X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista Soap Opera, Genovesi: dedicato a chi ama e ha voglia di divertirsi

21/10/2014 13:00
Intervista Soap Opera Genovesi dedicato chi ama ha voglia di divertirsi

Soap Opera, intervista al regista e sceneggiatore Alessandro Genovesi e al cast stellare composto da Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Ale e Franz, Diego Abatantuono e Chiara Francini. Il film uscirà nelle sale il 23 ottobre.

Mauxa intervista Alessandro Genovesi, Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Ale e Franz, Diego Abatantuono e Chiara Francini in occasione dell’uscita del film Soap Opera. La pellicola è stata presentata al Festival Internazionale del Film di Roma 2014 e sarà nelle sale a partire dal 23 ottobre. Terzo film insieme per l’ormai consolidata coppia De Luigi - Capotondi, che si ritrovano ad affrontare le insidie di uno strambo condominio, tra scene esilaranti e momenti ad alto tasso di romanticismo.

D. Questa opera era stata concepita per il teatro, come mai alla fine si è optato per il cinema?

R. Alessandro Genovesi: Ho optato per la trasposizione cinematografica poiché non sono riuscito a trovare una produzione che potesse sostenere i costi di un progetto così oneroso. Ha influito anche la situazione teatrale italiana, che dal punto di vista economico è abbastanza in crisi.

D. Come è stata modificata la sceneggiatura per il film?

R. Genovesi: La sceneggiatura era stata concepita per una mini-serie di 4 puntate per il teatro; qualche anno fa era una novità questa formula, adesso invece è abbastanza utilizzata. Si prevedeva che il pubblico vedesse in quattro settimane i vari episodi, fino al giorno conclusivo in cui ci sarebbe stata una maratona con tutti e quattro gli spettacoli. Credo comunque che la forma migliore di Soap Opera sia quella cinematografica, perché riesce a condensare in un’ora e mezza quello che nella vita di persone comuni potrebbe accadere in trent’anni. Questo per me rende interessante il film e gli da un ritmo da soap, in cui ogni tre minuti c’è un colpo di scena. Inoltre porta originalità nel genere, perché si sviluppa attraverso un linguaggio diverso dalle solite commedie, più teatrale, di realismo magico.

D. Il “realismo magico” che hai citato consegna qualcosa di diverso allo spettatore, una commedia differente da quelle che tanto hanno incassato in questi ultimi anni. Avete il timore che questo cambiamento possa non attecchire con il pubblico di oggi?

R. Fabio De Luigi: Arriviamo dal Festival di Roma, al di là dei commenti dei giornalisti, con 1600 persone in sala, ho sentito moltissime risate. Non c’è la paura del fallimento, ci basiamo sui fatti. E i fatti dicono che il film fa ridere. Inoltre l’ilarità non è causata da forzature nella recitazione, ma da situazioni realmente comiche.

D. Questo è il terzo film con Fabio De Luigi, com’è stato lavorare ancora con lui?

R. Cristiana Capotondi: Dopo “La peggior settimana della mia vita” e “Il peggior Natale della mia vita” pensavo non ci potesse più essere la possibilità di replicare una collaborazione con Fabio. Sono sempre stata una sua fan, per me era una grande speranza poter lavorare con lui. Una volta che sono stata scelta si è creato subito un bel rapporto sia con Fabio, che con Alessandro (Genovesi ndr). Il fatto che si sia ripresentata la possibilità di far coppia con lui è stato come un regalo. Adesso già mi chiedo se potremmo rifare un altro film insieme!

 

D. Rivedi in te un po’ di quel romanticismo che è insito nel tuo personaggio?

R. Capotondi: Il mio personaggio è molto romantico, ma io personalmente sono più un maschiaccio, anche se mi accadono spesso cose romantiche; quindi forse involontariamente lo sono. Mi sono goduta questo film perché sono riuscita a scoprire un lato più femminile di me, più maturo. 

D. Che cos’ha in più Soap Opera rispetto ad altri film in cui hai lavorato?

R. Abatantuono: Ha in più il fatto che è nuovo! È un film molto originale, dal quale inizia già a delinearsi chiaramente la firma del regista. Importantissima inoltre la scelta degli attori. In più la storia riesce a tenere insieme realismo e finzione in una maniera completamente innovativa.

D. Come è stato lavorare con Chiara Francini?

R. Diego Abatantuono: Sapevo a cosa andavo incontro… Tutto è stato fatto in armonia e con responsabilità. Con Chiara il rapporto è stato fluido, perché lei è una bravissima attrice, è questo rende tutto più semplice. Inoltre riesce sempre ad alzare la sua asticella, costringendo anche me a farlo.

D. Quanto ti sei divertita a interpretare il tuo personaggio, che indossa per metà del film un abito del ‘700?

R. Chiara Francini: Ero felicissima quando mi è stato detto di interpretare Alice, un’attrice di soap molto leggera, personaggio che Alessandro ha creato pensando anche al mio carattere; ma nonostante sia naïf, è piena di naturalezza e spontaneità. Inoltre si esprime tramite epigrammi, dicendo quelle che potrebbero essere considerate delle grandi verità. Inoltre lavorare con Abatantuono è stato fantastico: Diego riesce molte volte a creare delle improvvisazioni davvero esilaranti.

D. Hai pensato subito ad Ale e Franz per i loro ruoli, così affini alle loro solite dinamiche?

R. Genovesi: Mi piaceva l’idea che all’interno del palazzo ci fossero queste due figure, due personaggi estremamente teatrali. Inoltre penso che siano due comici fantastici, oltre che belle persone. Li avevo già conosciuti per “Il peggior Natale della mia vita” e ritenevo che fossero perfetti per questa parte. Ne ho parlato con Maurizio Totti e anche lui era d’accordo. Portano nel film un umorismo che è leggermente diverso da quello degli altri personaggi, soprattutto nella prima parte della pellicola.

D. Si è rispettato il copione o è stato lasciato lo spazio anche per improvvisare?

R. Genovesi: Preferisco avere freschezza sul set che mi consenta di ottenere materia più malleabile. Durante le riprese c’era un tale grado di sintonia, impossibile da fermare, che ha consentito di ottenere ottimi risultati. Incontro tutti gli attori e stabilisco con loro delle battute, in modo tale che possano trovare soluzioni più divertenti e funzionali. Se vengono scelti attori così bravi è assurdo imbrigliarli in un copione definito, perché significherebbe depotenziarli. Ovviamente deve essere chiaro il tipo di musica che stiamo suonando, quindi le improvvisazioni proposte devono seguire la melodia data. Quella dell’improvvisazione è un’arte che amo utilizzare.

D. Quali sono le dinamiche dei vostri personaggi?

R. Ale e Franz: Alessandro Genovesi ha detto che il nostro rapporto doveva sembrare una partita a scacchi: ad ogni mossa doveva corrispondere una contromossa; seguendo questa linea i nostri personaggi dicono spesso frasi provocatorie sperando di mettere l’altro in difficoltà, in modo che non possa più reagire. Abbiamo cercato di tenere sempre questa tensione, rispettando comunque le battute che erano scritte nella sceneggiatura. È stato molto divertente, è nelle nostre corde, è il tipo di comicità che più amiamo. Il momento più divertente è stato girare la scena finale, un insieme di disastri e risse; unico anche perché non si poteva rigirare: abbiamo distrutto tutto!

D. A chi è dedicato Soap Opera?

R. Il film è dedicato a chi ama e a chi ha voglia di divertirsi. A chi non piace tanto il mondo in questo particolare momento e sente il bisogno di inventarsene uno e mettercisi dentro, per dimenticare eventi spiacevoli e sentirsi meglio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Non dirlo al mio capo, 'c'è molta umanità e molto divertimento': intervista all'attrice Chiara Francini

La serie televisiva intitolata “Non dirlo al mio capo” ha debuttato su Rai 1 il 28 aprile 2016, registrando oltre 6 milioni di telespettatori. Mauxa ha intervistato Chiara Francini, interprete del personaggio di Perla Cercilli. L’attrice definisce “stupenda” la sua esperienza sul set della fiction diretta da Giulio Ma...

 

Tiramisù: recensione del film commedia sull'(in)successo di Fabio De Luigi

Tiramisù è il film proposto nelle sale da Fabio De Luigi, non solo in veste di attore, ma anche di regista e sceneggiatore. Giocando sulla corruttibilità della società odierna, il neoregista traspone sul grande schermo vizi e virtù dei suoi protagonisti. La trama di Tiramisù ruota intorno al protagonista A...

 

7 minuti: il nuovo film drammatico con Ambra Angiolini e Cristiana Capotondi

“7 minuti” sarà un film a tematica sociale dove l'intera narrazione racconterà la presa di posizione di undici donne, ognuna diversa dall'altra, con un'importante decisione da prendere. La storia inizia con una grande multinazionale francese, la quale acquisisce una piccola fabbrica tessile sull'orlo di un deficit economic...

 

Belli di papà, una trama alla ricerca della responsabilità nel film con Diego Abatantuono di Guido Chiesa

Belli di papà è il film in uscita il 29 ottobre 2015 con Diego Abatantuono, diretto da Guido Chiesa. Il film è tratto dal film messicano “Nosotros Los Nobles”. Trama. La vicenda segue Vincenzo, imprenditore rimasto vedovo e che deve badare a tre figli ventenni, Matteo, Chiara e Andrea. I giovani sono però ab...

 

Il Centro del Mondo: il film di Kim Rossi Stuart con Cristiana Capotondi e Jasmine Trinca

Il Centro del Mondo (in precedenza: Due). E’ un film commedia italiano del 2015, diretto e interpretato da Kim Rossi Stuart (Vallanzasca - Gli angeli del male) e con protagonisti Camilla Diana (Sole a catinelle), Cristiana Capotondi (Un ragazzo d'oro) e Jasmine Trinca (Nessuno si salva da solo). Il film è prodotto da Palomar ("Il commi...

 

Hotel Transylvania 2, esce lo spassoso trailer con le voci di Claudio Bisio e Cristiana Capotondi

Hotel Transylvania 2. Arriva il trailer ufficiale di HotelTransylvania 2, l'atteso e spassoso sequel, la cui release italiana è fissata per il 15 ottobre. Diretto da Genndy Tartakovsky, nel trailer facciamo la conoscenza di due personaggi nuovi: il piccolo Dennis, nato dall'amore di Mavis e dell'umano Jonathan, e Vlad, l'attempato padre di D...

 

Diego Abatantuono, dietro le quinte dei film dello straordinario attore, che festeggia i 60 anni

Diego Abatantuono, l'attore, sceneggiatore e conduttore televisivo festeggia oggi il suo sessantesimo compleanno.  Successo, nel 1976 ha debuttato sul grande schermo nel film "Liberi armati pericolosi", diretto da Romolo Guerrieri. Nel 1981 ottenne il suo primo ruolo da protagonista, affiancando Monica Vitti nel film "Il tango della gelosia" ...

 

Ma che bella sorpresa recensione film, Claudio Bisio in cerca della donna ideale

Ma che bella sorpresa film diretto da Alessandro Genovesi, remake del film brasiliano “A Mulher Invisivel” del 2009, rimasto nelle sale per più di 20 settimane.  Ma che bella sorpresa trama. Guido è un professore di letteratura in un liceo d Napoli, ma la sua vera propensione consiste nell’essere un romantico...

 

Serena Autieri in Si accettano miracoli, nuovo film diretto da Alessandro Siani

Serena Autieri ultime news. Serena Autieri è una mamma in forma smagliante e impegnata. L’attrice napoletana, madre della figlia Giulia, nata il primo marzo del 2013 dall’amore con il manager Enrico Griselli, sposato a Spoleto nel 2010, come si è visto più volte sui social ama tenersi in forma con esercizi in palest...

 

Ma che bella sorpresa film commedia, Genovesi dirige il nuovo duo comico Frank Matano - Claudio Bisio

Ma che bella sorpresa commedia con Claudio Bisio. Ma che bella sorpresa è un film di genere commedia del 2014, diretto da Alessandro Genovesi (La peggior settimana della mia vita, Il peggior Natale della mia vita e Soap opera) su sceneggiatura dello stesso regista in collaborazione con Giovanni Bognetti. La pellicola è ispirata alla c...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni