X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Carlo Alberto dalla Chiesa: delitto di mafia?

03/09/2014 10:00
Carlo Alberto dalla Chiesa delitto di mafia?

La Morte del generale dalla Chiesa a 32 anni di distanza. Che cosa aveva capito Carlo Alberto dalla Chiesa della mafia siciliana e qual era la sua personale lotta alla mafia.

Carlo Alberto dalla Chiesa. A 32 anni dalla morte non possiamo dimenticare il sacrificio del Generale dei Carabinieri Carlo Alberto dalla Chiesa, ucciso assieme alla moglie Emanuela Setti - Carraro e all’uomo di scorta Domenico Russo, in una solitaria giornata palermitana. Solitaria era la mafia secondo lo Stato ma non secondo lui, che ne aveva già capite le collusioni con le alte sfere politiche. Solitaria era Palermo secondo lo Stato ma non secondo il generale, che aveva già capito come la mafia non fosse più un problema siciliano. Solitaria era la figura del generale, in un ambiente fatto di trame politiche e mafiose che l’hanno circondato fino alla morte.


Lotta alla mafia. In questo clima solitario, Carlo Alberto dalla Chiesa avrebbe avuto il compito, in qualità di prefetto, di dare una spinta sull’acceleratore della lotta alla mafia fino a debellarla così come aveva fatto con le BR pochi anni addietro. Il problema principale, dalla Chiesa lo aveva capito, stava in due particolari fondamentali: il primo, che la mafia in Italia era parte integrante dello Stato, a differenza (forse) delle BR; il secondo, che la mafia non era più solo Cosa Nostra, non era più solo in Sicilia. C’era un altro problema: la richiesta di aumentare i poteri della prefettura di Palermo, promossa dal generale stesso, non fu mai ascoltata.


Mafia siciliana. La richiesta di avere poteri straordinari non era dettata da deliri di onnipotenza. Anzi, da una mente acuta. A dispetto delle “menti raffinatissime” di cui parlerà Giovanni Falcone ad anni di distanza per indicare quelle personalità di alto profilo intellettuale e professionale colluse con la mafia, la mente acuta di Carlo Alberto dalla Chiesa aveva capito una cosa: la “mafia siciliana” non c’era più. Le nuove tecnologie davano nuovi poteri alla criminalità organizzata. “Ricordo che i miei corleonesi, i Liggio, i Collura, i Criscione si sono tutti ritrovati stranamente a Venaria Reale, alle porte di Torino, a brevissima distanza da Liggio con il quale erano stati da me denunziati a Corleone per più omicidi nel 1949. Chiedevo notizie sul loro conto e mi veniva risposto: " Brave persone. Non disturbano. Firmano regolarmente”. Nessuno si era accorto che in giornata magari erano venuti qui a Palermo o che tenevano ufficio a Milano o, chi sa, erano stati a Londra o a Parigi" dichiarò in un’intervista il generale.


Morte del generale dalla Chiesa. Così arrivò quella solitaria giornata di settembre: 3 settembre 1982. Per spiegare la morte del generale dalla Chiesa, però, non dobbiamo chiedere chiarimenti solo alla mafia. In una delle sue ultime interviste, Carlo Alberto dalla Chiesa dichiarò: “La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. Vede, a me interessa conoscere questa "accumulazione primitiva" del capitale mafioso, questa fase di riciclaggio del denaro sporco […] Ma mi interessa ancora di più la rete mafiosa di controllo, che grazie a quelle case, a quelle imprese, a quei commerci magari passati a mani insospettabili, corrette, sta nei punti chiave, assicura i rifugi, procura le vie di riciclaggio, controlla il potere.” Sono parole, queste, che riecheggiano nel discorso di Pietro Grasso nel trentennale della morte del generale dalla Chiesa: “È questo quadro, nel quale resistono da decenni ampie zone d’ombra, a far pensare che la mafia non fosse l’unica responsabile della trama criminale ma che abbia svolto il ruolo di "braccio armato" per interessi propri e di altri poteri”.

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Jacopo Sartori
Home
 
Altri articoli Home

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni