X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

François Truffaut, a 30 anni dalla scomparsa il suo cinema è più vivo che mai

17/10/2014 10:55
François Truffaut 30 anni dalla scomparsa il suo cinema vivo che mai

François Truffaut 30 anni dopo. Il 21 ottobre 1984 moriva a Parigi a soli 52 anni uno dei registi più importanti della storia del cinema: una perdita inestimabile per la Settima Arte, che tuttavia potrà sempre far tesoro della bellezza e del valore dei suoi 22 film. L'autore di Effetto notte e I 400 colpi come pochi ha saputo raccontare la vita, l'amore, la passione e i sentimenti, adottando un linguaggio ancora oggi sorprendentemente moderno.

François Truffaut. Molti ricordano il regista François Truffaut nei giorni del trentennale della sua scomparsa come uno dei massimi esponenti della Nouvelle Vague, il movimento cinematografico di rottura francese che sul finire degli anni 50 portò una ventata di freschezza e ribellione in netto contrasto con stile e contenuto del cinema delle generazioni precedenti. Riduttivo. Truffaut era molto di più: nessuno come lui ha saputo trasportare sul grande schermo tutta la gamma di sentimenti che si possono provare e in tutte le fasi della vita, dall’infanzia (“Il ragazzo selvaggio”, “Gli anni in tasca”) alla morte (“La camera verde”) privilegiando con il suo inconfondibile sguardo romantico i suoi sconfinati amori per le donne (“L’uomo che amava le donne”), il cinema e la letteratura. Oggi tutto il mondo celebra la ricorrenza, a cominciare dalla sua città Natale, Parigi, con una imperdibile mostra alla Cinemathèque Française in esposizione fino al 25 gennaio 2015.

François Truffaut biografia. Nato il 6 febbraio 1932, Truffaut ha un’infanzia e un’adolescenza infelice e tormentata, vissuta tra riformatori repressivi e genitori distratti. Unica via di evasione la sala cinematografica, dove il ribelle inquieto Truffaut scopre la sua grande passione, tanto da farne un mestiere, dapprima come critico, per i prestigiosi Cahiers du Cinéma, poi come regista. Anche durante gli anni dietro la macchina da presa Truffaut non dimentica di scrivere di film: celebre il libro fiume dove intervista uno dei suoi miti, Sir Alfred Hitchcock, e altrettanto celebri rimangono i suoi grandi amori, spesso muse dei suoi film, da Catherine Deneuve a Jacqueline Bisset, da Jeanne Moreau a Fanny Ardant, dalla quale ha avuto una delle sue tre figlie.

François Truffaut film. Dopo l’esordio con tanto di Palma d’oro come regista al Festival di Cannes 1959 con il capolavoro “I 400 colpi”, François Truffaut spazia nei generi cinematografici sempre con naturale disinvoltura, dalla fantascienza (“Fahrenheit 451”, 1966) al noir (“La sposa in nero”, 1968), prediligendo storie con amori inquieti e impossibili (“Jules e Jim “, 1962, “La mia droga si chiama Julie, 1969, “Adele H”, 1975, “La signora della porta accanto”, 1981). L’Oscar lo porta al casa nel 1975 grazie al suo personale omaggio al mondo del cinema, con la storia della travagliata lavorazione di un film, “Effetto notte”, e consensi unanimi li raccoglie pure “L’ultimo metrò”, con Gerard Depardieu, dove finzione teatrale e realtà si mescolano ad arte.
Truffaut viene anche ricordato, caso unico nella storia del cinema, per aver raccontato la storia di un personaggio da lui pensato e creato, Antoine Doinel (sempre interpretato dallo stesso attore, Jean Pierre Léaud), filmandolo nella sua crescita fisica e psicologica nel corso degli anni attraverso 5 film girati nell’arco di 20 anni, da “I 400 colpi” a “L’amore fugge” (1979), passando per "Baci rubati" (1968).

François Truffaut anniversario. Il 21 ottobre 1984 un tumore al cervello ci ha resi orfani di uno dei maestri indiscussi non solo del cinema francese, ma della Settima Arte in assoluto. Siamo certi che François Truffaut avrebbe potuto ancora regalarci tanti altri grandi film, per meditare con ironia e sentimento sulla vita in tutte le sue sfumature, ma la straordinaria modernità del patrimonio umano e culturale che ci ha lasciato è senza dubbio sufficiente per farci amare ancora di più la magia del grande schermo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Effetto notte



Articoli correlati

Sei donne per l'assassino, l'edizione restaurata del capolavoro thriller di Mario Bava al Noir in Festival

Sei donne per l’assassino thriller di Mario Bava. Correva l’anno 1964. Usciva nelle sale italiane, e successivamente anche nel mercato estero, “Sei donne per l’assassino”, per la regia di Mario Bava (un film su tutti, l'horror gotico “La maschera del demonio”, 1960), ovvero il padre indiscusso del genere th...

 

Sean Connery, mai dire (solo) James Bond

Sean Connery. La storia del cinema è piena di attori che conoscono bene il rovescio della medaglia della immensa popolarità legata al ruolo che li ha resi celebri. Si resta per sempre intrappolati in quella parte, senza via di fuga. Sean Connery è l’eccezione che conferma la regola. Primo e più popolare agente 007,...

 

Moda gonne 2015: un autunno per donne che amano le gonne

Gonne 2015. Donne che amano le gonne? Siete fortunate. La parola d’ordine per l’autunno-inverno 2014-2015 sembrerebbe essere…gonna! Gonne lunghe, gonne a vita alta, gonne a pieghe, gonne a ruota, minigonne. Quest’anno c’è veramente l’imbarazzo della scelta per tutte le fanciulle che amano questo indumento...

 

Io ti salverò, il film di Alfred Hitchcock più innovativo con Ingrid Bergman

Io ti salverò (“Spellbound”) è il film di Alfred Hitchcock che uscì il 31 ottobre 1945. La pellicola di genere thriller psicologico vede un cast composto da Ingrid Bergman, Gregory Peck e Michael Chekhov. La trama di Io ti salverò. La vicenda è già contenuta alla fine dei titoli di testamm che ...

 

Piccolo crepe, grossi guai recensione film. Catherine Deneuve è una donna sull'orlo di una crisi di nervi

Piccole crepe, grossi guai (Dans la cour) è un film diretto da Pierre Salvadori ed ha come protagonista la grande Catherine Deneuve. Esso è distribuito in Italia dalla “Good Films” ed esce nei cinema italiani giovedì 16 ottobre. Piccole crepe, grossi guai trama. Antoine è un uomo in piena crisi, ha passato i...

 

La notte ritorna recensione libro, Mary Higgins Clark torna con un nuovo thriller

La notte ritorna (Sperling & Kupfer), il nuovo libro di Mary Higgins Clark. Il bestseller del New York Times appena arrivato in libreria: Mary Higgins Clark ne ha già annunciato il sequel. La notte ritorna trama. A Laurie Moran capita di attraversare momenti disperati pensando al marito Greg, ucciso da chissà quale incarnazione d...

 

Dinard British Film Festival 2014, Catherine Deneuve sarà il presidente della giuria.

Dinard British Film Festival 2014. Gli anni passano per tutti, e nel caso dei Festival è un segno di prestigio che va ad impreziosire la tradizione e la cultura dei luoghi che li ospitano: così è anche per Dinard, la bella cittadina della Bretagna su cui i riflettori tornano a essere puntati in occasione dell’edizione n.2...

 

Catherine Deneuve: nel nuovo film con Guillaume Canet e a Venezia con la figlia Chiara Matroianni

Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni sono nelle immagini che mostriamo dal Festival del cinema di Venezia, dove hanno presentato in concorso “3 coeurs” di Benoît Jacquot. 3 coeurs. La trama del film ruota attorno all’incontro casuale tra Marc e Sylvie, in un paesaggio di campagna nella provincia francese. I due trascorron...

 

The Young Pope: Sorrentino regista e scrittore della nuova serie tv di Sky

The Young Pope è il titolo provvisorio della nuova serie tv prodotta da Sky Italia e con cui la piattaforma satellitare di Rupert Murdoch cercherà di bissare il grande successo già ottenuto con “Gomorra – La Serie”. Del cast si sa ancora poco, oltre al fatto che sarà comunque internazionale, ma Sky ha g...

 

Cannes 2014, Gerard Depardieu è Dominique Strauss-Kahn nel nuovo film fuori concorso Welcome to New York

Welcome to New York. Fuori concorso al Festival di Cannes 2014, “Welcome to New York” è la nuova pellicola del regista Abel Ferrara che porta sul grande schermo una storia scandalistica, soddisfando un certo voyeurismo da parte del pubblico. È un film discusso, applaudito, ricercato. Dominique Strauss-Kahn. “Welcome...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni