X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il futuro è troppo grande: recensione del documentario sugli immigrati di seconda generazione

24/08/2014 08:00
Il futuro troppo grande recensione del documentario sugli immigrati di seconda generazione

Il futuro è troppo grande è un documentario del 2014, diretto da Giusy Buccheri e Michele Citoni. Il film racconta la storia di Re e Zhanxing, due ragazzi romani, figli di immigrati, e mostra come sia possibile essere italiani pur avendo origini straniere.

Il Futuro è Troppo Grande è un film documentario del 2014 dei registi Giusy Buccheri e Michele Citoni. La pellicola, approdata sul grande schermo grazie anche ai “254 produttori dal basso” trovati con una vincente campagna di crowfunding, oltre ad essere stata inserita nel catalogo Un Film per la Pace 2014, ha ottenuto la Menzione Speciale al Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano

Trama Il “Futuro è Troppo Grande” è incentrato sulle storie di Re e Zhanxing, due giovani di seconda generazione, alle prese con le proprie vite nell'Italia contemporanea e, come recita il titolo, con le aspettative verso il futuro. Re è nato a Roma da genitori delle Filippine; ama l'hip hop, insegna break dance e studia Cinema all'università. Zhanxing è cinese, a 10 anni ha raggiunto i genitori in Italia, si è laureata ma ancora non sa quale direzione imprimere al proprio futuro, tanto che decide di intraprendere un viaggio di ritorno in Cina, alla ricerca del proprio passato e delle proprie origini

La Regia si snoda in un interessante alternarsi di punti di vista; alle immagini raccolte, girate e montate dai due registi che offrono un punto di vista esterno alla vita dei due giovani, si contrappongono riprese girate direttamente da Re e Zhanxing con telecamere amatoriali, che in questo modo trasformano le classiche interviste tipiche dei film documentari in vere e proprie confessioni personali. “Il Futuro è Troppo Grande” rielabora un formato, quello delle interviste, che ha fatto la storia del documentario, lasciando, almeno in apparenza, la parola ai protagonisti, evitando la mediazione dell'autorità del regista

Recensione Il “Futuro è Troppo Grande” ha l'ambizione di coniugare le aspettative di vita di due ragazzi, il loro presente e futuro, le loro personalità, con le forme dell'appartenenza alla comunità italiana, ormai in continuo e rapido mutamento, senza tuttavia coinvolgere lo spettatore nel dibattito giuridico e politico sulla cittadinanza e sui diritti degli stranieri. Da questo punto di vista Re e Zhanxing hanno un approccio totalmente diverso alla tematica: Re è un ragazzo di Trastevere, con il tipico accento romano ed è così perfettamente integrato che, compiuti i 18 anni e ottenuta la Cittadinanza Italiana, si chiede se sia cambiato o meno qualcosa. La sua diversità si ripropone solo nei momenti familiari, nelle continue cene in ristoranti cinesi o giapponesi, o nelle cerimonie tipiche della sua famiglia. Zhanxing invece sente come un peso la mancanza di alcuni diritti – all'inizio del film la vediamo lamentarsi del suo status politico in un'intervista rilasciata ad un noto telegiornale nazionale – ma ancora di più, non si sente a casa. Il viaggio che intraprende in Cina, alla ricerca di se stessa, le donerà tuttavia anche una grande nostalgia del Bel Paese, nonostante le contraddizioni. Per capire appieno il senso del film di Buccheri e Citoni, e i due anni di preparazione e ricerche che sono alla base di “Il Futuro è Troppo Grande”, può essere utile far riferimento al concetto di “intimità culturale”, definito dall'antropologo Michael Herzfeld come “il riconoscimento di quegli aspetti dell'identità culturale, considerati motivo di imbarazzo con gli estranei, ma che nondimeno garantiscono ai membri la certezza di una società condivisa” (Herzfeld M. 1997). Se dunque uno straniero per definizione viola questo sentimento, portando la diversità in una comunità nazionale che si immaginava uguale al suo interno, i ragazzi di seconda generazione mostrano che in realtà la società, o se vogliamo, il popolo italiano è già cambiato, e si può essere tranquillamente italiani pur conservando le proprie peculiarità culturali

Gli autori Giusy Buccheri è autrice e regista di vari film documentari. Tra i suoi lavori più importanti troviamo “Nilo” (2004) Evento speciale al Festival dei Popoli di Firenze 2004 e “Sortino Social Club. Storie di una comunità siciliana emigrata in Australia" (2011)

Michele Citoni è giornalista, filmmaker e ricercatore, specializzato in ecologia. Prima de "Il Futuro è Troppo Grande" ha realizzato vari documentari, tra cui "Indistruttibile" (2004), vincitore del premio Visioni Ambientali all'interno di Officinema/Visioni Italiane

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Marilyn Monroe, vendute all'asta le foto dell'attrice incinta sul set de 'Gli spostati'

Alcune foto di Marilyn Monroe incinta sono state vendute all’asta per 2240 dollari. Si tratta di immagini rare in cui l’attrice si fa fotografare l’8 luglio 1960 fuori dai Fox Studios, in una pausa dalla lavorazione del film “Gli spostati”. Le foto erano conservate dalla più cara amico della star, Frieda Hull ...

 

Walking Out, il film con Matt Bomer e Bill Pullman: intervista al regista Andrew Smith

Walking Out è il film di Alex & Andrew Smith che ha partecipato in concorso al Sundance Film Festival. Nel cast ci sono Matt Bomer, Bill Pullman, Alex Neustaedter e il giovane Josh Wiggins. Il primo aiuto regista è l'italiano Edoardo Ferretti.  La storia racconta del quattordicenne David (Wiggins) che viaggia con riluttanza ...

 

1 Night, il film su una notte in hotel

1 Night è il film drammatico e romantico di Minhal Baig, nelle sale statunitensi e che sta ottenendo già delle bune critiche. La trama segue Elizabeth, trentenne che deve decidere se salvare il suo rapporto deludente con Drew. Nel frattempo Bea, un’adolescente con molte preoccupazioni si riavvicina all’introverso amico An...

 

Recensione del film Manchester by the Sea

Manchester by the Sea è il film di Kenneth Lonergan con Casey Affleck, Michelle Williams, Kyle Chandler e Lucas Hedges. Già dall’inizio il film patisce una lentezza nell’indugiare in dettagli, come la scena iniziale in cui Lee Chandler (Affleck) è in un bar, seduto dietro i bancone, mentre scruta due avventori che ...

 

Steven Spielberg, girerà in Umbria ed Emilia Romagna il nuovo film tratto da una storia vera

Steven Spielberg girerà in Umbria, Lazio ed Emilia Romagna il prossimo film “The Kidnapping of Edgardo Mortara”. Le riprese inizieranno ad aprile 2017. La pellicola racconta del rapimento di Edgardo Mortara, giovane ragazzo ebreo che a Bologna nel 1858 è battezzato in segreto: quando si scopre l’accaduto, è s...

 

Maze Runner – La rivelazione, le riprese del terzo capitolo con un anno di ritardo

Dopo quasi un anno di silenzio, le riprese di “Maze Runner – La rivelazione”, terzo capitolo della saga tratta dai libri di James Dashner, starebbero finalmente per iniziare. A dimostrarlo sono alcune foto che il regista Wes Ball ha postato in questi ultimi giorni sul suo account Twitter, documentando la sua esplorazione del nuovo...

 

Recensione del film Moonlight

Moonlight è un film di Barry Jenkins, con Trevante Rhodes, Janelle Monáe, Naomie Harris e André Holland. La produzione di Dede Gardner e Jeremy Kleiner per la Plan B Entertainment di proprietà di Brad Pitt non sbaglia argomenti: già si era confrontata con “12 anni schiavo” (2013) , “Selma”...

 

Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter

Paul Thomas Anderson sa oltrepassare i limiti dell’azione collegandoli con ghermiti elementi personali. Nei primi tre minuti del film da lui diretto “Resident Evil: The Final Chapter" vediamo una bambina, Alice essere affetta da invecchiamento precoce; un bambino che sembra moribondo e che all’improvviso azzanna l’uomo che c...

 

Film più visti della settimana in USA: svettano 'The LEGO Batman Movie' e '50 sfumature di nero'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 febbraio 2017 vede al primo posto “The LEGO Batman Movie” (55.635.000 dollari): il film d’animazione vede Batman collaborare con i colleghi per fronteggiare l’attacco Gotham City (leggi l'intervista al doppiatore Alessandro Sperduti). Al secondo posto c&...

 

Jamie Dornan su 'Cinquanta sfumature di nero': 'sul set ci viene richiesto molto'

Sono state pubblicate due clip in cui i protagonisti del film “Cinquanta sfumature di nero”, Jamie Dornan e Dakota Johnson raccontano la loro esperienza (leggi la recensione del film). “La cosa bella di Dakota è che è l’unica che sa quello che sto passando e viceversa - dice Dornan - ci sono dei giorno in cui ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni