X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Real life - La mancata vacanza antistress: nella moderna Etruria degli psicotarpani

11/08/2014 14:00
Real life - La mancata vacanza antistress nella moderna Etruria degli psicotarpani

Possibile che nel 2014 agognare ad una connessione Internet equivalga a chiedere la luna? E che bar che dichiarano pubblicamente d'avere disponibile per i clienti l'uso del Wi-Fi tentino di scacciare con manovre sfacciate o celate un povero giornalista che deve fare il proprio lavoro? All'estero sarebbe inammissibile, ma nella "moderna" Etruria degli psicotarpani è realtà.

Real life - Vacanza antistress. La scorsa settimana ho avuto una bella idea. Bella si fa per dire, perché in effetti tale era nelle intenzioni, ma poi si è rivelata problematica. Ho infatti deciso di andare a trovare mia madre sul litorale laziale, nei dintorni di Tarquinia, dove si trova a villeggiare. Il mare, pensavo sognando una vacanza antistress, mi farà bene. A parte immancabili beghe familiari, fra cui una deliziosa nipotina urlante che mi ha praticamente traforato i timpani con i suoi pressoché ininterrotti e capricciosissimi decibel, ci si è messa una questione cui non avevo pensato in termini catastrofici: la disponibilità di una connessione Internet.

Internet Wi-Fi. Ed invece tragedia era. Perché, se nella località dove mi trovavo dispositivi stile pennetta danno segnale assente, gli unici due bar del posto, i quali dichiarano pubblicamente d'avere disponibile per i clienti l'uso Internet tramite Wi-Fi, paiono aver messo tale opzione come specchietto per le allodole. Prima giornata: mi reco in uno dei due bar, dove faccio colazione, compro il giornale e chiedo di poter usare il Wi-Fi. Siccome la batteria del mio vecchio fidato pc è ormai al lumicino domando gentilmente il permesso d'attaccarmi ad una spina della corrente, offrendo di pagare un contributo nel caso ciò dovesse costituire un problema.

Presa di corrente. In questo bar quel giorno sono stati molto cortesi, sostenendo che non dovevo preoccuparmi. Mi sono trattenuta per qualche ora. Non so perché, ma, malgrado la gentilezza dei proprietari ed il mio piazzarmi in una postazione dove non dessi assolutamente fastidio, non ero a mio agio... Il secondo giorno mi dicono che Internet non funziona. Hanno spento il Wi-Fi, non sono nata ieri. Loro credono che mi beva la bugia, ma così non è. Allora vado nell'altro bar che millanta l'opzione di connettersi ed, avendo sempre il problema della batteria, uso, anche qui dopo aver chiesto di poterlo fare, una presa di corrente. Ovviamente pure stavolta consumo qualcosa e familiari ed amici che sono con me mangiano gelato e comprano riviste. Rimango meno di cento minuti (fra l'altro c'è un cartello con su scritto che ci si può connettere per un tempo massimo di due ore).

I-Pad e computer. Terza giornata: nel primo bar c'è di nuovo campo, me ne accorgo da fuori usando il mio I-Pad. Entro per comprare un dolce. Mi guardano strano; forse temono che mi riconnetta col computer? Il giorno dopo ritorno nel secondo bar, in un'ora in cui non c'è nessuno. Prendo da bere, ma, quando faccio per attaccare il pc alla spina della corrente, m'avvedo che l'hanno attappata con lo scotch. Hanno attappato tutte le prese perché nessuno possa attaccarvisi! Non so quanto paghino d'Enel gli esercizi commerciali, ma so per certo che il costo che deriva loro dall'attacco di un computer alla presa è irrisorio. Comunque chiedo di poterlo fare, offrendomi, come il primo giorno nell'altro bar, di dare un contributo monetario nel caso ciò fosse per qualche motivo ritenuto sconveniente.

Internet Point. Viene a parlarmi il capo dell'esercizio, un ometto più basso di me (ed io non sono una stanga) che comincia a bofonchiare una storia assurda sul perché hanno attappato le prese. Mi dice che quello non è un Internet Point; che l'Internet Point più vicino è a Tarquinia. Gli chiedo di spiegarmi dove, almeno ci vado. Ma mi replica che non lo sa. Però mi ricorda che lì posso stare solo due ore e mi concede d'usare la spina in via del tutto eccezionale: il giorno dopo non mi dovrò più presentare! Testuali parole: “Tu qui non ci devi più venire!”. Mi domando se il soggetto mi tratterebbe con più rispetto se sapesse che, nonostante il fisico da ragazzina, non sono più una teenager ed ho a casa un discreto papier di lauree. Probabilissimamente no, visto che, come dicono alcuni genitori di ragazzini alla mia amica Daniela, che è professoressa di scuola media, “la cultura non fa mangiare”.

Psicologia psicotarpani. Adopro la psicologia: non mi conviene arrabbiarmi, tanto domenica me ne torno in città e dico addio a quella landa di psicotarpani. Ho avuto la fortuna di viaggiare abbastanza nella vita ed all'estero non mi è mai capitato di avere problemi con le connessioni: anzi, Internet è dappertutto e bar e ristoranti fanno a gara per proporlo ai clienti, in quanto chi si ferma a lavorare col computer costituisce un buon consumatore. Sono allibita da questa esperienza. Avrei potuto controbattere alle manovre sfacciate o celate per scacciarmi dai due bar, tuttavia credo sarebbe stato inutile; non si può pretendere di cambiare la mentalità delle persone in pochi minuti con le parole ed io ho bisogno di una connessione per lavorare. “Psicologia del tarpano, manuale per l'uso”: questo il prossimo libro che vorrei acquistare. O magari, chissà, scrivere...

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Blindspot, i nuovi episodi della seconda stagione su Premium Crime

I nuovi episodi della seconda stagione di "Blindspot" vanno in onda su Premium Crime dal 25 gennaio 2017.  La serie televisiva è focalizzata sul personaggio di Jane Doe (Jaimie Alexander), una misteriosa donna ritrovata a Times Square senza alcun indumento indosso e priva di ogni ricordo. La sua vicenda coinvolge anche l'agen...

 

Legion, recensione del primo episodio della serie tv

Abbiamo guardato in anteprima il primo episodio di "Legion", in onda su Fox dal 13 febbraio 2017.  Come "Jessica Jones" e "Luke Cage", anche la serie televisiva creata da Noah Hawley propone un racconto incentrato su un personaggio dei fumetti Marvel Comics.  Nella fiction tornano i toni supereroistici propri dell'universo negli X-...

 

C'è posta per te: Belén Rodríguez e Riccardo Scamarcio ospiti della nuova puntata

Belen Rodriguez e Riccardo Scamarcio sono gli ospiti della terza puntata della ventesima edizione di "C'è posta per te", in onda su Canale 5 il 21 gennaio 2017.  Il pubblico televisivo prosegue nel mostrare la sua affezione nei confronti del people show condotto da Maria De Filippi. La precedente puntata ha registrato 5 milioni e ...

 

Riverdale, una serie tv sulla vivacità adolescenziale

La serie televisiva "Riverdale" debutta sul network statunitense The CW il 26 gennaio 2017, dal giorno successivo è resa disponibile sulla piattaforma streaming Netflix. Sviluppata da Roberto Aguirre-Sacasa, trasporta sul piccolo schermo le vicende di Archie Andrews, protagonista della serie a fumetti pubblicata da Archie Comics. La trama&n...

 

24, la serie di Jack Bauer ha cambiato la tv con il suo stile narrativo e lo split screen

"24" è stata probabilmente la serie tv a sfondo spionaggistico e complottistico che è piaciuta di più, dall'alto dei suoi 192 episodi in otto stagioni; la creatura di Joel Surnow and Robert Cochran è andata in onda dal 2001 al 2010 sulla Fox con protagonista Kiefer Sutherland nei panni dell'agente anti terrorismo Jack Ba...

 

Sanremo 2017, il Dopofestival: novità nel cast artistico

Nella sessantasettesima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, in onda su Rai 1 dal 7 all'11 febbraio 2016, si rinnova l'appuntamento con il Dopofestival.  Sanremo 2017, i cantanti in gara Al termine di ciascuna delle cinque serate delle kermesse, va in onda lo show condotto da Nicola Savino e dalla Gialappa's Band, in...

 

Feed the Beast, recensione del primo episodio della serie tv

Abbiamo guardato il primo episodio di "Feed the Beast", basata sulla serie televisiva danese "Bankerot". La fiction sviluppata da Clyde Phillips alterna il fascino del mondo della cucina a dinamiche narrative tipicamente crime. L'ambito culinario è comparso in più occasioni nella serialità italiana, spesso unito ai toni della ...

 

Shades of Blue, l'atmosfera del crime drama negli episodi della prima stagione della serie tv

La prima stagione della serie televisiva "Shades of Blue" è disponibile sulla piattaforma streaming Infinity dal 18 gennaio 2017. La trama è incentrata sulla figura di Harlee Santos, madre single e detective. La sua squadra è guidata dal tenente Matt Wozniak, il quale la guida in azioni al di fuori della legalità. ...

 

Killing Reagan, recensione del film tv

Il film tv intitolato "Killing Reagan" racconta i momenti antecedenti e successivi all'attentato a Ronald Reagan, avvenuto a Washington il 30 marzo 1981. Basato sul libro "Killing Reagan: The Violent Assault That Changed a Presidency" di Bill O'Reilly, offre un'attenta rappresentazione delle conseguenze scaturite dal tentato assassinio del quarant...

 

Una serie di sfortunati eventi, misteri e complotti negli episodi della prima stagione

La prima stagione di "Una serie di sfortunati eventi" (Titolo originale: "A Series Of Unfortunate Events") è disponibile sulla piattaforma streaming Netflix fal 13 gennaio 2017.  La trama della serie televisiva è basata sull'omonimo ciclo di romanzi di Lemony Snicket e segue le vicende dei tre orfani Baudelaire. Il tutore C...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni