterina Carone, mentre il produttore è Carlo Cresto-Dina: gireremo in un piccolo albergo di Bolzano.

R. Papaleo: Anche io sono impegnato con la tournée di “Una piccola impresa meridionale”, tra un mese ricomincio!

D. Basta cine-panettoni?

R. De Sica: Se Aurelio De Laurentiis chiama, io corro; anche se quest’anno me l’ha offerto e ho preferito rifiutare per dedicarmi ad altri progetti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Miriam Leone: l'ascesa dell'attrice, presto al cinema con 'La Grande Seduzione'

Miriam Leone, l’attrice è stata protagonista della serie televisiva '1992', nata da un’idea di Stefano Accorsi e prodotta da Wildside in collaborazione con La7 e Sky. Interpretando coraggiosamente il personaggio di Veronica Castello, ha attirato molta attenzione su di sé e milioni di telespettatori non si sono sottratti al...

 

La scuola più bella del mondo recensione film, Christian De Sica e Rocco Papaleo: scontro nord-sud tra i banchi

La scuola più bella del mondo film diretto da Luca Miniero (Un boss in salotto), una produzione Cattleya. La scuola più bella del mondo trama, nord vs sud. Filippo Brogi è il preside di una rinomata scuola media toscana, che per cercare di vincere il premio di Scuola dell’Anno, vuole organizzare un gemellaggio con un pae...

 

Fratelli unici recensione film, Raoul Bova e Luca Argentero in un film tutto da ridere

Fratelli Unici è il terzo film da regista di Alessio Maria Federici, dopo Lezione di Cioccolato 2 e Stai Lontana da me. La sceneggiatura è di Luca Miniero e di Elena Bucaccio. Fratelli Unici trama. Pietro e Francesco sono due fratelli che si odiano a vicenda. Il primo è un affermato chirurgo, che ...

 

Raoul Bova: contadino nel nuovo film e smemorato in Fratelli unici con Luca Argentero

Raoul Bova sarà al cinema con Luca Argentero nel film “Fratelli unici” di Alessio Maria Federici, nelle sale dal 2 settembre 2014 e prodotto da Rai Cinema. La trama del film Fratelli unici. La vicenda ruota attorno a Pietro (Raoul Bova), che da uomo affermato deve convivere con l’odiato fratello Francesco (Luca Argentero)....

 

'La Buca': Rocco Papaleo vittima di Sergio Castellitto nel film di Daniele Ciprì

'La Buca' è il nuovo film di Daniele Ciprì. In uscita il 25 settembre, la pellicola, mette in scena un nuovo duo formato dagli attori Sergio Castellitto e Rocco Papaleo. Il film è una storia di amicizia e giustizia, nel cast anche Valeria Bruni Tedeschi. Film 'La Buca'. Sergio Castellitto interpreta Oscar, un avvocato disonest...

 

'Un matrimonio', serie tv con Micaela Ramazzotti in onda il 29 dicembre

Pupi Avati, uno dei registi più celebri e apprezzati del panorama cinematografico italiano (grande successo di pubblico e critica hanno ottenuto le sue commedie romantiche "Ma quando arrivano le ragazze?" e "La seconda notte di nozze"), si dedicherà al piccolo schermo. Debutta infatti in tv dietro la macchina da presa per “U...

 

Christian De Sica, ecco l'ineluttabile cinepanettone 'Colpi di fortuna' ma è l'ultimo

Christian De Sica è una delle maschere tipiche della commedia all'italiana, proprio come fu suo padre. Ora si prepara ad entrare nelle sale cinematografiche per l'ennesima volta, visto che da domani sarà sul grande schermo "Colpi di fortuna", un cinepanettone dove ci farà ridere di gusto. Insieme a lui nel cast del film c...

 

Angela Finocchiaro cinquantenne alla riscossa: un gran fisico ed un angelo contro la crisi di mezz'etą

La gioia è dietro l'angolo per Eva, personaggio interpretato da Angela Finocchiaro nella produzione Mediaset "Ci vuole un gran fisico", firmata dalla regia di Sophie Chiarello e presentata ieri a Roma. Peccato che lei non se ne sia mai accorta, in quanto troppo presa, come tante donne di oggi, a sacrificarsi tra famiglia e lavoro, dimentica ...

 

Il principe abusivo, Alessandro Siani: agile debutto da regista

Alessandro Siani debutta dietro la macchina da presa con Il Principe Abusivo: storia romantica tra una principessa dei giorni nostri e un ragazzo del popolo, partenopeo e disoccupato. La pellicola uscirà il 14 febbraio nelle sale italiane, distribuita in 548 copie (ma si punta alle 600 copie).Nel cast: lo stesso Siani, Sarah Felberbaum,...

 

Il principe abusivo - Principi e principesse al cinema

Il 14 febbraio esce al cinema la commedia italiana Il principe abusivo che segna l'esordio alla regia dell'attore, doppiatore, sceneggiatore e cabarettista Alessandro Siani che del film è anche sceneggiatore e protagonista. Oltre al noto comico napoleano,  fanno parte del cast anche Christian De Sica, Serena Autieri, Sarah Felberbaum, M...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni