X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Real life - La mancata vacanza antistress: nella moderna Etruria degli psicotarpani

11/08/2014 14:00
Real life - La mancata vacanza antistress nella moderna Etruria degli psicotarpani

Possibile che nel 2014 agognare ad una connessione Internet equivalga a chiedere la luna? E che bar che dichiarano pubblicamente d'avere disponibile per i clienti l'uso del Wi-Fi tentino di scacciare con manovre sfacciate o celate un povero giornalista che deve fare il proprio lavoro? All'estero sarebbe inammissibile, ma nella "moderna" Etruria degli psicotarpani è realtà.

Real life - Vacanza antistress. La scorsa settimana ho avuto una bella idea. Bella si fa per dire, perché in effetti tale era nelle intenzioni, ma poi si è rivelata problematica. Ho infatti deciso di andare a trovare mia madre sul litorale laziale, nei dintorni di Tarquinia, dove si trova a villeggiare. Il mare, pensavo sognando una vacanza antistress, mi farà bene. A parte immancabili beghe familiari, fra cui una deliziosa nipotina urlante che mi ha praticamente traforato i timpani con i suoi pressoché ininterrotti e capricciosissimi decibel, ci si è messa una questione cui non avevo pensato in termini catastrofici: la disponibilità di una connessione Internet.

Internet Wi-Fi. Ed invece tragedia era. Perché, se nella località dove mi trovavo dispositivi stile pennetta danno segnale assente, gli unici due bar del posto, i quali dichiarano pubblicamente d'avere disponibile per i clienti l'uso Internet tramite Wi-Fi, paiono aver messo tale opzione come specchietto per le allodole. Prima giornata: mi reco in uno dei due bar, dove faccio colazione, compro il giornale e chiedo di poter usare il Wi-Fi. Siccome la batteria del mio vecchio fidato pc è ormai al lumicino domando gentilmente il permesso d'attaccarmi ad una spina della corrente, offrendo di pagare un contributo nel caso ciò dovesse costituire un problema.

Presa di corrente. In questo bar quel giorno sono stati molto cortesi, sostenendo che non dovevo preoccuparmi. Mi sono trattenuta per qualche ora. Non so perché, ma, malgrado la gentilezza dei proprietari ed il mio piazzarmi in una postazione dove non dessi assolutamente fastidio, non ero a mio agio... Il secondo giorno mi dicono che Internet non funziona. Hanno spento il Wi-Fi, non sono nata ieri. Loro credono che mi beva la bugia, ma così non è. Allora vado nell'altro bar che millanta l'opzione di connettersi ed, avendo sempre il problema della batteria, uso, anche qui dopo aver chiesto di poterlo fare, una presa di corrente. Ovviamente pure stavolta consumo qualcosa e familiari ed amici che sono con me mangiano gelato e comprano riviste. Rimango meno di cento minuti (fra l'altro c'è un cartello con su scritto che ci si può connettere per un tempo massimo di due ore).

I-Pad e computer. Terza giornata: nel primo bar c'è di nuovo campo, me ne accorgo da fuori usando il mio I-Pad. Entro per comprare un dolce. Mi guardano strano; forse temono che mi riconnetta col computer? Il giorno dopo ritorno nel secondo bar, in un'ora in cui non c'è nessuno. Prendo da bere, ma, quando faccio per attaccare il pc alla spina della corrente, m'avvedo che l'hanno attappata con lo scotch. Hanno attappato tutte le prese perché nessuno possa attaccarvisi! Non so quanto paghino d'Enel gli esercizi commerciali, ma so per certo che il costo che deriva loro dall'attacco di un computer alla presa è irrisorio. Comunque chiedo di poterlo fare, offrendomi, come il primo giorno nell'altro bar, di dare un contributo monetario nel caso ciò fosse per qualche motivo ritenuto sconveniente.

Internet Point. Viene a parlarmi il capo dell'esercizio, un ometto più basso di me (ed io non sono una stanga) che comincia a bofonchiare una storia assurda sul perché hanno attappato le prese. Mi dice che quello non è un Internet Point; che l'Internet Point più vicino è a Tarquinia. Gli chiedo di spiegarmi dove, almeno ci vado. Ma mi replica che non lo sa. Però mi ricorda che lì posso stare solo due ore e mi concede d'usare la spina in via del tutto eccezionale: il giorno dopo non mi dovrò più presentare! Testuali parole: “Tu qui non ci devi più venire!”. Mi domando se il soggetto mi tratterebbe con più rispetto se sapesse che, nonostante il fisico da ragazzina, non sono più una teenager ed ho a casa un discreto papier di lauree. Probabilissimamente no, visto che, come dicono alcuni genitori di ragazzini alla mia amica Daniela, che è professoressa di scuola media, “la cultura non fa mangiare”.

Psicologia psicotarpani. Adopro la psicologia: non mi conviene arrabbiarmi, tanto domenica me ne torno in città e dico addio a quella landa di psicotarpani. Ho avuto la fortuna di viaggiare abbastanza nella vita ed all'estero non mi è mai capitato di avere problemi con le connessioni: anzi, Internet è dappertutto e bar e ristoranti fanno a gara per proporlo ai clienti, in quanto chi si ferma a lavorare col computer costituisce un buon consumatore. Sono allibita da questa esperienza. Avrei potuto controbattere alle manovre sfacciate o celate per scacciarmi dai due bar, tuttavia credo sarebbe stato inutile; non si può pretendere di cambiare la mentalità delle persone in pochi minuti con le parole ed io ho bisogno di una connessione per lavorare. “Psicologia del tarpano, manuale per l'uso”: questo il prossimo libro che vorrei acquistare. O magari, chissà, scrivere...

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Atypical, la serie tv che racconta l'autismo debutta su Netflix

La serie televisiva intitolata “Atypical" debutta domani sulla piattaforma streaming Netflix. Creata da Robia Rashid (“The Goldbergs", “Will & Grace”), concede allo spettatore un racconto di formazione che vede protagonista Sam, un diciottenne autistico che ricerca amore e indipendenza. Il ragazzo intraprende un percor...

 

Velvet, l'ultima puntata della quarta stagione tra ritorno e vendetta

La quarta stagione della serie televisiva intitolata “Velvet” è stata trasmessa dall’emittente spagnola Antena 3 dal 5 ottobre al 21 dicembre 2016. In Italia va in onda su Rai1 dal 6 luglio 2017. La trama si concentra sulle vicende della sarta sarta Anna Ribera, interpretata dall'attrice Paula Echevarrìa. Nel p...

 

Recensione della serie tv 'I'm Sorry'

"I'm Sorry" è una commedia frizzante e godibile che affronta le vicende di vita quotidiana di una comica quarantenne californiana, moglie e madre di una bimba. La storia ricalca molto la vita della protagonista Andrea Savage che nella serie tv ha inserito vari elementi autobiografici, comunque riconducibili a una vasta porzione della middle ...

 

Superquark, nella settima puntata anche uno speciale su 'Un posto al sole'

La settima puntata di “Superquark”, in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.15, propone allo spettatore alcuni racconti dalla Thailandia. Il programma televisivo condotto da Piero Angela si sofferma sulle peculiarità della regione denominata "ciotola di riso della nazione", del Lumphini Park a Bangkok e descrive la ...

 

L'ambasciata, la seconda puntata tra pretese e confessioni

La seconda puntata della serie televisiva spagnola “L’ambasciata” (Titolo originale: “La embajada”) va in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.25.  Articolata in cinque puntate, è stata prodotta da Atresmedia in collaborazione con Bamboo Productions per l'emittente spagnola Antenna 3. La trama &egr...

 

Mr. Robot, il trailer della terza stagione: nel cast debutta Bobby Cannavale

È stato pubblicato il primo trailer della terza stagione di “Mr. Robot”, il cui debutto negli Stati Uniti avverrà l’11 ottobre su USA Network. Il video è disponibile dal 4 agosto sul canale YouTube della serie televisiva e in pochi giorni ha superato 1 milione di visualizzazioni.  I dieci nuovi...

 

Howards End, quattro nuove immagini della miniserie tv

Nell’ambito del Televisions Critics Association (TCA) Summer 2017 Press Tour, Starz ha rilasciato quattro nuove immagini della miniserie televisiva “Howards End”, basata sull’omonimo romanzo (Titolo italiano: “Casa Howard”) dello scrittore britannico Edward Morgan Forster. La trama ruota attorno alle vicende di ...

 

L'isola di Pietro, la fiction con Gianni Morandi: 'il giallo è sempre presente'

La fiction intitolata "L'isola di Pietro" andrà in onda prossimamente su Canale 5.  La trama si svolge a Carloforte, in Sardegna, e vede protagonista il pediatra Pietro interpretato da Gianni Morandi. "Questa serie è difficile da definire, un film d’amore, di passione, però il giallo è sempre presente" - ha c...

 

Childhood's End, dal classico di Arthur Clarke torna il tema dell'invasione aliena

"Childhood's End" ovvero "la fine dell'infanzia" è un interessante esperimento di miniserie televisiva  ispirato a un grande classico della fantascienza, il romanzo "Le guide del tramonto" di Arthur C. Clarke. Sebbene negli Stati Uniti sia andata in onda nel dicembre 2015 sul network Syfy, in Italia li abbiamo potuti vedere solo quest'a...

 

Voltron: Legendary Defender, la terza stagione debutta su Netflix

La terza stagione della serie animata intitolata ”Voltron: Legendary Defender” è disponibile da oggi sulla piattaforma streaming Netflix. La trama si presenta ricca di azione e comprensiva anche di elementi di comicità. Al centro della storia ci sono cinque ragazzi che agiscono all'interno di un contesto movimentato ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni