X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il futuro è troppo grande: recensione del documentario sugli immigrati di seconda generazione

24/08/2014 08:00
Il futuro troppo grande recensione del documentario sugli immigrati di seconda generazione

Il futuro è troppo grande è un documentario del 2014, diretto da Giusy Buccheri e Michele Citoni. Il film racconta la storia di Re e Zhanxing, due ragazzi romani, figli di immigrati, e mostra come sia possibile essere italiani pur avendo origini straniere.

Il Futuro è Troppo Grande è un film documentario del 2014 dei registi Giusy Buccheri e Michele Citoni. La pellicola, approdata sul grande schermo grazie anche ai “254 produttori dal basso” trovati con una vincente campagna di crowfunding, oltre ad essere stata inserita nel catalogo Un Film per la Pace 2014, ha ottenuto la Menzione Speciale al Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano

Trama Il “Futuro è Troppo Grande” è incentrato sulle storie di Re e Zhanxing, due giovani di seconda generazione, alle prese con le proprie vite nell'Italia contemporanea e, come recita il titolo, con le aspettative verso il futuro. Re è nato a Roma da genitori delle Filippine; ama l'hip hop, insegna break dance e studia Cinema all'università. Zhanxing è cinese, a 10 anni ha raggiunto i genitori in Italia, si è laureata ma ancora non sa quale direzione imprimere al proprio futuro, tanto che decide di intraprendere un viaggio di ritorno in Cina, alla ricerca del proprio passato e delle proprie origini

La Regia si snoda in un interessante alternarsi di punti di vista; alle immagini raccolte, girate e montate dai due registi che offrono un punto di vista esterno alla vita dei due giovani, si contrappongono riprese girate direttamente da Re e Zhanxing con telecamere amatoriali, che in questo modo trasformano le classiche interviste tipiche dei film documentari in vere e proprie confessioni personali. “Il Futuro è Troppo Grande” rielabora un formato, quello delle interviste, che ha fatto la storia del documentario, lasciando, almeno in apparenza, la parola ai protagonisti, evitando la mediazione dell'autorità del regista

Recensione Il “Futuro è Troppo Grande” ha l'ambizione di coniugare le aspettative di vita di due ragazzi, il loro presente e futuro, le loro personalità, con le forme dell'appartenenza alla comunità italiana, ormai in continuo e rapido mutamento, senza tuttavia coinvolgere lo spettatore nel dibattito giuridico e politico sulla cittadinanza e sui diritti degli stranieri. Da questo punto di vista Re e Zhanxing hanno un approccio totalmente diverso alla tematica: Re è un ragazzo di Trastevere, con il tipico accento romano ed è così perfettamente integrato che, compiuti i 18 anni e ottenuta la Cittadinanza Italiana, si chiede se sia cambiato o meno qualcosa. La sua diversità si ripropone solo nei momenti familiari, nelle continue cene in ristoranti cinesi o giapponesi, o nelle cerimonie tipiche della sua famiglia. Zhanxing invece sente come un peso la mancanza di alcuni diritti – all'inizio del film la vediamo lamentarsi del suo status politico in un'intervista rilasciata ad un noto telegiornale nazionale – ma ancora di più, non si sente a casa. Il viaggio che intraprende in Cina, alla ricerca di se stessa, le donerà tuttavia anche una grande nostalgia del Bel Paese, nonostante le contraddizioni. Per capire appieno il senso del film di Buccheri e Citoni, e i due anni di preparazione e ricerche che sono alla base di “Il Futuro è Troppo Grande”, può essere utile far riferimento al concetto di “intimità culturale”, definito dall'antropologo Michael Herzfeld come “il riconoscimento di quegli aspetti dell'identità culturale, considerati motivo di imbarazzo con gli estranei, ma che nondimeno garantiscono ai membri la certezza di una società condivisa” (Herzfeld M. 1997). Se dunque uno straniero per definizione viola questo sentimento, portando la diversità in una comunità nazionale che si immaginava uguale al suo interno, i ragazzi di seconda generazione mostrano che in realtà la società, o se vogliamo, il popolo italiano è già cambiato, e si può essere tranquillamente italiani pur conservando le proprie peculiarità culturali

Gli autori Giusy Buccheri è autrice e regista di vari film documentari. Tra i suoi lavori più importanti troviamo “Nilo” (2004) Evento speciale al Festival dei Popoli di Firenze 2004 e “Sortino Social Club. Storie di una comunità siciliana emigrata in Australia" (2011)

Michele Citoni è giornalista, filmmaker e ricercatore, specializzato in ecologia. Prima de "Il Futuro è Troppo Grande" ha realizzato vari documentari, tra cui "Indistruttibile" (2004), vincitore del premio Visioni Ambientali all'interno di Officinema/Visioni Italiane

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni