X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Psicologia del business: risvolti psicologici nei rapporti tra giovani uomini, donne e lavoro

07/11/2014 16:00
Psicologia del business risvolti psicologici nei rapporti tra giovani uomini donne lavoro

Fosse stata una canzone di Elio e Storie Tese, si sarebbe forse chiamata così. Invece, è psicologia. Del business, per essere precisi, perché il mondo del lavoro influenza gran parte della nostra vita. Ma è possibile oggi associare serenità psicologica e business? E se sì, partendo da quali presupposti? Dai corsi e ricorsi economici al social business, ecco tutto quello che c'è da sapere al riguardo. O quasi: per tutto il resto, c'è il Forum delle Eccellenze!

Psicologia del business. Ovvero lo studio delle persone nel contesto lavorativo e nello svolgimento della loro attività professionali in relazione ai rapporti interpersonali, ai compiti da svolgere, alle regole e al funzionamento dell'organizzazione.
E poi, le le regole che scandiscono le fasi della creazione, della promozione e della vendita di determinato un prodotto. Insomma,
sotto forma di business o marketing, il mondo del lavoro esercita una notevole influenza sulla nostra psiche così come sul nostro benessere, nei modi più svariati: ma in tempo di crisi, è ancora possibile associare l'idea di business ai concetti di “qualità della vita” e di “soddisfazione personale”?

Business cycle: corsi e ricorsi economici. Nietzsche l'avrebbe chiamato “eterno ritorno”: ebbene sì, neppure l'economia è immune ai fatidici corsi e ricorsi. Ma in che modo i cicli macroeconomici sono in grado di influenzare il nostro benessere individuale? Il primo a fornire una risposta al riguardo fu il Premio Nobel americano Robert Emerson Lucas, che nel 1987 inaugurò la linea di pensiero secondo la quale le politiche di sviluppo vengono valutate sulla base di “quanto” piuttosto che di “come” crescono le economie.
Oggi, una nuova ricerca condotta dai Professori
Jan-Emmanuel De Neve e Michael Norton cerca di gettare nuova luce sulla relazione esistente tra i livelli di “soddisfazione per la vita” e le oscillazioni dei cicli economici. Prendendo in esame quattro decenni di dati raccolti in più di 150 paesi, i due luminari hanno indivisuato delle significative asimmetrie nel modo in cui le fluttuazioni economiche positive e negative impattano sull'individuo. In particolare, il grado di soddisfazione per la propria vita è risultato tra le due e le otto volte più sensibile alla crescita negativa piuttosto che a quella positiva. Gli individui, cioè, non beneficiano psicologicamente delle espansioni economiche tanto quanto soffrono in tempi di recessione.

Il business diventa social. E poiché i tempi che stiamo attraversando non sono certamente dei più rosei, cosa si può fare per migliorare il business e con esso anche la qualità della vita? Secondo uno studio condotto da IMB nel 2012 su un campione di 1709 amministratori delegati per un totale di 64 paesi, oggi i fattori chiave per far sì che un'azienda possa ottenere il giusto livello di performance ed efficienza non rispondono più soltanto ai nome terribili di “gerarchia” e “controllo”, ma anche a quelli più rassicuranti di “condivisione delle informazioni”, “scambio di esperienze e competenze”, “utilizzo dei social media” e “partnership”.
Di fronte alle nuove spinte di un mondo sempre più globalizzato e di un'evoluzione tecnologica che acquista un peso sempre più consistente, anche i leaders devono quindi cercare di rendere le proprie aziende sempre più flessibili e reattive, per mantenerle sul mercato.
Il trend è dunque quello di operare dei cambiamenti a livello culturale, aprendosi alla
collaborazione, alla condivisione di esperienze e competenze, alla cooperazione: lo sviluppo di un lavoro collaborativo, secondo quanto emerso dalla ricerca, rappresenta infatti un obiettivo primario per il 63% delle aziende prese in esame.

Il Forum delle Eccellenze. Fondamentale, per raggiungere questi e molti altri obiettivi, è il concetto di formazione. E a questo proposito, torna anche quest'anno il Forum delle Eccellenze, che ormai da sette edizioni rappresenta un punto di riferimento fondamentale per il mondo del business.
Più di mille partecipanti tra imprenditori, manager, professionisti e docenti, uniti dal desiderio di aprirsi a tutte le nuove opportunità che il presente riserva e di apprendere gli strumenti necessari alla pianificazione del proprio futuro.
L'evento, che conterà sulla presenza di sette relatori d'eccezione tra i quali anche il regista
Pupi Avati, avrà luogo presso l'Atahotel Expo Fiera Milano, nelle giornate di sabato 29 e domenica 30 novembre. “O ti formi o ti fermi”, è il motto del Forum. E voi, che fate?
www.forumeccellenze.it

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Pupi Avati



Articoli correlati

Forum delle Eccellenze 2014: Milano apre le porte alla settima edizione

Forum delle Eccellenze 2014. Torna anche quest'anno il Forum delle Eccellenze, che da ormai sette anni rappresenta il punto di riferimento per il mondo del business.Più di mille partecipanti per ogni edizione, tra imprenditori, manager, commerciali, professionisti e docenti, uniti da un obiettivo comune: la formazione. Non una conferenza o u...

 

'Un ragazzo d'oro': Riccardo Scamarcio bacia la diva Sharon Stone nel film di Pupi Avati

Un ragazzo d'oro  di Pupi Avati uscirà nelle sale il 18 settembre. Tra i protagonisti, Riccardo Scamarcio, Cristiana Capotondi e Sharon Stone. La colonna sonora, invece è di Raphael Gualazzi. Film 'Un ragazzo d'oro'. Riccardo Scamarcio interpreta Davide Bias, creativo pubblicitario con il sogno di fare lo scrittore. Quando arriv...

 

'Un matrimonio', serie tv con Micaela Ramazzotti in onda il 29 dicembre

Pupi Avati, uno dei registi più celebri e apprezzati del panorama cinematografico italiano (grande successo di pubblico e critica hanno ottenuto le sue commedie romantiche "Ma quando arrivano le ragazze?" e "La seconda notte di nozze"), si dedicherà al piccolo schermo. Debutta infatti in tv dietro la macchina da presa per “U...

 

Natale al cinema, i film guardano al Box office da Lo hobbit a La vita è meravigliosa

Il Natale è il periodo in cui l’offerta cinematografia aumenta. Molti spettatori riservano a queste festività la possibilità annuale di recarsi al cinema, sia per la maggior propensione alla spesa che per la diluizione degli impegni lavorativi. E il mercato cinematografico forte di questa domanda riserva le pellicole con ...

 

Pupi Avati, anche Giovanna Ralli al lavoro nel nuovo film con Sharon Stone

Pupi Avati è al lavoro in questi giorni come regista del nuovo film “Il ragazzo d’oro”, con Sharon Stone e Riccardo Scamarcio, e con riprese che si svolgono a Roma. La trama s’incentra sulla vicenda di un pubblicitario di Milano (Riccardo Scamarcio) il cui padre era scrittore e sceneggiatore. Il giovane dopo il suici...

 

Sharon Stone: impegnata nel nuovo film Mother’s Day è in Italia per il Teatro del Silenzio

Sharon Stone, una delle attrici più celebri ed apprezzate nel mondo del cinema internazionale, è stata l'ospite d'onere a Lajatico per l'ottava edizione del "Teatro del Silenzio", organizzato dal cantante Andrea Bocelli. L'attrice soggiornerà a lungo nel nostro paese visto che in questo mese sarà impegnata nelle riprese...

 

Pupi Avati, La grande invenzione è il libro in cui ripercorre la giovinezza

Pupi Avati su Rai Tre ospite a “Che tempo che fa” di Fabio Fazio ha presentato il suo libro  “La grande invenzione - Un’autobiografia”, racconto popolare della sua storia familiare.“La zia Amabile andava contenta a vestire i morti a Sasso Marconi - ricorda Avati riferendosi al rapporto con la morte - era il ...

 

Festival di Roma 2011, 4° giorno con Cesare Cremonini e Micaela Ramazzotti

Sempre nel concorso, ieri sono stati proiettati tre film. Voyez comme ils dansent di Claude Miller racconta la vicenda di Lise, regista francese  che attraversa il Canada in treno per ritrovare Alexandra, ultima compagna del suo ex-marito, clown e performer di fama mondiale scomparso nel nulla. Entrambe tentano di comprendere come l’uomo...

 

Una Sconfinata Giovinezza: Intervista A Pupi Avati

In occasione dell'uscita del film Una sconfinata giovinezza, abbiamo incontro il regista Pupi Avati. La pellicola, interpretata da Francesca Neri e Fabrizio Bentivoglio, racconta della vita di una coppia sconvolta dall'arrivo di una malattia, l'Alzheimer che colpisce il marito. Per la moglie sarà l'occasione per fortificare l'affetto e ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni