X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Ninotchka, il film con Greta Garbo censurato per anni

06/10/2014 13:00
Ninotchka il film con Greta Garbo censurato per anni

Ninotchka è il film con Greta Garbo che fu censurato per anni per la sua trama politica. È diretto da Ernst Lubitsch con una sceneggiatura scritta anche da Billy Wilder.

Ninotchka è il film di Ernst Lubitsch che uscì il 6 ottobre 1939, interpretato da Greta Garbo, Melvyn Douglas e Bela Lugosi. La sceneggiatura è scritta da Billy Wilder, Charles Brackett e Walter Reisch, tratta da un racconto di Melchior Lengyel.

La trama di Ninotchka. La storia racconta dei compagni Buljanoff e Kopalski che vengono inviati a Parigi per raccogliere fondi per il governo russo vendendo i gioielli confiscati della Granduchessa Swana. A causa del loro soggiorno libertino nella capitale francese, sono raggiunti dall’"inviato straordinario" Nina "Ninotchka" Ivanovna Yakushova, donna attraente ma severa che pensa solo alle ragioni della Russia e del dovere. Lei gli rimprovera le loro frivolezze, e intanto studia le meraviglie architettoniche e di ingegneria di Parigi: incontra però Leon sulla strada per la Torre Eiffel, il quale flirta con lei, mentre lei decide di studiarlo come un interessante esempio di decomposizione della società occidentale. Lui la bacia e lei chiede una comparazione clinica con un altro uomo. Il giorno dopo lui la segue in un piccolo caffè facendola ammorbidire dalla serietà con battute stupide da cui scaturiscono risate.
Ninotchka rimane impassibile fino a che non si arrende e cade a terra: ora è cambiata, compra un cappello sciocco che giorni prima disprezzò. A causa della sparizione dei gioielli Ninotchka è costretta a tornare in Russia senza vedere di nuovo Leon, il qual scrive lettere d'amore che arrivano a destinazione con contenuti completamente censurati dal governo. Ninotchka e Leon si ritrovano ad Istanbul e lei si convince a non tornare in Russia.

Greta Garbo in Ninotchka. Il film segna il passaggio del regista da una cinematografia con tematiche borghesi portate avanti fino al film “Angelo” (1937) con Marlene Dietrich, ad un nuovo modo ironico di raccontare la realtà, più vicino ai gusti occidentali ossia commerciali della produzione. La pellicola infatti riscosse il successo pianificato dalla MGM, costando 1,3 milioni di dollari ed incassandone 2,2: anche la medesima serietà di Greta Garbo che sorride per la prima volta in un film fu veicolata con una scelta di marketing precisa, esemplificata dalla frase “Garbo laughs!”.

La censura. Non secondario è l'aspetto della polemica politica contro la nemica Russia, tanto che secondo una notizia del New York Times del 1939 alla MGM fu impedito dall'Ufficio Hays - che si occupava di censurare i contenuti scomodi - di filmare una scena in cui "Ninotchka" contrastava i progressi romantici di Leon perché avrebbe mostrato che "i comunisti sono una razza molto bassa”. Ciò non impedì al film di avere dei problemi di censura, tanto che nel 1950-51 i proprietari di un cinema di Vienna promisero rappresaglie se il film fosse stato proiettato. Il film fu proibito nel dopoguerra in alcuni paesi europei per paura di “turbamenti dell’ordine pubblico”, e nel 1988 risultava ancora vietato in Finlandia.
Lo studio del marketing sortì anche altri effetti secondari: la pellicola vinse quattro premi Oscar, come film, sceneggiatura, soggetto e interpretazione femminile per la Garbo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Billy Wilder, Greta Garbo, Ernst Lubitsch
Film correlati
Ninotchka



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Fiction Anna Karenina, su Rai Uno la trama dolente interpretata da Vittoria Puccini

Anna Karenina, fiction ora in onda su Rai Uno interpretata da Vittoria Puccini e Vittorio Sermonti riproporre la vicenda dell'eroina ottocentesca, creata da Lev Tolstoj nel 1877. Leggi la trama di Anna Karenina La modalità di trasposizione dalla pagina scritta al video è stata “fedele”, come dice lo sceneggiatore France...

 

Gary Cooper: Colpo di fulmine, il film classico di Howard Hawks

Colpo di fulmine (“Ball of fire”) compie oggi settantadue anni. Il film di Howard Hawks con Gary Cooper e Barbara Stanwyck uscì negli Stati Uniti il 2 dicembre 1941, mentre in Italia a causa dell'embargo arrivò nel 1946. Il film è una delle screwball comedy che ha avuto maggior successo, scritto dallo steso Hawks a...

 

Greta Garbo, il dramma dark del film ‘Romance' compie 83 anni

Greta Garbo appariva al cinema il 26 agosto 1930 con il film “Romance” di Clarence Brown. La trama ruota attorno al giovane Harry che s’innamora di un'attrice, con grande dispiacere della sua famiglia: chiede allo zio -  vescovo della Chiesa anglicana - un aiuto sul proprio dilemma amoroso. Il vescovo racconta un episodio ac...

 

La Mostra del Cinema di Venezia proietta anche Marilyn Monroe e Billy Wilder

La Mostra del Cinema di Venezia che comincerà il 29 agosto quest’anno propone non solo glamour, ma anche una selezione di film restaurati. Michael Cimino sarà presente alla proiezione di Heaven’s Gate (I cancelli del cielo, 1980), nella copia restaurata digitalmente da Criterion. Tra i film presentati c’è Il...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni