X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Comics: Bat-manga di Kuwata stampato ufficialmente dalla DC Comics

10/08/2014 10:00
Comics Bat-manga di Kuwata stampato ufficialmente dalla DC Comics

Il famoso manga su Batman, creato nel 1966 da Jiro Kuwata (ispirato alla serie televisiva con Adam West), finalmente approda ufficialmente negli USA! Tradotto in inglese e pubblicato dalla DC Comics per il 75° anniversario del Cavaliere Oscuro prima in formato elettronico e poi cartaceo.

Bat-manga. Non sono in molti a sapere che nel 1966 nacque, in Giappone, il Bat-manga, ovvero il manga di Batman. Grazie alla serie televisiva con Adam West, che approdò anche nel continente asiatico, il Giappone fu invaso da una vera e propria Bat-mania. Ben presto vennero prodotti tantissimi gadget nipponici del Cavaliere Oscuro e, fra gli altri, anche un manga originale su Batman. Il manga, raccolto in un unico libro, fu pubblicato negli USA solo nel 2008, ma non ottenne il giusto riconoscimento, rimanendo quasi sconosciuto fino adesso. Ora la DC Comics, in onore al 75° anniversario del Cavaliere Oscuro, ha intenzione di farlo conoscere pubblicandolo dapprima in formato elettronico (la prima uscita è stata il 5 luglio 2014), per poi passare al formato cartaceo.

Bat-manga – Edizione Giapponese. Nel 1966 la casa editrice Shōnen Gahōsha, vista la dilagante Bat-mania che imperversava in Giappone in quegli anni, acquistò dalla DC Comics i diritti per la pubblicazione di fumetti originali di Batman, realizzati da Jiro Kuwata (famoso per il manga 8 Man). La decisione di realizzare storie indipendenti fu presa per evitare la concorrenza con altre case editrici che avevano preso i diritti per tradurre in giapponese i fumetti americani del super eroe. La pubblicazione durò poco più di un anno, dal 1966 al 1967 (comprende 53 storie suddivise in 3 parti), e venne serializzata sulle riviste Weekly Shōnen King e, successivamente, su Shōnen Gaho ’60, ma non venne mai stampata in tankobon (cioè in volumi singoli). Appena la Bat-mania nipponica iniziò a scemare l’edizione giapponese del Bat-manga fu dimenticato da tutti.

Bat-manga – Edizione Americana. L’americano Chip Kidd (scrittore, editore e graphic designer) ha scritto diversi libri sul fenomeno Batman, per cui, quando ha scoperto la Bat-mania che si era scatenata in Giappone col telefilm degli anni ’60, non ha potuto fare a meno di documentarsi. In questo modo Kidd venne a conoscenza non solo di tutti i giocattoli nipponici a tema Batman, ma anche del Bat-manga di Kuwata. Kidd decise di raccogliere tutto il materiale in un libro, pubblicato poi nel 2008 con il titolo: Bat-Manga! The Secret History of Batman in Japan (Bat-Manga! La storia segreta di Batman in Giappone). Questa edizione americana comprendeva i fumetti di Kuwata, oltre i vari gadget e giocatoli nipponici di Batman. Per la parte dei gadget e giochi chiese aiuto ad un noto collezionista: Saul Ferris. Mentre per il fumetto si rese conto ben presto che c’era un problema: la DC Comics non lo aveva in archivio, anzi non era a conoscenza neanche della sua esistenza! Questo perché in quegli anni molti paesi richiesero i diritti di Batman per il proprio merchandising e il quantitativo di materiale che ne derivò era troppo per essere archiviato. Kidd, dopo molte ricerche, riuscì a trovare le storie nipponiche di Batman e affidò a Anne Ishii la traduzione in inglese. A questo punto contattò il fotografo Geoff Spear, perché le riviste rinvenute erano rare e preziose, quindi non si potevano usare per delle scansioni computerizzate, perciò si decise di fotografarle in alta qualità. Il libro uscì in due versioni, quella economica in formato tascabile e quella con la copertina rigida che conteneva 32 pagine extra.

Bat-manga – Manga. Lo stile di Kuwata ben si adattava alle storie di Batman: guardando le tavole non si ha subito l’impressione di un manga, ma di un classico comic americano. Il Bat-manga presenta storie singolari, di tipico stampo nipponico anche se palesemente ispirate dal telefilm di Batman di quegli anni con Adam West, questo perché a Kuwata è stata data carta bianca per le trame. I nemici utilizzati da Kuwata sono nuovi (tranne alcuni come Clayface e The Outsider) e così ci troviamo davanti anche alieni e dinosauri mutanti. Per citarne alcuni: Go-Go the Magician con la sua bacchetta magica in grado di controllare il tempo, Dr. Faceless con il suo viso deforme, Karmak il professor Gorilla, ovvero un gorilla che ha assorbito l’intelligenza di uno scienziato, e in primis troviamo Lord Death Man, presentato con una maschera a forma di teschio che non può essere rimossa, che può morire e tornare in vita a suo piacere. Comunque, le storie sono rivolte a un target molto giovane, semplici e divertenti, con scene d’azione davvero notevoli, ma c’è da notare che praticamente non si vedono Alfred, Bruce o Dick, pare che Batman e Robin stiano sempre in costume ad aspettare che avvenga qualche crimine.

Bat-manga – Jiro Kuwata. Jiro Kuwata inizia la sua carriera da mangaka (disegnatore di manga, ovvero fumettista giapponese) giovanissimo, a soli 13 anni, con la pubblicazione della sua prima opera (Kaiki Seidan). Ben presto si appassiona al genere dei super eroi e crea, insieme a Kazumasa Hira nel 1963, la sua opera principale: 8 man. Il manga viene subito trasformato in un anime che in futuro ispirerà la creazione di RoboCop. Grazie al suo stile è incaricato, nel 1966, della creazione del Bat-manga, progetto che porta avanti insieme a 8 man, per poi interromperlo bruscamente nel 1967, quando è arrestato per possesso di arma da fuoco, con il chiaro intento di suicidarsi. 8 man fu completato (era al suo ultimo numero) con la collaborazione di altri artisti, che però non soddisfecero pienamente Hira e per questo convinse Kuwata a rifarlo nel 1992, mentre il Bat-manga fu semplicemente interrotto.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Gisella Arlotti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Killer Instinct, il nuovo fumetto tratto dal videogioco di Nintendo

Dynamite Entertainment trasforma il videogioco picchiaduro della Nintendo in un fumetto. Killer Instinct ha debuttato lo scorso mese, mentre si attende l'uscita del terzo numero per metà novembre.La serie è affidata all'acclamato autore di bestseller del New York Times Ian Edington e all'artista Cam Adams. Lo scenario del videogame p...

 

The Evil Within 2, recensione videogame per PS4 e Xbox One

The Evil Within 2 è il videogioco horror di Bethesda Softworks, il seguito di un apprezzato primo capitolo che ha saputo ridare nuova linfa agli action a sfondo horror, con una Campagna convincente e un ritmo azzeccato. Il lavoro del team di sviluppo Tango Gameworks, guidato da Shinji Mikami, lo storico creatore della saga di Resident Evil, ...

 

Avengers: Infinity War, i Vendicatori aggiornano il look

Con le prime foto dal set di Avengers: Infinity War, i fan scoprono diversi cambiamenti relativi ai costumi dei protagonisti. L'ex Captain America (Chris Evans), ora Steve Rogers, abbandonerà la tuta a stelle a strisce in favore di un umore dark, mentre Thor (Chris Hemsworth) e Vedova Nera (Scarlett Johansson)si equipaggiano di un look decis...

 

Dynamite Entertainment, Atari Force: esce il volume ispirato ai videogiochi degli Anni Ottanta

Dynamite Entertainment pubblica le miniserie comics ispirate ai videogiochi della console domestica Atari 2600 raccolte in unico volume. I due fumetti uscirono nella metà degli Anni Ottanta per DC Comics ed erano ispirati al mondo di Atari, Inc. la società, fondata nei primi Anni Settanta, capace di lanciare il mercato dei videogames....

 

Forza Motorsport 7, recensione videogame per Xbox One e PC

Forza Motorsport 7 è il videogioco sviluppato da Turn 10 in esclusiva per piattaforme Microsoft, con l’attuale versione per Xbox One e PC e il futuro aggiornamento per Xbox One X il prossimo 7 novembre. La serie automobilistica americana si è ritagliata con il passare degli anni uno spazio importante all’interno delle simu...

 

Green River Killer A True Detective Story il fumetto della Dark Horse Comics

“Green River Killer A True Detective Story” è il fumetto della casa editrice Dark Horse Comics pubblicato in paperback nel 2015 in America. Dopo molto tempo dalla sua uscita, questo intrigante fumetto diventerà un film e le redini del progetto sono state assegnate a Michael Sheen. Il team creativo del fumetto invece &egrav...

 

Recensione Dov'è la casa dell'aquila? La nuova graphic novel di Orecchio Acerbo

Dov'è la casa dell'aquila? è la nuova graphic novel per bambini della casa editrice Orecchio Acerbo. Lo scorso 12 ottobre questo albo è uscito in tutte le fumetterie italiane. L'albo illustrato è composto da 28 pagine ed è adatto a tutti i bambini dai 4 anni in su. L'intera graphic novel è stata realizzata ...

 

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra, recensione videogame per PS4 e Xbox One

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è il videogioco sviluppato da Warner Bros Interactive Entertainment, l’incarnazione videoludica che utilizza luoghi ed immaginario de Il Signore degli Anelli di J.R.R Tolkien, con una struttura narrativa personale e incentrata sul personaggio dalla doppia anima di Talion e Celebrimbor. L’Om...

 

Justice League, Wonder Woman leader indiscussa

Il nuovo trailer “Heroes” di Justice League rivela scene spettacolari promettendo siparietti comici. Nella sequenza iniziale compare anche Henry Cavill nei panni di Superman, ma è una scena immaginata da Lois Lane (Amy Adams), l'adorata collega ora in lutto. Tra i fan, oltreoceano, c'è chi comincia a dubitare dell'effetti...

 

La filosofia di Marie Kondo in una spassosa graphic novel

Marie Kondo è la beniamina di milioni di donne che, grazie a lei, si possono avvalere del suo metodo, ribattezzato dalla stessa autrice KonMari, per tenere in ordine casa. “Il magico potere del riordino” debutta in Giappone nel 2011, mentre in Italia arrriva tre anni dopo grazie alla casa editrice Vallardi. Negli Stati Uniti, il ...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin